Periodo della potatura olivo

vedi anche: potatura olivo

L'irrigazione

L'olivo sopporta bene una siccità intensa e teme i terreni umidi. Tuttavia se l'acqua manca in momenti come l'allegagione, ovvero la formazione dei frutticini, o l'invaiatura, quando inizia l'accumulo dell'olio nel frutto, la produzione di olive potrebbe essere compromessa. È necessario pertanto assicurare una sufficiente irrigazione durante l'attività vegetativa della pianta: da marzo- aprile fino a settembre-ottobre. Quando il fabbisogno idrico non riesce ad essere garantito dalle precipitazioni e dalla riserva idrica accumulatasi nel suolo durante il periodo invernale e primaverile, durante i mesi più caldi quali luglio ed agosto, la pianta potrebbe andare incontro a stress. Per questo motivo è bene ricorrere ad un sistema di irrigazione "goccia a goccia". Tale irrigazione, oltre a favorire una maggiore produzione di frutti, evita il fenomeno dell'alternanza produttiva e permette di diradare gli interventi di potatura.
Sistema irrigazione

Cifo Oleosan Plus insetticida anti cocciniglia 500 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,4€


La coltivazione

Uliveto La coltivazione dell'olivo avviene in un ambiente mediterraneo nel quale la temperatura non scenda oltre i 7-8 gradi sotto lo zero; brevi gelate possono lasciare per anni tracce nell'apparato vegetativo. L'elevata umidità del suolo e dell'aria è un fattore negativo. In genere la coltivazione dell'olivo non supera i 450 metri sul livello del mare, ma in posizioni favorevoli può andare oltre. L'olivo è adattabile a tutti i tipi di terreno ma preferisce i suoli calcarei o calcarei argillosi, purché ben drenanti, di impasto medio. È bene evitare i terreni sabbiosi e quelli troppo compatti. L'olivo è una pianta robusta, poco esigente e molto longeva a discapito dell'inizio della fruttificazione. Per ottenere un buon uliveto bisogna curare la forma delle piante, che necessitano di un'accurata potatura,pulizia e disinfezione delle parti malate.La potatura favorisce la produzione delle olive. Il taglio di formazione su una giovane pianta, eliminando i rami, permette la formazione di un monotronco che rinforza la linea centrale. Il taglio di fruttificazione, limitato all'estetica della pianta, deve essere annuale e poco profondo per non danneggiare la produzione delle olive.

  • pianta olivo L’olivo è la pianta tipica dell’agricoltura antica delle regioni mediterranee, è di tipo sempreverde, la sua crescita è molto lenta e la sua caratteristica principale è quella di essere molto longeva,...
  • olivo La potatura dell’olivo è una delle pratiche colturali maggiormente attuate dagli agricoltori per aumentare la produzione dei frutti. L’olivo è una pianta arborea coltivabile originaria delle zone med...
  • olivo bonsai L'olivo bonsai si caratterizza per far parte della categoria delle sempreverdi e per provenire da tutte quelle zone che rientrano nel bacino del Mediterraneo.Tra le principali caratteristiche di que...
  • innestolivo2 L’innesto, specie per l’olivo, consente delle ottime possibilità di attecchimento e una buona qualità di produzione. L’olivo, infatti, non riesce a riprodursi bene per seme, dando per lo più vita a va...

Vigor Vfp-72 Forbici per Potatura, con Batteria a Litio da 7.2 V

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,8€


La concimazione

Olive pianta Molta attenzione va prestata alla preparazione del terreno e alle concimazioni. La concimazione varia da zona a zona, in funzione del tipo di terreno e del tipo di coltivazione. Ricordando che è una pianta poco esigente, l'olivo può sopravvivere per anni senza la somministrazione di fertilizzanti. Tuttavia, per ottenere una produzione importante, anche dal punto di visto qualitativo delle olive, è necessaria una concimazione annuale di sostanze minerali e/o organiche. In generale, l'olivo utilizza bene concimi a lento effetto somministrati nell'impianto: nel corso della vegetazione è possibile effettuare sovesci, ripetute zappature e irrigazioni. È molto importante fare attenzione al periodo in cui il concime viene somministrato. I periodi in cui il fabbisogno della pianta aumenta sono la ripresa vegetativa, all'inizio della primavera, e la formazione dei frutti,in primavera-estate.


Periodo della potatura olivo: Le malattie più frequenti

Mosca ulivo Gli attacchi alla pianta di olivo sono differenti a seconda che si tratti di una pianta giovane o di una che è già nello stadio produttivo. La Fumaggine o "nero d'olivo" è un fungo, trasportato dalla cocciniglia o dalla psilla che produce sulle foglie una polvere nera che impedisce all'albero di respirare. Per prevenirla bisogna vaporizzare sulle foglie prodotti a base di rame o solfiti. Il Cycloconium o "occhio di pavone" si presenta come una macchia rotonda di colore bruno e può causare più danni perché colpisce anche i frutti. Lo si previene attraverso la vaporizzazione di prodotti a base di ossicloruro e solfato di rame. La Verticillosi è un fungo che invade la pianta attraverso il sistema linfatico quando si verificano danni alle radici o durante la potatura. Ne consegue il disseccamento di alcuni rami. Il Cancro (o rogna) si presenta come un'escrescenza del legno che spesso si forma dopo una gelata. Per questi ultimi due tipi di infezione non esistono trattamenti. Diversi insetti attaccano fiori, foglie e frutti dell'olivo. La più importante è la mosca delle olive che, deponendo le sue uova all'interno dell'oliva, le spolpa. Il trattamento preventivo prevede la nebulizzazione di un miscuglio di sostanze attrattive e insetticidi, quello curativo usa il dimetoato.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO