Glicine

vedi anche: glicine

Come potare e annaffiare il glicine

Il glicine non richiede particolari attenzioni in merito all'irrigazione che, di fatto, deve semplicemente sostenere la pianta nei periodi di maggiore siccità. La cura di questo rampicante, invece, deve concentrarsi sulla sua potatura. Il glicine cresce rapidamente e può raggiungere notevoli dimensioni, perciò va rimodellato di frequente. Gli interventi di potatura sono essenzialmente due: uno a luglio ("potatura verde"), mirato ad accorciare i getti di nuova vegetazione, e uno a marzo. Con quest'ultima pulizia della pianta ("potatura a sperone"), oltre a rimuovere i rami secchi o danneggiati dall'inverno, si va a ritoccare quelli precedentemente ritoccati con la potatura estiva. Se la pianta viene tenuta in vaso, la potatura è finalizzata a una sua "educazione" a crescere anche senza sostegno, sotto forma di alberello.
glicine pianta

Plumbago Capensis Pianta in vaso di Plumbago Capensis - 10 Piante in vaso 7x7

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Coltivazione del glicine

Galleria di glicini La coltivazione del glicine può avvenire in terra o in vaso. Per entrambe le soluzioni, se si desidera ottenere un esemplare con caratteristiche identiche a quelle della pianta madre, è necessario procedere al "taleaggio", ossia alla potatura di un ramo semilegnoso di circa un anno e al suo successivo innesto in terra, a radicazione avvenuta. Per la propagazione in giardino, si può sotterrare un getto della pianta madre, senza tagliarlo, e far produrre così la nuova massa radicale. Se, invece, si acquista una nuova pianta, il substrato di coltura dev'essere composto da: un fondo ghiaioso, per garantire il drenaggio del terreno; uno strato di circa 3 cm di stallatico; del terriccio fertile da giardinaggio. Le piante interrate in giardino hanno bisogno di un sostegno per accogliere la gettata vegetativa.

  • Per il suo modello di crescita, il glicine dai fiori profumati è uno degli esempi più originali di vite rampicante legnosa, motivo per cui il significato del glicine si è prestato a diverse interpreta...
  • fiore glicine Il glicine o Wisteria è una pianta rampicante originaria della Cina usata soprattutto per ornare muri, recinzioni, giardini ecc. grazie alla bellezza dei suoi meravigliosi fiori colorati. I fiori del ...
  • foto glicine Alcuni anni fa acquistai una pianta di glicine da mettere in terrazzo, ha fiorito i due anni successivi (ma sempre meno) e poi niente per 2/3 anni. Dall'anno passato ha ripreso a fiorire ma i grappoli...
  • Glicine Il Glicine, che viene anche chiamato con il nome scientifico di Wisteria, rientra nella grande famiglia delle Papilionacee: si tratta di una pianta rampicante che proviene dal continente asiatico e, i...

GETSO 10pcs Passion Fruit Bonsai Passiflora Edulia Sims Bonsai Passiflora Bonsai perenne Pianta in Vaso per Piante di Giardino domestiche: 4

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€


Glicine: concimazione ed esposizione

glicine fiorito Quella di glicine è una pianta che si adatta facilmente a qualsiasi terreno e posizione, per quanto prediliga le zone luminose e i terricci fertili. A tal fine, come nutrimento di "sostegno" allo sviluppo vegetativo e alla fioritura, è possibile somministrare alla pianta del concime granulare a lento rilascio. Questo intervento di concimazione va effettuato a fine autunno e, in caso di messa a dimora della pianta, sarebbe bene integrarlo con un fondo di stallatico maturo da posizionare alla base della buca che accoglierà la massa radicale. Al risveglio vegetativo, ossia verso l'inizio di marzo, per dare maggior spinta alla fioritura, si può intervenire, con periodicità mensile e fino a settembre, nebulizzando sulla pianta del fertilizzante liquido ricco di potassio e fosforo, precedentemente diluito nell'acqua di irrigazione.


Malattie del glicine e rimedi

Pianta di glicine con clorosi Cocciniglia, afidi e acari (in particolare, il "ragnetto rosso") sono i principali nemici del glicine. Si combattono con antiparassitari specifici, acquistabili dal vivaista, nonché con la rimozione manuale del parassita e delle parti della pianta che lo stesso ha rovinato. Per prevenire l'attacco di questi fitofagi, è utile controllare la fertirrigazione dell'azoto, prediligendo concimi che ne contengono poco. Il glicine può essere colpito anche dalla clorosi, diretta conseguenza di una carenza di ferro. Questa patologia è riscontrabile dall'ingiallimento repentino delle parti verdi della pianta; vi si pone rimedio integrando il terriccio con del concime a base di ferro chelato. Nei casi più gravi, oltre alla concimazione nel terriccio, il ferro chelato può essere somministrato anche irrorando direttamente i getti malati della pianta.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO