Orchidee laelia

La pianta di Orchidea laelia

L’Orchidea Laelia è un meraviglioso genere di orchidee che trova la sua origine botanica nelle foreste pluviale dell’America centrale e meridionale; in modo particolare la sua zona di competenza si estende dal Messico all’Argentina, con le maggiori concentrazioni che si rilevano in Brasile e nel Messico stesso. E’ una delle orchidee epifite, ovvero con radici aeree o anche su basi inerti come la pietra; inoltre ha sviluppo simpoidale, cioè cresce più orizzontalmente estendendosi che verticalmente. La Laelia presenta vari pseudobulbi, diversi in forme e dimensioni a seconda della specie; i fiori sono in generale bellissimi, a forma vagamente stellare e dai colori caldi e vivi (arancio, rosso e simili). La dimensioni di un fiore può variare moltissime tra le varie specie, passando dal 3 centimetri ad anche 50 centimetri; comunque la loro disposizione li vede riuniti in mazzetti all’apice di fusti fioriferi che possono essere anche numerosi per ogni stagione di fioritura. Le foglie delle Laelia sono ben messe, cioè abbastanza piccole ma compatte e di una certa vivacità cromatica che le fa amalgamare molto bene con i fiori.
laelia rosa

Mühlan Aquatic Plants - Pianta di orchidea, varietà Laelia purpurata var, vaso da 14 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 47,19€


Ambiente ed esposizione

La Laelia, anche per le sue caratteristiche fisiche, è un’orchidea alquanto diversa dalle altre orchidee; in poche parole essa non è la classica orchidea che deve vivere riparata dai raggi solari diretti, in penombra, bensì ama il sole pieno e le sue foglie piccole e turgide ne sono una indicazione preziosa. In pratica la Laelia cresce la maggior parte delle volte su rocce, ovvero in luoghi aperti; a tutto ciò possiamo associare due caratteristiche principali: una grande illuminazione anche diretta (tra i 30000 ed i 45000 lx) ed una eccellente ventilazione, con costante ricambio di aria sia per le foglie che per le radici (che ricordiamo sono aeree). La temperatura che ama la Laelia è molto alta, tra i 20 ed i 30 gradi centigradi; non ammette cali verso il basso repentini e decisi perché nel suo ambiente d’origine ciò non succede mai.

  • dendrobium giallo Il Dendrobium è una specie floreale molto diffusa, anche se la maggior parte di noi a sentire questo nome apparentemente così inusuale non riuscirà ad immaginare nella propri mente di cosa stiamo parl...
  • fiore di una mini orchidea. L' Orchidea costituisce, da sempre, una delle piante più apprezzate e coltivate. La pianta deve ciò ai suoi bellissimi fiori, di colori, forme e dimensioni varie. Proprio queste differenze causano la ...
  • Un esemplare di Aegraecum Sesquipedale Tutte le orchidee, anche se appartengono a un' unica famiglia botanica (anche molto estesa), comprendono varie specie che rendono la famiglia delle Orchidaceae una delle più numerose del regno vegetal...
  • Un esemplare di orchidea selvatica Le orchidee costituiscono una delle famiglie botaniche più ricche e variegate del mondo vegetale. Ci sono vari tipi di orchidee, ma più essenzialmente le suddividiamo in orchidee spontanee e ibridi. ...

Roleadro Led Grow Coltivazione Lampada da Piante Indoor 55CM 54W con Rosso e Blu Luce Led Impermeabile IP65 per Serre

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,99€
(Risparmi 15,01€)


Terreno

La Laelia è una pianta esclusivamente epifita, non vive sul terreno ma su superfici tipo rocce che devono avere la sola caratteristica di presentare qualche muschio e qualche lichene.


Messa a dimora e rinvaso

Siccome la Laelia è un’orchidea epifita, non abbiamo bisogno di un vaso per sistemarla; la sua sistemazione ideale è quella su un pezzo di tronco, su un ramo o anche su un pezzo di sughero lavorato, dall’effetto scenico molto originale. Quando vogliamo spostarla (è questo l’unico rinvaso possibile) è bene che si faccia con molta attenzione, bagnando prima la pianta e tutta la superficie su cui è appoggiata in modo da far ammorbidire la presa delle radici e staccarle con facilità senza danneggiarle. Se ciò dovesse capitare, è bene fare in modo di lasciare la pianta una settimana circa senza annaffiature per far rimarginare le ferite ed evitare di infondere attraverso l’acqua dei batteri o parassiti.


Annaffiature

Ogni pianta di laelia ha un suo periodo di fioritura particolare, ed è in questo periodo che le innaffiature possono arrivare anche a due al giorno in modo da dare alla pianta tutta la forza di cui necessita. Una cosa che è davvero importante è che la superficie su cui la pianta è appoggiata deve essere tale da asciugarsi facilmente e molto rapidamente, sia dopo le annaffiature che in tutti gli eventi legati all’acqua. Nella stagione di non fioritura bastano anche qualche annaffiatura a settimana, visto che la pianta resiste bene a qualche giorno di secca.


Concimazione

La concimazione dell’Orchidea Laelia va effettuata con una certa regolarità durante il periodo di crescita e di fioritura; ciò vuol dire che il concime (generico ed idrosolubile) va somministrato ogni due settimane circa ed insieme alla seconda parte della innaffiatura, visto che è meglio concimare con terreno leggermente umido in precedenza.


Radici orchidee

Detto che la Laelia è una orchidea esclusivamente epifita, le particolarità rilevanti delle radici di questa pianta sono terminate; in effetti questo genere di orchidee risulta particolare per i fiori e le foglie, ma non per le radici che sono comunque molto attive e solo un po’ delicate in fase di rinvaso (lo spostamento prima menzionato).


Orchidee laelia: Riproduzione orchidee

La laelia è un’orchidea che viene raramente riprodotta, in quanto innanzitutto non è molto diffusa alle nostre latitudini, e poi ha un prezzo alquanto accessibile guidato da un’abbondanza ed una facilità di crescita non comuni. Quindi spesso si preferisce acquistare un altro esemplare più che acquistarlo. Comunque, volendo, la tecnica di riproduzione che si adotta è quella per divisione della pianta. Bisogna porre l’attenzione su qualche particolarità; innanzitutto questa operazione è da effettuarsi al momento dello spostamento della pianta (il rinvaso diciamo). Altra cosa è che per la divisione vanno utilizzati elementi puliti ed igienizzati al cento percento perché ogni taglio può provocare l’invasione di un parassita, figuriamoci una divisione netta (per questo motivo poi si lascia una settimana il nuovo esemplare senza annaffiature per far prima rimarginare la ferita della divisione).



COMMENTI SULL' ARTICOLO