Irrigazione pomodori

L'irrigazione appena dopo la semina

L'irrigazione dei pomodori è fondamentale per la crescita di piante sane e per la produzione di frutti rossi, ben sviluppati e soprattutto succosi e saporiti. Potremo iniziare le operazioni di semina già a Febbraio, all'interno del semenzaio. Sarà necessario tenere il contenitore in un luogo protetto perché la temperatura necessaria per la germinazione è intorno ai 20°C. Già in questa fase dovremo dosare bene la quantità d'acqua da dare. Ai panetti di terra dovremo garantire un buon grado di umidità sempre costante. Per questo scopo possiamo mettere della pellicola trasparente, facendo dei forellini per l'aria e creando una specie di serra nel semenzaio. Quando bagniamo dobbiamo fare molta attenzione a non inzuppare i semi. Sarebbe consigliabile utilizzare un vaporizzatore. Per le semine direttamente a dimora, effettuate in primavera nei luoghi caratterizzati da un clima caldo, dovremo intervenire con annaffiature moderate ma regolari, finché la piantina non spunterà dal terreno dopo circa un paio di settimane.
Semenzaio pomodori

Waldbeck Tomato Tower Set 2 Vasi con Supporti Piante Rampicanti e Coltivazione Pomodori (Pratico Sistema di irrigazione, Montaggio Semplice, Costruzione Stabile)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 42,99€


L'irrigazione e le cure

Irrigazione orto Le giovanissime piantine tenute in semenzaio possono essere trapiantate in un vasetto singolo solo quando avranno messo un paio di foglie oltre a quelle della germinazione. La misura indicativa che raggiungeranno sarà di 20cm. In questa fase dovremo sempre bagnare il terreno senza però esagerare. Far sviluppare una piantina troppo alta a causa dell'abbondante irrigazione significherebbe ottenere un esemplare adulto con un apparato fogliare rigoglioso ma poco produttivo. Anche la pianta messa direttamente a dimora andrà irrigata con attenzione. In questi mesi la normale stagionalità può essere caratterizzata da piogge frequenti e intense. Le precipitazioni atmosferiche potrebbero anche essere sufficienti e bisognerà intervenire solo quando le piogge si faranno aspettare per alcuni giorni. Indicativamente calcoleremo che le piantine vanno annaffiate 2 volte per settimana, dalle piogge naturali o con annaffiature manuali.

  • Pianta di pomodori neri L'apporto idrico indispensabile per la crescita dei pomodori è lo stesso di quello necessario per le varietà classiche. L'acqua, se vogliamo ottenere un raccolto ricco di frutti succosi, non deve mai ...
  • Seminare pomodori Per la semina pomodori in semenzaio è sufficiente procurarsi del comunissimo terriccio universale. Si può anche mettere della semplice terra purché sia sciolta e fresca. Quasi tutte le varietà di pomo...
  • Pomodori in vaso Nella coltivazione pomodori l'apporto idrico va ben bilanciato, senza far mai mancare l'acqua per lo sviluppo e la maturazione di frutti rossi e succosi. Nel caso di una coltivazione con più di 10 pia...
  • Pomodori ancora acerbi Per coltivare pomodori buoni e succosi è importante non far mai mancare l'acqua alle piante. Appena germogliata, la piccola piantina avrà subito bisogno di un terreno sempre bagnato. In questa fase do...

Junjiagao La Gabbia di plastica Rivestita della plastica del Metallo sostiene l'arrampicata per i pomodori, Gli Alberi, Il Cetriolo, i recinti, i Fagioli, 100 PCS

Prezzo: in offerta su Amazon a: 97,2€


L'irrigazione e il terreno ideale

Irrigazione pomodori Il terreno dove andremo a collocare i pomodori dovrà essere preparato con anticipo rispetto alla semina o al trapianto. Dopo una vangatura profonda di oltre 40cm procederemo con la concimazione a base di stallatico e compost. Ricopriremo con altra terra e distribuiremo con il rastrello, in attesa che le piogge stagionali facciano assorbire le sostanze alla terra. Non dovrebbe essere necessario, durante questi mesi, annaffiare ma il terreno di preparazione non dovrà comunque rimanere asciutto per troppo tempo. Quando sarà pronto per ospitare i pomodori passeremo alle operazioni di messa a dimora delle piantine. In fase di fioritura dopo aver rincalzato adeguatamente ed aver sfemminellato, cioè tolto i getti ascellari, potremo aggiungere un ulteriore fertilizzazione. L'apporto idrico verrà aumentato con annaffiature più generose, da effettuarsi preferibilmente nelle ore dopo il tramonto o la mattina.


Irrigazione pomodori: Apporto idrico e avversità

Impianto irrigazionew La pianta del pomodoro è abbastanza resistente ed è sufficiente assicurarla ad un supporto per farla sviluppare. Va collocata a tutto sole, in una zona dell'orto dove per almeno 4 anni non sono state coltivate altre piante della famiglia delle solanacee. Ama il caldo estivo e richiede tuttavia interventi frequenti e abbondanti di irrigazione. Il pomodoro può essere attaccato da patologie fungine, parassiti e insetti. Se vogliamo evitare i prodotti antiparassitari possiamo aggiungere alla normale acqua un decotto naturale di erbe o provare a consociare alcune piantine di basilico che funzionano da repellente naturale. Le avversità legate all'apporto idrico possono essere i marciumi radicali o dei frutti. Correggendo le annaffiature e limitandole al bisogno la problematica dovrebbe sparire spontaneamente. In fase di fioritura e fruttificazione la pianta ha bisogno di più nutrienti ed è normale notare un ingiallimento delle foglie a partire da quelle in basso. Sarà sufficiente continuare ad irrigare con frequenza e i pomodori cresceranno saporiti e succosi.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO