Cotoneaster

Informazioni generali sul cotoneaster

Appartenente alla famiglia delle Rosaceae, il cotoneaster deve il suo nome alle parole greche "kydonéa" (cotogno), che deriva a sua volta da Kydon (Cidone, città cretese), e "astro" (simile), fatto che sottolinea come le foglie di alcune varietà abbiano foglie simili a quelle delle mele cotogne. Proprio le foglie sono piccole e di un verde brillante, che però in autunno tende verso il rosso; invece, i fiori esistono nelle tonalità del bianco o del rosa, sbocciano per tutta la durate dell'estate e in autunno vengono sostituiti da bacche rosse, piccole e di forma ovoidale. Queste bacche non sono commestibili, né da parte dell'uomo né di altri animali, essendo infatti lievemente tossiche, cioè capaci di provocare disturbi gastrointestinali. Le varietà più diffuse sono il C. Salicifolia (sempreverde) e il C. Horizzontalis (caduco).
Particolare delle bacche di cotoneaster

COTONEASTER DAMMERI RADICANS BOX 6 PIANTE SEMPREVERDE

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,5€


Tecniche di coltivazione e annaffiatura

Cotoneaster horizzontalis Il cotoneaster è una pianta particolarmente semplice da coltivare, adatta quindi anche al più inesperto dei giardinieri. Si tratta infatti di una pianta rustica, in grado di resistere a temperature inferiori a 0°C, così come pure agli sbalzi termici. Nonostante riesca a vivere anche in condizioni di mezz'ombra, è con l'esposizione diretta ai raggi solari che si raggiunge il potenziale massimo nella sua crescita e fruttificazione. Per quanto riguarda l'annaffiatura, questa può essere evitata durante il periodo invernale, in quanto la pianta si accontenta anche solo delle acque piovane; diventa invece necessaria durante la stagione estiva, rendendosi fondamentale la costante umidificazione del terreno. Si raccomanda di far asciugare il terreno tra un'innaffiatura e la successiva, per evitare ristagni idrici, significativamente dannosi per la pianta.

  • Cotoneaster Il magnifico Cotoneaster proviene dal vecchio continente, oltre che da quelli africano e sopratutto asiatico, e fa parte del fitto raggruppamento tassonomico delle Rosacee. Esistono molte varietà di q...
  • corniolo Il corniolo, il cui nome scientifico è “Cornus mas”, è un arbusto a foglie caduche che appartiene alla famiglia delle Cornacee.Si tratta di una specie che ha avuto origine nel vecchio continente, ma...
  • Pepe Delle spezie attualmente in uso, il pepe è tra non solo tra le più diffuse, ma anche tra quelle note sin dai tempi più antichi provenienti da terre molto lontane dalle nostre. L'origine del pepe, in t...
  • bacchegoji Benvenuti nella sezione dedicata alle bacche di Goji, frutti di una pianta coltivata in Tibet e in Cina. Di queste bacche si sa ancora poco, perché si tratta di una novità recente nel campo dell’erbo...

Cotoneaster Cotonastro Horizontalis Piantine di Cotognastro in Vaso 7x7 cm - 40 Piantine in Vasetto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 36,99€


Tipologia di terreno, concimazione e potatura

Esemplare di cotoneaster salicifolius Il cotoneaster risulta una pianta facile da coltivare, soprattutto in ragione del fatto che non è per nulla esigente in fatto di terreno di coltura. Nonostante si adatti perfettamente ad ogni tipo di terreno, un substrato ottimale è quello di tipo argilloso e ben drenato, facilmente che si può ottenere mescolando torba, terriccio e sabbia di fiume. Inoltre, si consiglia di unire all'acqua dell'innaffiatura un concime liquido di tipo organico, che sia soprattutto ricco di potassio e fosforo, macroelementi fondamentali per permettere crescita e sviluppo ottimali della pianta, oltre che una buona resa nella fruttificazione. La potatura nel cotoneaster caduco va effettuata alla fine dell'inverno, mentre nel cotoneaster sempreverde all'inizio della primavera, ma in entrambi i casi va eseguito un accorciamento dei rami secchi.


Cotoneaster: Moltiplicazione

Il cotoneaster si può moltiplicare per talea o per semi. Nel primo caso si agirà per talee legnose con piante sempreverdi, utilizzando dei rametti di circa 10 cm di lunghezza, mentre si agirà per talee semi legnose con piante caduche. Nel secondo caso, qualora si decidesse di riprodurre il cotoneaster per semi, questa operazione dovrà cominciare alla fine dell'autunno, in concomitanza con la raccolta delle bacche. Queste andranno aperte e private dei semi, di cui si potrà saggiare la germinabilità immergendoli in acqua ed eliminando quelli che galleggiano. I restanti semi andranno prima disposti in vasetti, in cui avremo precedentemente posto il substrato sopra descritto, e poi esposti all'aperto. Con la stagione primaverile le piantine germoglieranno e avranno bisogno di annaffiatura costante.


Guarda il Video
  • cotoneaster Il Cotonastro è una varietà originaria della Cina e dell'Himalaya. Il genere conta specie di arbusti a foglie decidue
    visita : cotoneaster
  • cotonaster Pyracantha e cotoneaster sono due generi di arbusti sempreverdi appartenenti alla famiglia delle rosacee; entrambi i gen
    visita : cotonaster

COMMENTI SULL' ARTICOLO