L'abete rosso

vedi anche: Abete rosso

L'irrigazione

L'abete rosso teme la siccità, soprattutto nei primi anni. Quindi non bisogna esitare ad innaffiarlo nel periodo secco. Necessita annaffiature regolari, ma non eccessive. Anche il fogliame va spruzzato mentre non è esposto al sole. In preparazione dell'inverno, l'abete rosso deve accumulare acqua per affrontare le condizioni estreme. Dalla fine dell'estate il suo metabolismo rallenta. In inverno, quando è esposto a temperature al di sopra del punto di congelamento, l'abete continua a svolgere la fotosintesi e questa comporta una perdita continua di acqua. A ciò si aggiungono i venti invernali combinati con il freddo disidratante. Le pratiche di irrigazione divengono necessarie, anche per le piante in terra, a causa dei cambiamenti climatici che comportano incremento della temperature medie annuali e diminuzione delle precipitazioni estive. Si tratta di fattori che, se non corretti con tecniche di irrigazione, possono compromettere la stabilità e la produttività delle foreste.
Vivaio abeti rossi

Bison 11-13-800009 - Cuneo in plastica da abbattimento

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,55€


La coltivazione

Abete rosso L'abete rosso prospera in qualsiasi terreno, preferendo, tuttavia, i suoli acidi, profondi e freschi. Bisogna piantarlo al riparo dal vento. Per l'abete rosso in vaso, la semina avviene nel tardo autunno o all'inizio della primavera. Quelli con radici nude si piantano in periodo autunnale, prima del gelo. Le radici non devono essere raffreddate e bisogna effettuare una buona pacciamatura. Si potrà prevedere una potatura di formazione, se necessaria, in inverno, specialmente prima dell'apparizione dei nuovi getti e solo per i rami ridondanti o che rompono la sagoma dell'albero. Bisogna diserbare regolarmente il piede e scuotere i rami giovani dalla neve. L'abete rosso in vaso può essere un soggetto originale per le terrazze. Si possono anche realizzare dei bonsai. Si tratta di un albero che non ama avere intorno altre piante perenni.

  • abete rosso Vorrei sapere come si sviluppano ed a quale profondita possono arrivare le radici dell'albicocco e dell'abete. Vi informo che lo spessore del terreno è di 70cm e sotto di questo ci sono dei garage. ci...
  • abete rosso Salve, sono Luigi,ho acquistato un abete in un vivaio, perché vorrei metterlo a dimora nel mio giardino, ma una volta tolta la rete sotto le radici mi sono reso conto che le radici grandi sono state...
  • Un albero gigantesco Se desideriamo nel nostro grande giardino piantare un albero di alto fusto, prima di fare la scelta giusta per alberi di questo genere, risulta fondamentale avere in considerazione importanti particol...
  • Tipico esempio di giardino interno Una delle maggiori differenze tra i classici giardini per esterni ed i giardini interni è rappresentata dalla presenza di mura perimetrali in grado, molto frequentemente, di bloccare, o anche solo lim...

Organici non OGM zucca ornamentale Mix 25 semi - aperta a impollinazione (Small misto)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


La concimazione

Foglie acero rosso La fertilizzazione nel vivaio si propone di mantenere il terreno ad un adeguato livello di fertilità, ripristinando i minerali che vengono asportati dalle piante. Per la scelta del dosaggio e per la natura del fertilizzante occorre tener conto di diversi aspetti specifici. L'abete rosso è acidofilo, il ph ottimale per le piantine è circa 5. Esso soffre, quindi, un apporto pletorico di elementi minerali, soprattutto di calcio, che a poco a poco neutralizza il suolo. Non si devono quindi superare le dosi corrispondenti alle asportazioni, a meno che il suolo del vivaio non sia troppo povero in origine. Dal momento che l'asportazione di calcio da parte dell'abete rosso è relativamente bassa, è opportuno scegliere concimi poveri di questo elemento, acidificanti, quali il perfosfato semplice o triplo, piuttosto che i fosfati naturali o le scorie.


L'abete rosso: L'esposizione e le malattie

Picea abies La migliore esposizione dell'abete rosso è nella semi ombra o al sole. L'abete rosso è sensibile alla siccità, alle piogge acide e al forte vento. Le malattie sono principalmente dovute ai funghi e sono favorite dall'umidità. Questa pianta è sensibile alla ruggine degli aghi, al marciume radicale, agli acari rossi, alle cocciniglie, al pidocchio delle conifere, alla processionaria dell'abete, alla tortrice dei germogli. Diverse specie di coleotteri possono causare danni alimentandosi del legno che si trova appena sotto la corteccia. Tuttavia i coleotteri attaccano raramente i soggetti giovani e forti e le piante isolate. Gli alberi di piccole dimensioni possono anche essere suscettibili agli afidi. Questi procurano galle sui rami e caduta degli aghi. Per combatterli si potrà spruzzare una soluzione a base di ortica.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO