Decotto betulla

Come si prepara

Nella maggior parte dei casi, il decotto di betulla si deve preparare con le foglie più giovani della pianta di betulla: nel caso in cui cui le compraste in erboristeria, è sempre meglio accerta che provengono da coltivazioni biologiche certificate, in maniera tale da poter godere delle più importanti proprietà benefiche presenti naturalmente all'interno della pianta.

Spesso, si può procedere all'aggiunta di succo di limone o di qualche dolcificante (come ad esempio un pizzico di miele o di zucchero di canna), in maniera tale da rendere più il dolce il decotto di betulla.

Si consiglia, sopratutto quando si acquistano le foglie di betulla in erboristeria, di non eccedere le dosi indicate, che spesso coincidono con due tazze al giorno.

decotto betulla


Effetti benefici

decotto betulla I principi attivi che si possono trovare all'interno delle foglie di betulla risultano estremamente efficaci per quanto riguarda lo svolgimento di un'attività benefica e riequlibratrice dei liquidi che sono presenti nel corpo umano.

Piuttosto frequentemente, l'impiego di particolari preparati a base di betulla, come proprio i decotti, può permettere una migliore e più rapida eliminazione dei liquidi accumulati in eccesso dall'organismo, sia per quanto riguarda i tessuti che più in generali per l'intero corpo umano.

Il decotto di betulla si caratterizza per svolgere un'importante funzione depurativa (nel caso in cui vengano impiegate le foglie), mentre risulta un ottimo diuretico quando si sfrutta la corteccia di betulla.

Le foglie di betulla, infatti, sono estremamente ricche di flavonoidi, saponine e vitamine, mentre dalla corteccia si possono estrarre degli oli concentrati che si caratterizzano per un'elevata concentrazione di principi attivi.

In campo fitoterapico, la betulla è una pianta che viene impiegato con un'ottima frequenza: non dobbiamo dimenticare, infatti, come si sfruttano adeguatamente tutte le parti della betulla, che vengono raccolte nel corso del periodo balsamico, ovvero quella fase in cui si verifica la più importante concentrazione di principi attivi.

Nel caso in cui voleste provvedere alla raccolta manuale delle varie parti della pianta di betulla, per realizzare degli ottimi decotti, vi riportiamo alcuni importanti consigli.

Le foglie si possono raccogliere nel corso del periodo compreso tra il mese di giugno e quello di luglio, mentre le altre parti della pianta di betulla si possono raccogliere ottimamente nel corso della stagione primaverile.

Le foglie di betulla si caratterizzano anche per svolgere una funzione tipicamente purificante, dal momento che l'azione dei principi attivi ivi contenuti consente di attivare il metabolismo dei liquidi, oltre che provvedere all'eliminazione di tutti quelle tossine che disturbano l'organismo.

Il decotto di betulla si dimostra particolarmente efficace per quanto riguarda l'attivazione dei processi fisiologici di depurazione del corpo umano.

Le preparazione che comprendono proprio le foglie di betulla sono in grado di garantire proprietà depurative e drenanti, sopratutto per merito degli effetti diuretici.


  • betulla La betulla è un albero dalle origini antichissime ( esisteva già 30 milioni di anni fa) che può raggiungere l’altezza di 30 metri. Cresce lontano da zone boschive e colonizzate da altre specie. Appart...
  • cellulite tisane Prima di tutto, è fondamentale evitare di fare confusione tra la cellulite estetica, quella a cui noi stiamo facendo riferimento, con la cellulite infettive.Sfruttando termini medici, possiamo dire ...
  • tintura madre betulla La tintura madre di betulla si caratterizza per essere una macerazione dell'omonima pianta avvenuta servendosi sia dell'acqua che, sopratutto, dell'alcol: si tratta di una classica procedura che perme...
  • albero di betulla La betulla è una pianta appartenente alla famiglia delle Betulacee, che comprende all'incirca quaranta specie distribuite nelle aree temperate dell'emisfero settentrionale. Si tratta di piante eliofil...


Ricette

betulla foglie Si può realizzare un ottimo decotto anche sfruttando le gemme di betulla, che si possono facilmente trovare presso tutte le erboristerie.

In primo luogo, è necessario versare 100 grammi di gemme di betulla all'interno di 700 ml di acqua: accendiamo il fuoco e facciamo il bollire il decotto, fino al momento in cui la quantità di acqua non è scesa a 500 ml.

Infine, provvediamo al filtraggio, in maniera tale da rimuovere delle eventuali parti di gemme che possono essere rimaste all'interno del composto e poi possiamo servire il decotto all'interno di un bicchierino e il dosaggio non dovrà superare i tre bicchieri al giorno.

Nel caso in cui aveste intenzione di impiegare sia le foglie che le gemme della pianta di betulla, allora si può realizzare un altro ottimo decotto.

In questo caso, si consiglia di procurarsi circa venti-venticinque grammi di foglie e gemme di betulla, da versare all'interno di un litro d'acqua.

Facciamo bollire l'acqua insieme alle foglie ed alle gemme di betulla e, una volta raggiunta la temperatura di ebollizione, spegniamo il gas: arrivati a questo punto possiamo filtrare il composto, magari servendoci di uno strumento adeguato.

Ricordiamoci sempre di provvedere all'aggiunta di un grammo di bicarbonato di sodio.

Per realizzare quest'ultimo decotto, c'è anche la possibilità di impiegare la corteccia di betulla.


Decotto betulla: Avvertenze

betulle E' fondamentale, in ogni caso, evitare di andare oltre le dosi che vengono indicate sul foglio delle avvertenze, nel caso in cui si acquisti un prodotto in erboristeria.

Piuttosto frequentemente la betulla viene considerata una pianta assolutamente sicura e ancora priva di qualsiasi tipologia di effetto collaterale.

Non dobbiamo dimenticare come la presenza di una notevole quantità di salicilati (come avviene nell'aspirina), permette fondamentalmente di non avere controindicazioni.

Ad ogni modo, è importante che tutte quelle persone che risultano allergiche alla betulla, non assumano alcun tipo di decotto realizzato con le foglie di questa particolare pianta.



COMMENTI SULL' ARTICOLO