Malva - Malva silvestris

vedi anche: decotto malva

Malva

La malva, il cui nome scientifico è Malva sylvestris, è una pianta erbacea cespugliosa appartenente alla famiglia delle Malvacee. E’ coltivata come pianta ornamentale e per le sue straordinarie proprietà fitoterapiche; è conosciuta fin dall’antichità grazie alle sue caratteristiche. Il nome “malva” deriva dal latino “mollire alvum” che vuol dire rendere molle e dal greco “malakos" che significa dolce e calmante; “sylvestris” significa selvatico. E’ originaria dell’Europa e dell’Asia; è diffusa in tutte le regioni mediterranee e montane e la possiamo trovare fino ad un’ altitudine di 1300 m; cresce spontaneamente nei campi, nei luoghi erbosi o lungo le strade.

La malva ha un fusto eretto robusto e ricoperto di peluria, con un’altezza che va da 30 cm a 1 m e una radice a fittone; le foglie hanno un lungo picciolo, sono costituite da 5 – 7 lobi, hanno i margini seghettati e sono ricoperte di peluria come il fusto; i fiori sono formati da 5 petali bilobati e sono di colore rosa tendente al viola(detto appunto color malva) con venature viola più scuro e si trovano all’ascella della foglia. Questa pianta presenta l’eliotropismo, cioè il fiore si muove seguendo gli spostamenti del sole, come avviene nel girasole.

Della malva si utilizzano i fiori raccolti all’inizio della fioritura e le foglie più giovani per preparare infusi e decotti. Foglie e fiori si conservano facendoli essiccare all’aria al riparo dai raggi del sole e poi posti in vasi di vetro. La malva ha proprietà idratanti ed emollienti (come indica il nome); se ne può preparare un infuso da aggiungere all’acqua del bagno o utilizzarla per preparare prodotti di bellezza; è inoltre diuretica, lassativa e sedativa; è usata per curare infiammazioni della bocca, delle vie digerenti, urinarie e respiratorie. E’ utilizzata anche per la creazione di saponi, dentifrici e colliri. I germogli e le foglie giovani si usano anche in cucina crudi o cotti conditi con olio, limone e sale.

malva

KHW 34139 Flowerclip - Set di 3 vasi per piante, colore malva

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,02€


Ambiente ed esposizione

La malva può crescere bene in qualsiasi ambiente. L’ esposizione migliore è quella in pieno sole, ma questa pianta cresce in modo ottimale anche a mezz’ombra. Resiste bene sia alle alte che alle basse temperature, ma è meglio porla in un luogo al riparo dal vento.

  • Lo splendido fiore di ibisco nativo dell’Asia e delle isole del Pacifico, introdotto in Europa nel ‘700 e negli Usa un secolo dopo, è ormai reperibile in quasi tutto il globo con denominazioni e signi...
  • malva2 La malva è una pianta erbacea annuale, biennale o perenne che annovera diverse varietà, tra cui la Malva vulgaris, la Malva alcea, la Malva moscata e la Malva silvestris. Si tratta di varietà spontane...
  • tisane dimagranti Nella maggior parte dei casi, le tisane dimagranti devono essere consumate con dosaggi piuttosto ridotti e per un periodo di tempo abbastanza lungo.Le tisane si possono realizzare mediante infusione...
  • tisana di malva Per realizzare una semplice tisana di malva, sarà necessario eseguire poche, semplici operazioni.Prima di tutto, saranno sufficienti due cucchiaini di erba secca di malva (che deve essere precedente...

La 2a sedia di visitatore di serie Diego malva

Prezzo: in offerta su Amazon a: 71,88€


Terreno

Per quanto riguarda il terreno la malva non ha esigenze particolari, può essere coltivata anche in terreni sabbiosi oppure asciutti, ma è preferibile utilizzare un substrato ricco di materiale organico.


Messa a dimora e rinvaso

E’ consigliato effettuare la messa a dimora dalla fine dell’estate a dopo la fine dell’inverno, evitando i periodi con temperature troppo basse. Si scava una buca profonda il doppio della lunghezza delle radici, si mette la pianta nella buca e poi si ricopre con la terra; poi bisogna comprimere la terra e annaffiare abbondantemente. Se le piantine crescono troppo vicine vanno distanziate di circa 30 cm. Il rinvaso va fatto in primavera quando le piantine avranno raggiunto un’altezza di 8 – 10 cm.


Annaffiature

Si consiglia di annaffiare la malva regolarmente nei periodi più caldi; in autunno e in inverno va annaffiata con minore frequenza. Meglio evitare i ristagni d’acqua e di bagnare troppo il terreno.


Concimazione

La malva non ha bisogno di una eccessiva concimazione; in caso di necessità si può utilizzare un concime granulare a lenta cessione; questa concimazione va effettuata ogni tre, quattro mesi evitando, però, la primavera inoltrata che è il periodo più adatto alla raccolta di fiori e foglie.


Riproduzione

La produzione avviene per seme; la semina viene fatta in primavera oppure in estate. Un altro metodo di riproduzione è la talea da effettuarsi in primavera inoltrata o in estate. La malva spesso si dissemina anche da sola; inoltre nuove piante possono essere create per divisione dei cespi.


Potatura

La malva non ha bisogno di grandi potature; basta accorciare i rami a fine fioritura ed eliminare le parti secche e danneggiate.


Fioritura

Fiorisce a partire dalla primavera e per tutta l’estate; se si eliminano i fiori appassiti la fioritura si protrae fino all’autunno. Il fiore ha un colore molto particolare, che va dal rosa al violetto; a questo colore si è dato appunto il nome di color malva. Queste piante si prestano molto bene alla creazione di macchie colorate nei giardini, grazie anche alla loro prolungata fioritura.


Malattie e parassiti

Se si formano ristagni d’acqua o eccessiva umidità, la malva può essere attaccata da funghi che portano al marciume delle radici; in questo caso bisogna intervenire facendo asciugare l’acqua in eccesso e utilizzando dei prodotti fungicidi. Un altro problema è costituito dall’attacco di afidi e cocciniglie da combattere lavando la pianta e trattandola con prodotti specifici.


Vendita

Prima di acquistare la malva si consiglia di verificare lo stato di salute della pianta, la crescita, se ci sono stati stress idrici e carenza di luce e la presenza di eventuali malattie. E’ preferibile scegliere piante sane, con colori brillanti e prive di parti secche o danneggiate.


Specie

La famiglia delle malvacee comprende circa 25 specie; oltre alla malva sylvestris, in Italia troviamo anche la malva alcea, che è una pianta che ha vistosi fiori rosa; un’altra specie nota è la malva crispa che ha le foglie arricciate.


Curiosità

La malva era utilizzata per le sue proprietà già al tempo dei Greci e dei Romani. Era così apprezzata che il famoso filosofo e matematico greco Pitagora, riferendosi alle proprietà di questa pianta, scrisse: “semina la malva, ma non mangiarla; essa è un bene così prezioso che non bisogna farne uso con egoismo a nostro vantaggio, ma si deve riservare al nostro prossimo”

Per i Pitagorici era una pianta sacra; era molto apprezzata anche da Carlo Magno come pianta ornamentale. Nel Medioevo era utilizzata nelle pozioni d’amore come calmante contro gli afrodisiaci. Fin dal 1500 questa pianta viene definita “omnimorbia” cioè rimedio per tutti i mali e ancora oggi è una delle piante medicinali più venduta in erboristeria.



  • malva pianta Per la realizzazione di un ottimo decotto a base di fiori di malva, non si incontreranno certamente molte difficoltà, an
    visita : malva pianta
  • fiori di malva Malva sylvestris, questo il nome scientifico per Malva, appartiene alla famiglia delle Malvacee ed è una pianta cespugli
    visita : fiori di malva

COMMENTI SULL' ARTICOLO