Lagerstroemia

L'irrigazione

Il grazioso arbusto proviene dal continente asiatico e fa parte del raggruppamento tassonomico delle Lythraceae. Risulta molto diffuso in ogni angolo del pianeta ed è vivamente apprezzato come ornamento di strade e giardini per la sua variopinta infiorescenza, con tinte candide, rosacee o violacee in base alla varietà di appartenenza. Questa bella pianta non denota particolari necessità in tema di irrigazione, ed anzi, se posta all'esterno, andrà innaffiata sporadicamente e soltanto quando il suolo si presenti disseccato. Maggiori esigenze di irrorazione presenterà, invece, la sua sistemazione all'interno delle abitazioni, specialmente durante le stagioni primaverile ed estiva. Nondimeno, occorrerà non provocare pozze e stagnazioni in occasione delle bagnature, potenzialmente in grado di recare danneggiamento nelle radici della Lagerstroemia.
Lagerstroemia

Lagerstroemia indica "Rubra" - alberello [Vaso Ø24cm]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 65€


Cura e coltivazione

Lagerstroemia coltivazione La Lagerstroemia si trova abitualmente sistemata in ambiente esterno, ma talune specie arbustive potranno trovare adeguata collocazione anche all'interno delle abitazioni, in recipienti di buona capienza. In entrambi i casi, le esigenze in buona sostanza non muteranno e la pianta dovrà essere dotata di terreno pregno di materiali organici, con presenza contemporanea di torba e elementi sabbiosi in grado di assicurare il perfetto ed efficiente drenaggio. Se ricoverata in recipiente, andrà periodicamente sottoposta ad operazioni di rinvaso, almeno ogni triennio, con utilizzo di contenitori via via sempre più grandi. Le opere di potatura, invece, non saranno particolarmente complesse, richiedendosi di base soltanto l'accorciamento oppure la periodica eliminazione dei rami vecchi e danneggiati.

  • Lantana Il nome della Lantana si riferisce al genere di piante Dicotiledoni, appartenente alla famiglia delle Verbenacee e comprendente, inoltre, numerose specie, la maggior parte delle quali originarie dell’...
  • dalia rosa La pianta della dalia è originaria del Messico, è coltivata spesso nei giardini e ne esistono di tante qualità: decorative, quelle con fiori di grandi dimensioni e disposti a raggi, quelle con petali ...
  • foto gelso Il gelso, nome comune per morus, appartenente alla famiglia delle Moraceae comprende un piccolo genere di alberi decidui, molto affascinanti per il loro sviluppo, che nel corso degli anni diventano co...
  • gelso Il gelso è un albero da frutto secolare appartenente al genere Morus e alla famiglia delle Moraceae. E’ diffuso in Asia, Europa e Nordamerica, ma le sue origini si riferiscono alla Cina orientale e ce...

PIANTA DI LAGERSTROEMIA INDICA RED IMPERATOR IN VASO Ø 19 ALTEZ.70-80 CM

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,8€


Come fertilizzare

Lagerstroemia fiore Ovunque sia alloggiata, l'incantevole pianta andrà generosamente e costantemente fertilizzata per tutto l'anno, con differenze in base alla stagione climatica in corso. Nelle stagioni primaverile ed estiva andrà opportunamente conferito, ogni 2 settimane, fertilizzante peculiare per la tipologia arbustiva o universale per piante fiorite, con sensibile presenza di componenti azotate e potassiche, in aggiunta agli specifici microelementi. Dovrà trattarsi di concime di natura liquida, disciolto nell'acqua usata per l'irrorazione. In autunno ed in inverno la concimazione andrà limitata ma assolutamente non interrotta, dovendosi privilegiare in questa fase fertilizzanti solidi, caratterizzati dal progressivo e graduale rilascio, con cadenza bimestrale. Potranno essere utilizzati anche concimi organici, idonei a mantenere vivo il substrato.


Lagerstroemia: Esposizione e possibili malattie

Lagerstroemia fiore Questo magnifico arbusto richiede un habitat particolarmente illuminato e soleggiato, finanche esposto ai raggi diretti del sole. Forte e resiliente, potrà trovare alloggio anche in ambienti parzialmente ombrosi e sostenere condizioni climatiche discretamente fredde e rigide, ma ne potrà risentire la fioritura primaverile, in termini di esuberanza e rigoglio. La pianta decorativa, infine, potrà essere oggetto di muffe e patologie fungine, quasi certamente dovute all'umidità ambientale ed alle stagnazioni d'acqua nel terreno di coltura, assai pericolose sia per la salute che per il benessere dell'albero. Alquanto sporadici, ma da non escludere, gli attacchi di insetti e parassiti, come i temibili afidi: in questo caso, si utilizzeranno presidi naturali e biologici oppure specifico insetticida.



COMMENTI SULL' ARTICOLO