Acero giapponese

Come irrigare

L'acero giapponese, in particolare durante i mesi estivi, ha bisogno di annaffiature costanti e regolari; è fondamentale che il terreno non rimanga mai asciutto per un lungo periodo, in quanto ciò potrebbe causare danni alle foglie. In inverno, invece, e soprattutto se si verificano precipitazioni abbondanti, le irrigazioni devono essere ridotte per evitare i ristagni idrici, acerrimi nemici della pianta e causa di marciumi all'apparato radicale. Si consiglia, come metodo, l'irrigazione per aspersione, detta anche a goccia in quanto l'acqua viene distribuita tramite gocciolatori sulla superficie del terreno o direttamente alle radici; i getti sottili possono essere continui o intermittenti a seconda delle esigenze, e ciò permette di fornire le risorse idriche in maniera razionale e ben ponderata.
Esemplare acero giapponese

ACERO ROSSO GIAPPONESE"acer palmatum atropurpureum" vaso Ø 15 altezz 40-80 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Come coltivare

Acero giardino Il terreno ideale per questa pianta è morbido, sciolto e ben drenato, possibilmente acido; meglio evitare, nel suolo, una concentrazione eccessiva di calcare. La semina va effettuata in primavera; le piantine acquistate in vivaio, invece, vanno messe a dimora preferibilmente nella stagione autunnale, in una buca larga circa il doppio rispetto alla totalità delle radici. Una lavorazione preliminare del terreno, per eliminare le erbacce ed aerare le zolle, garantisce condizioni migliori per lo sviluppo della pianta. La potatura non è strettamente necessaria, dato che questo piccolo albero cresce piuttosto lentamente, ma se si vuole intervenire per regolare la sua forma occorre utilizzare strumenti puliti e disinfettati e limitarsi a tagliare i rami che fuoriescono dalla sagoma in maniera evidente.

  • Paesaggio aceri L'acero generalmente si adatta bene a quasi tutte le situazioni in cui viene impiantato. Nei primi periodi, soprattutto in caso di pianta giovane, le innaffiature devono essere frequenti o meglio anco...
  • foto acero rosso ho pintato acero rosso in vaso sul balcone esposto al sole tutta la mattina il vaso ha la riserva di acqua noto però che le foglie sono ammosciate e sta diventando verde ...
  • acerola L’acerola è una pianta estremamente diffusa nel continente americano, in particolare in Sudamerica.Si tratta di un arbusto che può arrivare ad un’altezza pari a quattro metri e le principali coltiv...
  • succo acero Il succo d'acero è una di quelle bevande che possono vantare una ricca presenza di minerali purificanti: inoltre, riesce ad essere particolarmente efficace per contrastare gli stati di stanchezza e tu...

ACERO ROSSO GIAPPONESE"Acer Palmatum Fire Glow" VASO DIAMETRO 20 CM

Prezzo: in offerta su Amazon a: 26,4€


La concimazione

Foglie acero giapponese Si suggerisce di praticare la concimazione due volte all'anno, in primavera ed in autunno, con prodotti organici o con fertilizzanti contenenti i tre principali macroelementi, ossia il fosforo, il potassio e l'azoto. Quest'ultimo dovrebbe essere tuttavia somministrato in misura minore rispetto agli altri due, dato che il suo scopo primario è incentivare la crescita delle parti vegetative: di conseguenza, se distribuito in quantità eccessive, potrebbe indebolire la pianta. Il fosforo è indispensabile per un corretto metabolismo, il potassio per aumentare la resistenza al freddo ed alle infestazioni dei parassiti. Bisogna fare attenzione ad un'eventuale carenza di questi tre elementi; la pianta, se privata delle sue sostanze nutrienti, può andare incontro a un deperimento globale ed al disseccamento delle foglie.


Acero giapponese: Esposizione, malattie e parassiti

Acero ragnetto rosso L'acero giapponese predilige un'esposizione luminosa, a meno che le temperature non siano eccessivamente elevate, o anche a mezz'ombra; la pianta non teme il freddo, ma i venti intensi potrebbero essere pericolosi per il fogliame. Tra le malattie fungine che possono colpire questo piccolo albero vi è l'oidio, chiamato anche albugine per la muffa biancastra con cui si manifesta: nei casi più gravi, l'esemplare attaccato può persino arrivare alla morte. Come rimedi si suggeriscono prodotti anticrittogamici a base di zolfo. Tra i parassiti, invece, molto fastidiosi sono i ragnetti rossi e le cocciniglie, che determinano il disseccamento delle foglie ed il deterioramento dell'intera pianta; i primi vengono contrastati con soluzioni come il macerato d'ortica, le seconde con l'olio bianco minerale.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO