Viola del pensiero - Viola tricolor

Viola del pensiero

La viola del pensiero è una piccola pianta erbacea molto graziosa. Il suo nome scientifico è Viola tricolor; appartiene al genere Viola, che comprende circa 400 specie, e alla famiglia delle Violaceae. E’ originaria dell’Europa e dell’America; in Italia è molto conosciuta e apprezzata e viene coltivata a scopo ornamentale; la possiamo trovare nei giardini dove si usa per creare aiuole e bordure, o anche sui terrazzi e sui balconi, posta in vasi. La viola del pensiero può raggiungere un’altezza di 10-20 cm; ha foglie peduncolate che possono essere lanceolate o arrotondate; i fiori sono portati da piccioli eretti, hanno petali rivolti verso l’alto e possono essere di diversi colori a seconda della varietà: gialli, viola, blu o di più colori.
viola

Amazon - Fiore - Viola del Pensiero - Matrice Midnight Glow F1 - 300 Semi - Confezione Maxi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,03€


Ambiente ed esposizione

viola Le viole del pensiero vanno posizionate in un luogo soleggiato, possibilmente alla luce diretta del sole; se vengono poste in luogo ombreggiato si avrà un maggiore sviluppo delle foglie e scarsità di fiori. Non temono il caldo e sopportano bene anche le temperature molto basse, quindi possono essere tenute in giardino tutto l’anno. E’ preferibile tenerle al riparo dal vento, che potrebbe danneggiarle.

  • fiore di tulipano rosso Il tulipano è sempre stato uno dei fiori più amati al mondo per la semplicità della forma e per le innumerevoli e coloratissime fioriture. Araldo della primavera, è tra i primi fiori a sbocciare ogni ...
  • lobelia La lobelia è una pianta erbacea molto decorativa. Appartiene al genere Lobelia, che comprende circa 200 specie, e alla famiglia delle Campanulaceae. Il nome di questa pianta deriva dal botanico belga ...
  • fiore di iris viola Tra tutti i fiori, l’iris trasmette più eloquentemente sentimenti profondi e positivi: l’assoluta fiducia, l’affetto dell’amicizia, il trionfo della verità, ma soprattutto la saggezza e la promessa de...
  • viola La viola è una pianta molto apprezzata, sia per la bellezza dei fiori, sia per il suo delicato profumo. Questa pianta appartiene al genere Viola, che conta circa 400 specie differenti di piante erbace...

Closer to Nature artificiale Rosso Viola del pensiero, bianco Pansy e variegata Ivy Display in un nero basalto 60 centimetri Trough Planter - Artificial Bedding Plug Impianti e Gamma display

Prezzo: in offerta su Amazon a: 87,34€
(Risparmi 1,59€)


Terreno

Per una crescita ottimale della viola del pensiero si consiglia di utilizzare un terreno soffice, leggero, fertile e ben drenato; è preferibile mescolare alla terra della torba e della sabbia che favorirà il drenaggio dell’acqua.

LA VIOLA DEL PENSIERO IN BREVE
Altezza Fino a 30 cm
Portamento Eretto o tappezzante
Coltura Semplice
Manutenzione bassa
Rusticità Da media ad alta
Esposizione Pieno sole (Nord), mezz’ombra (Sud)
Irrigazioni medie
Suolo Ricco, ma anche povero. Fresco ma ben drenato
Utilizzo Aiuole, bordure, giardino roccioso, vaso, composizioni
Densità Da 9 a 15 piantine per m2
Suolo Da ottobre a maggio


Messa a dimora e rinvaso

La messa a dimora va effettuata dalla fine dell’autunno, all’inizio della primavera. La pianta va rimossa dal suo contenitore e va ripulita dalla terra in eccesso, facendo attenzione a non danneggiare le radici; si scava una buca che abbia una profondità pari al doppio della lunghezza delle radici e vi si pone la pianta; poi si ricopre di terra, si compatta il terreno e si annaffia abbondantemente. Il rinvaso va fatto ad inizio primavera; va utilizzato un vaso leggermente più grande di quello precedente; si consiglia di utilizzare dei contenitori di terracotta che permettono il passaggio dell’aria.


Annaffiature

Le viole del pensiero non hanno bisogno di annaffiature eccessive; l’irrigazione va regolata in base alla temperatura; in primavera e in estate vanno annaffiate, possibilmente con acqua a temperatura ambiente, due, tre volte la settimana; in autunno e in inverno le annaffiature vanno diminuite. Bisogna evitare i ristagni d’acqua, quindi è maglio che il terreno sia asciutto tra un’irrigazione ed un’altra.


Concimazione

fiore della viola In primavera o all’inizio dell’estate si può concimare la viola del pensiero con un concime in granuli a lenta cessione, che va mescolato al terreno; per una migliore fioriture è utile dare alla pianta del concime liquido per piante da fiori, che va aggiunto all’acqua delle annaffiature e va somministrato ogni 20-30 giorni.


Riproduzione

La riproduzione delle viole del pensiero avviene per seme. La semina va effettuata alla fine dell’estate. I semi vanno posti in un contenitore con del terreno fertile e soffice; dopo poco tempo i semi inizieranno a germogliare e spunteranno le piantine; quando le piantine saranno sufficientemente grandi potranno essere poste in vasi singoli; le nuove piantine saranno messe a dimora verso il mese di ottobre, in quelle zone dove il clima è mite, oppure in primavera se la temperatura è più fredda.


Potatura

Le viole del pensiero non necessitano di grandi potature. Bisogna eliminare le foglie e i fiori secchi e le parti danneggiate; questa operazione va fatta con delle forbici ben affilate, in modo da non danneggiare la pianta, e soprattutto pulite, per evitare infezioni. Se si eseguirà il taglio delle parti secche, verrà prolungata la fioritura.


Fioritura

La viola del pensiero comincia a fiorire all’inizio della primavera e la fioritura continua fino all’estate. I fiori possono essere di diversi colori a seconda della varietà, gialli, viola, blu oppure multicolori. Sono molto decorativi e vengono usati per dare colore ai giardini, o per abbellire terrazze e balconi.


Malattie e parassiti

viole fiorite Una eccessiva umidità può favorire lo sviluppo di malattie fungine; il rimedio consiste nell’utilizzare dei prodotti fungicidi; per prevenire queste malattie si consiglia di non eccedere nelle annaffiature. La viola del pensiero può essere attaccata anche da afidi e cocciniglie; in questo caso bisogna intervenire lavando la pianta e usando un insetticida specifico. E’ meglio trattare la pianta quando non ci sono fioriture.


Vendita

Prima di acquistare la viola del pensiero si consiglia di osservarla attentamente, per verificare l’assenza di malattie e di parassiti; si consiglia, inoltre, di verificare se la pianta è stata sufficientemente annaffiata, controllando se la terra del vaso è umida; in caso contrario significa che le annaffiature sono state scarse. Meglio evitare di comprare piante che presentano parti secche o danneggiate. Sono da preferire quelle rigogliose e dalla fioritura abbondante.


Specie

viola Del genere Viola fanno parte circa 400 specie; oltre alla Viola tricolor o Viola del pensiero, altre specie note sono: la Viola cornuta, dai fiori color viola; la Viola odorata, più conosciuta come Viola mammola, che ha fiori viola scuro molto profumati; la Viola calcarata, che ha fiori gialli o lilla.


Curiosità

La viola del pensiero ha proprietà depurative, diuretiche e lassative, usata come decotto; inoltre è utilizzata nel trattamento delle affezioni cutanee. E’ usata anche in profumeria per la creazione di profumi. Le viole mammole sono apprezzate anche nell’industria alimentare; i “bonbons à la violette” sono un prodotto dolciario caratteristico della città Tolosa, in Francia.


Utilizzo in piena terra

viole fiorite Le viole del pensiero sono ideali per rallegrare il giardino dall’autunno alla primavera. L’estrema rusticità consente loro di fiorire anche con temperature di poco superiori allo zero. Con freddo più intenso arresteranno la crescita ed entreranno in riposo vegetativo, ma saranno pronte a ripartire appena vi sarà un accenno di bel tempo.

Per questo trovano largo impiego nelle aiuole, più o meno formali, in centro città o nei giardini privati. Possiamo creare ampie aree scegliendole in varie sfumature tono su tono o dando vita a stupendi effetti di contrasto.

Le più basse si renderanno utili fino alla metà della primavera, svolgendo il compito di belle coprisuolo. È un’ottima scelta inserirle nell’area in cui spunteranno le bulbose (narcisi, giacinti, tulipani). Raramente sono di ostacolo e i loro colori e profumi si sposano ottimamente. Si mostreranno ancora più preziose quando le bulbose cominceranno ad appassire: quella zona manterrà un aspetto gradevole e curato.

Vista la loro lunga stagione di fioritura possono essere impiegate come “tappabuchi” nelle bordure erbacee e miste. Trovano anche una loro collocazione nel giardino roccioso, insieme ad altre essenze dalle dimensioni contenute.


Utilizzo in vaso

Le viole del pensiero sono tra le piante più amate per l’impiego in contenitori. Possono essere cresciute in ciotole o inserite nelle balconette che durante l’estate saranno occupate da gerani o petunie.

L’importante è dotarle sempre di un substrato piuttosto profondo e ricco in materia organica ben decomposta, neutro o leggermente alcalino. Aggiungiamo al comune terriccio per piante fiorite qualche manciata di stallatico e, dal momento dell’invaso, del fertilizzante granulare con un alto tenore di potassio. Per fioriture gloriose sarà però quasi sempre necessario integrare con del concime liquido, diluendolo in dosi minime, ma costanti, nell’acqua di irrigazione. Accertiamoci inoltre che l’azoto non sia eccessivo: induce una vigorosa crescita vegetativa a discapito della produzione di boccioli.

Vista la predisposizione delle viole allo sviluppo di marciumi radicali e di oidio è di estrema importanza approntare uno spesso strato drenante e evitare l’utilizzo del sottovaso.


Protezione dal freddo intenso

Abbiamo detto che le viole non temono il freddo. In caso di forti gelate (al di sotto di -12°C) può tuttavia capitare che la terra dei vasi, specialmente quelli più piccoli, ghiacci completamente portando alla morte il piede degli esemplari. In questi casi è bene spostarli per tempo in una collocazione ben assolata, possibilmente esposta a Sud, e nei pressi di un muro: sarà di enorme aiuto nel proteggerle dal vento, un loro temibile nemico.

Utile può ugualmente essere coibentare il vaso con materiale apposito (per esempio vari strati di giornale). Una antica, ma ancora ottima tecnica resta quella di riempire un cassone di sabbia inserendovi all’interno i nostri piccoli contenitori.


Raccolta dei semi

Per non inficiare la produttività delle piantine è bene lasciarle andare a seme solo dal mese di aprile. L’ovario del fiore evolverà gonfiandosi, per poi aprirsi in tre parti. A quel punto attenderemo che il tutto risulti completamente secco, taglieremo il peduncolo e lo scuoteremo all’interno di un sacchetto. Ideali per la conservazione sono i filtri per il tè, precedentemente svuotati.


Semina

La semina è sicuramente il metodo più semplice, ma ricordiamoci che (specialmente se avevamo piantine di colore diverso) raramente ci garantisce di mantenere le qualità peculiari (colori, dimensioni).

Il periodo migliore per la semina è agosto: dopo la germinazione le violette avranno tutto il tempo di crescere ed irrobustirsi prima dell’arrivo dei primi freddi.

In tutti i casi i semi non andrebbero mai coperti da più di 4mm di terriccio fine (anche se l’ideale è impiegare la vermiculite agricola). Per alcune specie la germinazione è veloce (occorrono al massimo 2 settimane), per altre (che necessitano di stratificazione invernale) è al contrario necessario attendere parecchi mesi (anche fino alla primavera). I migliori risultati si ottengono tenendo in questo periodo i vasetti al buio.


Talea

viole bellissime Un metodo piuttosto semplice che consente di mantenere le caratteristiche della cultivar è la talea.

Si prepara impiegando steli pieni, nei mesi da giugno ad agosto (per avere piantine pronte in autunno) o da agosto a settembre (per impianto a primavera). Molte volte si possono rinvenire delle porzioni laterali già parzialmente radicate pronte all’uso. Diversamente conviene inserire gli steli in una composta molto leggera, di torba e agriperlite (o sabbia) in uguali proporzioni, mantenendo all’ombra e ben umido.


Viole uso in cucina

Il grande interesse per la cucina ha portato negli ultimi anni alla riscoperta culinaria dei fiori eduli. Sono interessanti sia per guarnire i piatti sia, come appunto per le viole del pensiero, per donare un gusto particolare alle pietanze.

Sono infatti dotate di un sapore amarognolo con toni di menta, che si sposa bene con le insalate primaverili e alcuni formaggi delicati.

Possono essere abbinate ad altri capolini commestibili quali il nasturzio, il fiore di borragine o di erba cipollina, la calendula, la camomilla.

Ricordiamoci sempre di utilizzare solo quelli cresciuti senza l’uso di fitofarmaci o acquistarli nei reparti ortofrutta.



Guarda il Video
  • viola del pensiero Queste piccole annuali, o perenni dalla breve vita, sono ibridi derivati dall'incrocio di alcune specie di viola di orig
    visita : viola del pensiero
  • viola fiore La viola appartiene alla numerosa famiglia delle violaceae. Attualmente se ne contano oltre 800 specie diverse che diffe
    visita : viola fiore
  • viole fiori tu sei in : giardinaggio.it - video - coltivazione delle viole - video Aiutaci a crescere clicca coltivazion
    visita : viole fiori

COMMENTI SULL' ARTICOLO