Lantana

Quando e quanto annaffiare le piante

Le differenti specie del genere denominato Lantana, comprendono piante arbustive sempreverdi o con foglie decidue. L'apporto idrico varia in base ai territori di coltivazione, nelle regioni centro-settentrionali le irrigazioni sono regolari solo nel periodo estivo, mentre in inverno è consigliabile diradarle a una volta al mese. Inoltre, gli esemplari vanno sistemati in luoghi al riparo dalle fredde temperature. Nelle zone meridionali la Lantana può crescere all'aperto tutto l'anno, resiste a brevi periodi di siccità e le annaffiature devono essere abbondanti soprattutto in estate. É importante non creare ristagni, che possono ledere molto facilmente l'apparato radicale. Se le piante vivono in ambienti esterni è opportuno che non risentano di piogge eccessive, durante la stagione invernale.
Fiori colorati Lantana

20 Pezzi Pianta di Lantana Camara In Vaso 7 cm (20 pz)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 36€


Come prendersi cura delle piante

Infiorescenze foglie Lantana Questa tipologia di piante non è molto rustica e predilige contesti ambientali miti e temperati. Infatti, mal tollera le temperature fredde al di sotto dei 6 gradi e soffre se le condizioni termiche diventano per troppo tempo calde e secche. Le Lantane hanno per lo più un portamento strisciante, preferiscono i terreni fertili e ben drenati, come quelli ricchi di humus e di sostanza organica. Se gli esemplari sono coltivati in condizioni ottimali mantengono l'intero fogliame anche durante la stagione invernale. Al contrario, crescendo in zone più fredde tendono a perdere tutte le foglie. In questo caso è opportuno un intervento lieve di potatura da effettuare nel mese di febbraio. Questo procedimento facilita la nuova emissione di getti, irrobustendo l'intera struttura delle piante di Lantana.

  • Lantana Il nome della Lantana si riferisce al genere di piante Dicotiledoni, appartenente alla famiglia delle Verbenacee e comprendente, inoltre, numerose specie, la maggior parte delle quali originarie dell’...
  • Fiori di viburnum lantana Il viburnum lantana è un arbusto diffuso su di un'area geografica molto vasta che comprende parte dell'Europa e dell'Asia. E' un albero adattabile che cresce a livello del mare ma è possibile incontra...
  • dalia rosa La pianta della dalia è originaria del Messico, è coltivata spesso nei giardini e ne esistono di tante qualità: decorative, quelle con fiori di grandi dimensioni e disposti a raggi, quelle con petali ...

4 piante vere da esterno di lantana camara v14

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,2€


Quando e come concimare le piante

Fiori Lantana É importante concimare durante l'anno le piante del genere Lantana, rifornendo tutti gli elementi necessari per facilitare lo sviluppo e l'abbondante produzione floreale. Infatti, è indicato scegliere un concime specifico per piante da fiori, da diluire nell'acqua delle irrigazioni. La somministrazione deve iniziare a partire dal mese di aprile, con cadenza all'incirca bisettimanale, proseguendo fino a settembre. Da questo periodo le concimazioni diminuiscono e vanno sospese con l'arrivo dei primi freddi, che in generale coincide con il riposo vegetativo delle Lantane. In alternativa, è possibile optare per altre tipologie di fertilizzanti come le pastiglie, i cracker oppure i bastoncini da conficcare direttamente nel terreno. In questo caso, è molto importante seguire attentamente le indicazioni riportate sulle etichette dei prodotti.


Lantana: Esposizione, malattie e possibili rimedi

Piante germogli Lantana Nelle regioni settentrionali le specie e le varietà del genere Lantana devono essere posizionate in luoghi ben soleggiati, dove possono ricevere luce per tutta la giornata. Nelle aree meridionali l'ideale è una collocazione luminosa ma al contempo fresca, inoltre è consigliabile evitare zone troppo calde e prive di una corretta ventilazione. Tra le patologie che possono colpire queste piante c'è il cosiddetto oidio o mal bianco. Un intervento tempestivo con soluzioni a base di zolfo e rame fermerà il deperimento di foglie e rami. Acari e cocciniglie sono i parassiti più comuni che infestano questi vegetali, provocando l'arresto dello sviluppo e della fioritura. Se l'attacco è di lieve entità è possibile agire manualmente con del sapone neutro, altrimenti è opportuno ricorrere a insetticidi specifici.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO