Erba Luisa

L'irrorazione

Il grazioso arbustivo aromatico proviene dall'America Latina e fa parte del vasto e tipico raggruppamento familiare delle Verbenaceae. Questa pianta, che deve il nome all'omonima consorte del Re di Spagna, è vivamente ammirata ed apprezzata per le tipiche fragranze agrumate che si dipanano dal fogliame e, in parte, dalle infiorescenze. Andrà copiosamente e frequentemente bagnata durante la stagione primaverile ed estiva, a cadenza in media settimanale, mentre gli annaffiamenti saranno congruamente limitati ma non sospesi nel periodo freddo, con frequenza che dipenderà strettamente dalle condizioni di asciuttezza della terra. Nelle irrorazioni, peraltro, dovrà accuratamente evitarsi di cagionare pozze e stagnazioni idriche, potenzialmente dannose per le condizioni dell'Erba Luisa, e in special modo per il benessere delle sue radici.
Pianta erba Luisa

Cespuglio vero ornamentale PIANTA DI MIRTO DA LIQUORE

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,29€


Coltura e cura

Coltivazione cedrina Per quanto l'Erba Luisa possa agevolmente sistemarsi in ambiente aperto, qualora il complesso delle condizioni climatiche lo consenta, abitualmente trova ricovero in appositi recipienti di media grandezza. In ogni caso, dovrà essere predisposto un terreno universale dotato di sostanze organiche, con aggiunta di materiali sabbiosi e torbacei in grado di garantire il necessario ed adeguato drenaggio. Periodicamente, occorrerà sottoporre l'arbusto ad operazioni di potatura, eliminando le ramificazioni lesionate e invecchiate e le infiorescenze ormai appassite. Se posta in contenitore, invece, andranno opportunamente effettuate sistematiche opere di rinvaso, nel caso frequente in cui il sistema radicale abbia colmato l'intero recipiente e metta a repentaglio il continuo e corretto nutrimento della pianta.

  • cedrina La cedrina, il cui nome scientifico è “Lippia citriodora”, è una pianta perenne che fa parte della famiglia delle Verbenacee e si caratterizza sopratutto per avere una deliziosa fragranza dovuta alle ...
  • Cedrina Il terreno per coltivare bene la cedrina dovrà essere quello sabbioso e drenato e le annaffiature abbondanti dovranno essere effettuate da maggio a ottobre. Saranno frequenti per mantenere il terreno ...
  • posacenere Gli accessori per esterni riguardano principalmente tutto ciò che serve a completare l’arredamento per esterni, ovviamente poi ciascuno deciderà di acquistare dei complementi anche secondo le proprie ...
  • citronella All'interno della famiglia delle Graminacee troviamo anche una pianta molto interessante come la citronella.Si tratta di una pianta particolarmente diffusa in natura, che presenta una suddivisione n...

Piante aromatiche MIX + GRILL (in vaso Ø 9 cm) N.4 x 2 pack

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15€


Fertilizzazione

Citronella fiore In qualunque luogo sia alloggiata, la delicata pianta andrà opportunamente fertilizzata, ai fini del conferimento delle necessarie sostanze nutrienti. Per la specifica tipologia di arbustivo viene normalmente conferito fertilizzante granulare di natura solida, distinto dal costante e progressivo rilascio nel terreno, con frequenza mediamente bimestrale concentrata massimamente nel periodo vegetativo. Il fertilizzante prescelto dovrà essere universale e possedere una significativa prevalenza di componenti potassiche e soprattutto azotate, con l'aggiunta dei dovuti e necessari microelementi. Frequentemente in uso per il tipico e profumato arbusto risultano essere i fertilizzanti di natura organica, con letame trattato, graditi per l'intrinseca attitudine di mantenere vitale la terra di coltura.


Erba Luisa: Posizionamento e patologie

Piante aromatiche L'arbusto aromatico andrà posizionato di preferenza in un habitat particolarmente caldo ed assolato, anche con esposizione diretta ai raggi del sole. Se collocato in luoghi parzialmente ombrosi, bisognerà accuratamente evitare condizioni climatiche rigide e che possano essere interessate da bruschi e gelidi flussi d'aria. In ogni caso, qualora le temperature tenderanno ad avvicinarsi agli 0 C° si provvederà a ripararlo, specialmente alle radici, con fogliame, tessuti o altri materiali. La bella piantina, infine, potrà essere oggetto di patologie fungine, dovuta allo scorretto ed inefficiente drenaggio della terra, e in rari casi sarà insidiato da insetti e parassiti, come gli afidi e la cocciniglia. Occorrerà allora procedere alla loro eliminazione con l'uso di prodotti biologici oppure di insetticida specifico.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO