Come coltivare il narciso

vedi anche: Narciso

Annaffiare il narciso

Il narciso non necessita di costante irrigazione in autunno ed in inverno, ma deve essere frequentemente annaffiato in primavera: il periodo vegetativo si colloca in linea di massima tra marzo e maggio. Se la pianta è coltivata in vaso l'operazione deve essere regolare; se, invece, cresce all'aperto, bisogna agire in base alle precipitazioni ed evitare, in ogni caso, ristagni idrici che potrebbero provocare danni. È fondamentale che il terreno non rimanga mai completamente asciutto per troppo tempo. Anche d'estate è indispensabile prestare attenzione alla quantità d'acqua somministrata alla pianta, in quanto un'eccessiva irrigazione può causare malattie fungine; l'elevata temperatura, se unita all'umidità del terreno accentuata dall'annaffiatura, ha come ulteriore conseguenza il deterioramento dei bulbi.
Una pianta di narciso

Flower Rack 2 livelli in legno for fiori Staffa for mensola Espositore for cortile Scaffale for piante Supporto for vasi Scaffale for piante Scaffali for stoccaggio Scaffali for esterni all'aperto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 167,95€


Come coltivare e curare il narciso

Bulbi di narciso Questa pianta si dimostra resistente alla calura dell'estate, ma predilige comunque un terreno fresco, morbido e ben drenato; il periodo più indicato per piantare i bulbi è quello compreso tra settembre e dicembre, in modo da assicurare un più solido radicamento. La coltivazione del narciso è complessivamente semplice, purché si seguano alcune, essenziali regole: ad esempio, non bisogna tagliare le foglie per sei-sette settimane dopo la fioritura, così da preservare le riserve di nutrimento. È importante anche piantare i bulbi a 10-20 centimetri di profondità e rimuovere con tempestività i fiori appassiti. Non è indispensabile una potatura frequente, ma ogni tre-quattro anni potrebbe essere opportuno sfoltire le foglie, le quali, se in eccesso, possono determinare il soffocamento dei bulbi.

  • narcissus a fiore doppio Il Narciso (Narcissus) è un bulbo di origine europea della famiglia delle Amaryllidaceae composto da centinaia di specie diverse. Questo bulbo è molto utilizzato nel giardinaggio per le aiuole, i prat...
  • narcisi Il narciso trae la propria origine dall’Europa e viene coltivano per creare aiuole, decorare ed abbellire giardini, prati, in vaso per ornare terrazzi e balconi ma anche come fiore reciso. I fiori di ...
  • Il narciso – simbolo della bellezza e della fertilità femminile nell’antica cultura ebraica – diventò il fiore prevalente nelle celebrazioni cristiane di Pasqua per sottolineare la rinascita prometten...
  • Tarassaco o Dente di Leone Il Tarassaco o Dente di leone ("Taraxacum officinale") è così chiamato per le sue foglie munite di piccoli denti. E' una specie erbacea a fiore appartenente alla famiglia delle Asteracee, cresce spont...

YILIAN HPHUAJIA Cremagliere per Interni Ed Esterni Multistrato per Vasi di Fiori, Vasi per Piante E Scaffali per Vasi in Legno Anticorrosione Stand di Fiori (Size : 86CM)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 180,07€


Come concimare

Un narciso ben concimato Per la concimazione, non appena il bulbo è stato piantato, si consiglia di utilizzare prodotti appositi a rilascio lento che bilancino i tre fondamentali macroelementi, ovvero l'azoto, il potassio ed il fosforo; gli ultimi due sono particolarmente importanti per il nutrimento e lo sviluppo della pianta, mentre l'azoto può essere presente in misura minore. Durante la stagione di crescita, la primavera, è invece conveniente un semplice e generico concime per bulbi, facilmente reperibile, che deve essere somministrato alla pianta con moderazione, mensilmente, insieme all'acqua utilizzata per l'irrigazione. La concimazione è da sospendere quando termina il periodo primaverile di crescita ed inizia invece quello di riposo vegetativo, del quale un indice è rappresentato dal progressivo ingiallimento degli steli.


Come coltivare il narciso: Esposizione, malattie e rimedi

Un'infestazione di afidi Per quanto riguarda l'esposizione, essa deve avvenire al sole durante il periodo di fioritura, mentre nel corso del riposo vegetativo è necessaria una collocazione al riparo dalla luce diretta, preferibilmente a mezz'ombra. In genere questa pianta non teme né il freddo né il caldo, e proprio grazie alla sua resistenza è ampiamente diffusa e coltivata; può correre tuttavia dei rischi, in particolare a causa di parassiti come gli afidi. Questi ultimi tendono a perforare le foglie ed i rametti e rappresentano un pericoloso veicolo di malattie; vengono debellati con degli insetticidi a base di piretro o con rimedi naturali come il macerato d'ortica. Fastidiose sono anche le muffe e le malattie fungine, le quali possono essere prevenute evitando un'eccessiva irrigazione e temperature elevatissime.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO