Strelitzia

Come e quando annaffiare la Strelitzia

La Sterlitzia è una pianta di origine tropicale che quindi ama i climi miti, caldi e l'umidità. E' necessario quindi annaffiarla abbondantemente ed abbastanza frequentemente, specialmente durante il periodo di crescita e di fioritura, che coincide con la primavera e l'estate. Bisogna aspettare però, tra un'annaffiatura e l'altra, che il terreno in cui si trova la pianta si asciughi in superficie, prima di effettuarne una nuova. Sarebbe buona norma nebulizzare frequentemente le foglie, specialmente in presenza di temperature molto alte. E' necessario fare attenzione però a non nebulizzare anche i fiori, perché potrebbero danneggiarsi. In autunno invece si devono diminuire gradatamente le annaffiature, ed in inverno si dovrebbero sospendere, senza però far seccare completamente il terreno.
Pianta Strelitzia

ASTONISH I semi della confezione: 20Pcs Lewisia Semi Tramonto Strain Semi Lewisia Cotyon Flower Garden Ehe8

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


Come coltivarla e prendersene cura

Semi Strelitzia La Strelitzia è una pianta di semplice coltivazione, che richiede climi miti e molto soleggiati. Nei luoghi con clima mite, può essere coltivata all'aperto ed in piena terra. Con climi più freddi invece si può coltivare in vaso, in modo da poter essere portata agevolmente in luoghi riparati d'inverno. La temperatura minima sopportabile dalla pianta è di circa 13°C mentre quella ideale è 21°C. La pianta deve essere tenuta quindi in luoghi molto soleggiati, molto luminosi ed abbastanza aerati, senza però correnti d'aria, specialmente fredde. La strelitzia si riproduce per semina o per divisione dei cespi. La semina richiede un lungo periodo prima che le piante crescano e fioriscano (circa 5 anni), mentre la suddivisione delle radici è un metodo molto più veloce per la riproduzione della Strelitzia.

  • La <em>strelitzia</em> reginae La pianta, il cui nome scientifico è strelitzia, può avere, a seconda della specie, la forma di cespuglio, il quale può anche raggiungere al massimo più di un metro di altezza, o di albero. La strelit...
  • primo piano di strelitzia reginae Gli Uccelli del paradiso sono il nome comune delle Strelitzie reginae, piante sempreverdi perenni che fanno parte del genere Strelitzia, originario dell'Africa meridionale. Le Strelitzie hanno dei fio...
  • Sterlizia pianta La Sterlizia deve essere annaffiata abbondantemente tranne che in giugno e in luglio perché in questo periodo la pianta si riposa e di conseguenza va innaffiata poco. Comunque sia, dopo un'irrigazione...
  • Lantana Il nome della Lantana si riferisce al genere di piante Dicotiledoni, appartenente alla famiglia delle Verbenacee e comprendente, inoltre, numerose specie, la maggior parte delle quali originarie dell’...

Viola del pensiero, Viola Johny Jump Up - sementi di fiori, 100 semi/pack

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,52€


Terreno e concimazione

Fiore Strelitzia reginae La Strelitzia necessita, per la sua coltivazione, un buon terriccio abbastanza fertile e ricco di letame, a cui andrebbe aggiunta della sabbia per favorire il drenaggio dell'acqua di annaffiatura. La pianta deve essere rinvasata ad inizio primavera ogni anno, per i primi suoi cinque anni di vita, fino a quando inizierà la fioritura dovuta alla sua maturazione. Il vaso deve avere un diametro ogni volta leggermente superiore a quello dell'anno precedente, fino al raggiungimento di un diametro di circa 30 cm. Dopo i cinque anni, non si devono effettuare più rinvasi poiché la Strelitzia non ama essere disturbata. Andrà sostituito solo il primo strato di terriccio per una profondità di circa 2-3 cm. La concimazione deve essere effettuata ogni mese da Ottobre a Maggio con concime liquido diluito nell'acqua d'annaffiatura.


Malattie più comuni e rimedi

Coltivare uccello paradiso La Strelitzia pur essendo una pianta abbastanza resistente, a volte è soggetta ad attacchi fungini. Quelli più diffusi sono la Phytophthora spp., il Botrytis, e il Fusarium. Nel primo caso la pianta ha un aspetto malandato, le foglie avvizziscono ed ingialliscono e la sua crescita rallenta. Controllando le radici ed il colletto essi risultano imbruniti e la causa può essere dovuta e frequenti innaffiature. Nel secondo caso si ha ingiallimento delle foglie, comparsa di macchie giallo/marroni e presenza di muffa grigia. Nel terzo le infiorescenze uscite dalla spata presentano irregolari macchie brune, un pò depresse, con sostanze gommose. In questi casi, si devono eliminare le parti infette e danneggiate, e si deve trattare con fungicidi specifici.



  • strelitzia La Sterlizia deve essere annaffiata abbondantemente tranne che in giugno e in luglio perché in questo periodo la pianta
    visita : strelitzia

COMMENTI SULL' ARTICOLO