Oli essenziali bio

Origine degli oli essenziali bio

Gli oli essenziali bio sono delle sostanze aromatiche, particolarmente volatili, prodotte in speciali parti delle piante come fiori, frutti e foglie. Da questi organi sono estratti principalmente tramite distillazione in corrente di vapore, anche se, ultimamente, sono stati messi a punto nuovi sistemi di estrazione. Gli oli essenziali bio sono costituiti da un mix di composti, rappresentati da idrocarburi terpenoidi, eteri, esteri ed alcoli. Hanno un odore intenso, simile a quello della pianta da cui sono estratti, e possono essere incolori o colorati di giallo, verde o blu. Sono insolubili in acqua e molto solubili in alcool e in oli grassi. Le piante producono le essenze per svariati motivi, in primis per attrarre gli insetti impollinatori, fondamentali per la loro riproduzione. Inoltre, gli oli essenziali hanno anche una funzione di difesa, poichè, conferendo un sapore sgradevole alla pianta, tengono lontani predatori erbivori. Molti oli essenziali hanno anche funzione insetticida, e le piante sfruttano tale proprietà per uccidere parassiti potenzialmente dannosi.
Oli essenziali bio

Parakito - PREVENZIONE NATURALE DALLE PUNTURE DI ZANZARE - KIT 2 x Para'kito BRACCIALI Ricaricabili (RR) + 1 x 2 PIASTRINE Para'Kito …

Prezzo: in offerta su Amazon a: 36,9€


Proprietà degli oli essenziali bio

Composizione degli oli essenziali Tra le proprietà maggiormente ascritte agli oli essenziali bio, la più studiata è sicuramente quella microbicida. Molti oli essenziali, infatti, hanno la capacità di uccidere numerosi ceppi batterici e fungini e hanno anche spiccate proprietà antivirali. Essi, inoltre, possono influenzare il tono della muscolatura liscia, mostrando quindi proprietà antispasmodiche, utili per placare crampi e spasmi di diversi organi. Gli oli essenziali bio, inoltre, sono in grado di potenziare l'attività delle cellule secernenti muco, aumentando anche il movimento delle ciglia che rivestono la mucosa respiratoria: questo spiega l'utilizzo frequente di alcuni oli essenziali come espettoranti. Vastissimo è poi il capo di applicazione in aromaterapia, grazie alla spiccata attività degli oli essenziali bio a livello del sistema nervoso centrale. Moltissimi oli essenziali bio, infatti, sono utilizzati nei profumatori per ambiente e nei brucia essenze, per la loro capacità di indurre uno stato di relax e calma, placando così gli stati ansiosi e le condizioni di stress e nervosismo.

  • capelvenere Il capelvenere, il cui nome scientifico è “Adiantum capillus veneris”, fa parte della grande famiglia delle Polypodiacee ed è una pianta che appartiene al gruppo, estremamente più diffuso, chiamato co...
  • cerfoglio Il cerfoglio, il cui nome scientifico è “Anthriscus cerefolium”, è una pianta che fa parte della grande famiglia delle Ombrellifere.Si tratta di una pianta annuale che presenta delle foglie che somi...
  • menta Il genere Mentha include delle piante che provengono dal continente europeo e che vengono coltivate fin dal 1750 in Inghilterra e da lì poi si diffusero in tutti gli altri continenti.Attualmente, la...
  • Pompelmo Come gli altri agrumi, anche il pompelmo è una realtà ormai consolidata in Italia sia come alimento sia come coltivazione locale, diffusa estensivamente soprattutto nelle aree dal clima più caldo e so...

Advanced Nutrients - Bud Factor X 250Ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24€


Come utilizzare gli oli essenziali bio

Oli essenziali bio Alla luce delle numerose proprietà degli oli essenziali bio si può facilmente dedurre che i campi di applicazione di queste sostanze sono pressochè infiniti. L'attività balsamica ed espettorante si può sfruttare per la cura delle affezioni respiratorie tipiche della stagione invernale, utilizzando poche gocce dell'olio essenziale bio specifico per inalazione, nei suffumigi, o sotto forma di massaggi sul torace e sul petto, per alleviare stati tussivi e difficoltà respiratorie. L'attività antimicrobica ci consente di utilizzare gli oli essenziali bio nella risoluzione di numerose malattie dermatologiche come, ad esempio nella cura dell'acne e della dermatite seborroica. Inoltre, l'attività antifungina di alcuni oli essenziali bio li rende adatti come rimedio di candidosi vaginali e onicomicosi, mentre le proprietà antivirali spiegano l'uso per fronteggiare infezioni herpetiche. Infine, l'utilizzo forse maggiore è nel settore dell'aromaterapia: molti oli essenziali bio sono utilizzati, anche come oli da massaggio, per le proprietà rilassanti, antidepressive e anti stress, per ridurre la tensione nervosa e combattere l'insonnia.


Oli essenziali bio: Controindicazioni degli oli essenziali bio

Utilizzi degli oli essenziali bio Pur essendo sostanze totalmente naturali, non bisogna sottovalutare mai i possibili effetti collaterali dettati da un uso improprio degli oli essenziali bio. Alcuni oli, infatti, sono fototossici: bisogna, quindi, assolutamente evitare di applicare l'olio essenziale sulla cute e poi esporre la parte interessata alla luce solare. Inoltre, è bene tener conto della possibilità che gli oli essenziali bio, in quanto sostanze naturali, possano essere dei potenti allergeni. Quindi, chi ha già problemi di allergia a determinate sostanze dovrebbe utilizzare l'olio essenziale per via topica, prima su una porzione limitata di pelle e osservare la comparsa di reazioni avverse nelle 24 ore successive all'applicazione. Gli oli essenziali bio non devono essere utilizzati in gravidanza e nei bambini al di sotto dei 3 anni. Infine, l'uso per via interna è sconsigliato per alcuni oli essenziali che possono risultare potenzialmente velenosi. Per tutte queste ragioni, prima di utilizzare un olio essenziale bio, è bene consultare il proprio farmacista o erborista di fiducia, chiedendo tutte le avvertenze utili per il buon utilizzo di queste sostanze.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO