Potatura ficus benjamin

vedi anche: ficus benjamin

Potatura ficus benjamin

Il Ficus benjamin è una pianta molto presente nelle nostre case. Dal valore ornamentale innegabile, questa pianta è in realtà un albero perenne sempreverde originario dell’Asia. Amante dei climi tropicali, il Ficus benjamin può raggiungere anche i trenta metri di altezza. In appartamento, però, coltivato in vaso, si “limita” a raggiungere al massimo i due metri.

La pianta può ottenere dei benefici da adeguati interventi di potatura. Bisogna dire che questi interventi non sono sempre necessari, perché tutte le piante generalmente sanno come orientare il loro portamento e la loro produzione. Nel Ficus benjamin, la potatura ha un valore puramente estetico e decorativo, ma anche pratico, qualora si debba procedere ad operazioni di rinvaso. Gli interventi di potatura di questa pianta comprendono tagli e cimature.

potare <strong>ficus benjamin</strong>

Crenova SH-01 Cesoie per Potatura con Lama in Metallo Pesante, Ideale per Potatura del Giardino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€


Caratteristiche

foglie ficus benjamin Come detto al paragrafo precedente, il Ficus benjamin, necessita solo di potature al bisogno. Non si tratta, come si potrebbe erroneamente credere, di un albero con esigenze periodiche di potatura, come può accadere per le specie da frutto. Questa specie, appartenente alla famiglia delle Moraceae, comprende diverse varietà di Ficus, anche nane o bonsai. Il Ficus benjamin è la specie dal portamento più classico, con un tronco grigiastro che si innalza dal vaso e foglie di un colore verde intenso e lucido, a volte con riflessi grigi in alcune varietà. La chioma del Ficus benjamin è elegante, ordinata e ben disposta. A volte, la crescita disordinata di alcuni rami può portare a uno sfasamento dell’originaria simmetria della pianta. E’ in questo momento che bisogna procedere alla potatura, ovvero alla rimozione dei rami che rischiano di danneggiare la resa estetica del Ficus benjamin.

  • ficus benjamin La pianta di ficus è sicuramente una di quelle che sono in grado di svilupparsi maggiormente, ma quegli esemplari che vengono utilizzati per adornare le nostre abitazioni, senza ombra di dubbio presen...
  • foto afidi buongiornoin salotto ho un grande ficus beniamino che ultimamente presenta un lato con la parte superiore delle foglie appiccicosa. sembra pianga!Infatti sul parquet a volte c'è come resina. che d...
  • ficus benjamina Quando parliamo del Ficus facciamo riferimento a quel genere che appartiene alla famiglia delle Moracee e include tutta una serie di piante sempreverdi (addirittura più di 800) che provengono un po' d...

GR&#220;NTEK Cesoie Potatura Giardinaggio GRIZZLY a Incudine 470mm Troncarami a cricchetto. Due in uno: cesoie per il giardino e per potatura

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,98€
(Risparmi 4€)


Come procedere

foglie ficus benjamin Il Ficus benjamin va potato nei primi due, tre anni di vita, con la cosiddetta potatura di formazione. In questi anni si cerca di impostare la forma ideale della pianta, togliendo quei rami che rischiano di alterarla o che sembrano disordinati. Questa potatura non va effettuata in maniera drastica, perché la pianta deve crescere secondo la sua direzione naturale. In tal senso si può affermare che la potatura di formazione ha solo lo scopo di guidare e di accompagnare la crescita naturale della chioma.

Dalla stessa vanno eliminati i rami rotti, secchi e spezzati o quelli troppo lunghi che sporgono troppo in alto, in basso o ai lati, rovinando l’originaria simmetria dell’albero.

La potatura di formazione si effettua eliminando prima i rami secchi, spezzati, rotti o malati e poi quelli con crescita disordinata o asimmetrica. L’eliminazione dei rami disordinati consiste in una vera e propria sfoltitura della chioma, dove vanno tolti anche dei rami molto sottili e secchi che crescono all’ombra e che non ricevono abbastanza luce. Durante la potatura di formazione o di allevamento si può praticare la cimatura, ovvero l’asportazione dei germogli apicali. Questa operazione favorisce l’emissione di nuovi getti laterali che donano alla pianta una classica forma a cespuglio. Nella pianta adulta non è sempre necessario potare. Gli interventi vanno fatti, come già accennato, solo al bisogno, per eliminare rami malati, vecchi, rotti o spezzati. Un’altra potatura si può eseguire durante il rinvaso della pianta. In questo caso si procede ad eliminare la massa radicale in eccesso. Ci si accorge di dover rinvasare quando le radici del Ficus sporgono all’esterno del vaso, sollevando lo strato di terreno, o al di sotto dei fori di drenaggio. La potatura da rinvaso consiste nell’eliminare le radici secche, spezzate o malate e poi quelle in eccesso. La potatura delle radici può asportare anche la metà delle stesse. Quelle sane si possono anche usare per la propagazione di nuove piante di Ficus.


Quando potare

piccola pianta ficus benjamin La potatura del Ficus benjamin, essendo praticabile al bisogno, si può effettuare in qualsiasi momento. In genere, il periodo migliore per potare la pianta è a fine inverno, cioè all’inizio della primavera, quando il Ficus riduce l’emissione di latice e resiste meglio ai tagli. La rimozione delle parti malate, secche o spezzate può comunque avvenire in qualsiasi stagione. Anche il rinvaso e la rimozione delle radici in eccesso vanno effettuati in primavera. I tagli si effettuano con forbici o cesoie ben affilate e disinfettate. Per i rami più robusti si può usare anche il seghetto. Gli attrezzi devono essere puliti e disinfettati sia prima che dopo l’uso. Nei rami più grandi, le ferite di taglio vanno coperte con mastice per evitare la trasmissione di funghi, virus e batteri. Nel caso in cui il Ficus benjamin adulto dovesse apparire sano e senza particolari problemi, la potatura si può tranquillamente rinviare. In genere, gli interventi nella pianta adulta vanno effettuati al bisogno o a cadenza pluriennale. I tagli di potatura vanno effettuati in maniera netta e decisa, ma non violenta. Si deve tagliare delicatamente, in maniera soft per intenderci, ma senza lasciare sfilacciature nel legno. Queste, infatti, rendono più difficile la cicatrizzazione delle ferire e favoriscono la trasmissione di malattie vegetali.


Malattie e parassiti

ficus benjamin foglie Il ficus benjamin, come la maggior parte delle piante, può essere colpito da insetti parassiti che rendono la pianta più debole. Tra questi troviamo i tripidi, piccoli insetti dall’apparato boccale pungente-succhiante che provocano sulle foglie piccole bolle e nei casi più avanzati, macchioline marroni; le cocciniglie, insetti che si nutrono della linfa del ficus e lasciano sulle foglie una secrezione biancastra e appiccicosa; infine, gli acari, simili a piccoli ragnetti, causano una decolorazione delle foglie e il rallentamento della crescita della pianta. Il ficus può essere colpito anche da altri tipi di malattie ma a differenza di quanto accade con i parassiti, la cui conseguenza è un repentino indebolimento della pianta, il ficus ha una resistenza maggiore alle malattie rispetto ad altri tipi di piante.



Guarda il Video
  • ficus benjamin Il ficus benjamina appartiene alla famiglia delle Moraceae È originario dell’Asia sudorientale e dell’Oceania. È un alb
    visita : ficus benjamin
  • ficus benjamina Fortunatamente, le malattie del Ficus Benjamin non sono poi così frequenti accade però che anche il Ficus Benjamin venga
    visita : ficus benjamina
  • bonsai ficus benjamin Il ficus benjamin è una delle piante che possiamo consigliarvi per sviluppare al meglio la vostra nuova passione, vale a
    visita : bonsai ficus benjamin
  • potatura ficus Spesso siamo abituati a coltivare la pianta di ficus elastica all'interno delle mura domestica, cercando sempre di darle
    visita : potatura ficus

COMMENTI SULL' ARTICOLO