Clematis

Quando e quanto irrigare le piante clematis

Il genere Clematis comprende oltre 250 specie e varietà di piante rampicanti e erbacee. Le irrigazioni rappresentano un aspetto molto importante per ottenere vegetali rigogliosi e resistenti alle malattie. Infatti, tutti gli esemplari di Clematis amano i suoli sempre umidi e freschi. Per assicurare le condizioni ambientali ideali è indicato fornire un apporto idrico frequente a partire dalla stagione primaverile. L'acqua viene dispensata una volta a settimana ed è consigliabile bagnare in profondità il substrato. Le annaffiature divengono più frequenti con l'arrivo dei caldi mesi estivi. In luglio e in agosto, può essere necessario innaffiare in maniera abbondante le piante di Clematis anche ogni giorno. In autunno le annaffiature vanno gradualmente diradate e in inverno vengono del tutto sospese.
Fiore clematis

Scudo Rose Connettore Rosa Smaltata, Inglese Rose Charles Austin, Austin 1973

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,69€


Come prendersi cura delle piante clematis

Fiori clematide Le specie rampicanti di Clematis possono raggiungere in breve tempo i tre metri di altezza. Sono considerate piante rustiche e sopportano senza troppe difficoltà le temperature inferiori ai -10°C. La messa a dimora può avvenire in autunno oppure all'inizio della stagione primaverile. Per una crescita continuativa è importante fornire un terreno a medio impasto, fertile, leggermente alcalino e ben drenato. L'ideale è scegliere un substrato composto da un terriccio ricco di sostanza organica da mescolare a della torba o dell'argilla. Le piante di Clematis possono essere coltivate in vaso, in questo caso è consigliabile travasarle in contenitori più capienti, ogni 2-3 anni. Inoltre, è utile potare i rampicanti al termine della stagione invernale, eliminando i rami secchi e danneggiati.

  • Clematis armandii L'esotico arbusto trae esclusiva origine dal continente asiatico e trova classificazione nella vastissima e composita famiglia delle Ranunculaceae. Questa pianta rampicante si caratterizza per il pecu...
  • Comune immagine della Clematis Vitalba Parliamo della clematis vitalba, clematide, barba di vecchio, erba dei pezzenti o semplicemente Vitalba; tanti sono i nomi per la pianta in questione. E' una pianta rampicante molto conosciuta perchè ...
  • Fiori clematide Il nome Clematide deriva dal greco Clematis, che significa letteralmente tralcio di vite. Appartiene al genere di piante Dicotiledoni e alla famiglia delle Ranuncolacee. Vi fanno parte specie volubili...
  • bouganville buttiana A molti di noi sarà sicuramente capitato, passeggiando tranquillamente per le vie delle nostre città, di vedere e restare affascinati dagli splendidi colori della Bouganville, questa pianta così parti...

Philips Lighting Abelia Lampada da Tavolo da Esterno Senza Fili, LED Integrata, Nero, XL

Prezzo: in offerta su Amazon a: 54,05€
(Risparmi 0,5€)


Quando e come concimare la pianta

Pianta clematis Le specie e le varietà di Clematis per crescere e fiorire copiosamente hanno bisogno di concimazioni periodiche da effettuare durante l'anno. In autunno, per preparare le piante alla stagione invernale, è utile cospargere dello stallatico ben maturo intorno al colletto, mescolandolo agli strati superficiali del terreno. La ripresa vegetativa avviene in primavera e per supportare la produzione floreale è indicato somministrare un buon concime organico liquido, da diluire nell'acqua delle irrigazioni. È consigliabile scegliere una soluzione che mantenga bassi i livelli di azoto, mentre deve essere ricca di potassio e fosforo. Il fertilizzante può essere dispensato anche una volta alla settimana, fino al mese estivo di luglio. In questo periodo è indicato sospendere del tutto le concimazioni liquide.


Clematis: Esposizione, malattie e possibili rimedi

Infiorescenze pianta clematide Le Clematis prediligono le esposizioni soleggiate e luminose. Tuttavia, è consigliabile lasciare al riparo dai raggi solari diretti il colletto delle piante. Tra i nemici di queste piante si annovera la forbicina, un parassita che può colpire questa tipologia di vegetali. Per fermare l'infestazione è utile impiegare dei prodotti specifici da acquistare presso i rivenditori autorizzati. Di origine fungina è il cosiddetto seccume, che attacca i nuovi getti facendoli seccare. Per combattere questa malattia è necessario intervenire potando le parti danneggiate ed è consigliabile trattare le piante con della poltiglia bordolese. Infine, l'oidio detto anche mal bianco è una patologia che può ledere la salute delle Clematis, in questo caso è opportuno intervenire con delle soluzioni a base di rame e zolfo.



COMMENTI SULL' ARTICOLO