Porro coltivazione

L'irrigazione

È una pianta che resiste a lunghi periodi di siccità, ma anche alla forte umidità dei periodi invernali. Per avere un buon raccolto di porri è necessario apportare giornalmente una giusta quantità di acqua. In estate si procederà ad innaffiare le piante due volte al giorno, mattino e sera, in inverno sarà sufficiente l'irrigazione nel primo pomeriggio in modo tale da permettere alle radici di poter assorbire con tranquillità l'acqua. Il suolo deve restare umido tra un'anaffiatura e l'altra. L'acqua non deve essere calcarea, meglio se si procede all'irrigazione con l'utilizzo di acqua piovana opportunamente raccolta. Evitare però il ristagno, la troppa acqua, in estate e primavera, causa il marciume e malattie dell'apparato radicale e del bulbo; in inverno alle basse temperature si gela provocando la morte della pianta.
Raccolta porri

Mescolare minimun $ 5 pacchetto originale la coltivazione di ortaggi Porro Bolt Semi per diy giardino casa erba cipollina Moss semi, 50pcs per sacchetto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Coltivazione e cura

Campo porri Il porro coltivazione può essere fatta inizialmente in semenzaio. Dopo che i semi saranno germogliati e sviluppati per circa 2 cm, le piantine saranno trapiantate in contenitori più ampi ad una distanza di 2 cm l'una dall'altra. Dopo i primi mesi di crescita le piantine saranno sottoposte a marzo al processo di rinvigorimento, con il trasferimento delle piantine in aperto terreno. Sarà necessario realizzare delle file di buche di circa 15 cm di profondità ogni 30 cm. Ogni fila sarà distanziata dalle altre per 40 cm. Alle piantine va tolta la cima del fusto e vanno infilate nelle buche facendo fuoriuscire solo pochi cm della parte verde esterna del porro. Con questa operazione si permette alla pianta di sviluppare l'apparato radicale necessario alla rigenerazione dell'apparato fogliare esterno.

  • Porri Il porro è un ortaggio prezioso per l'alimentazione e anche per la cura di disturbi di varia natura in ambito fitoterapico: il suo sapore è simile a quello della cipolla e le sue origini incerte, anch...
  • Coltivazione granoturco Il granoturco ha bisogno di crescere in zone con periodi estivi molto piovosi, dove le precipitazioni sono regolari e abbondanti. Nel nostro paese solamente le regioni del nord-est hanno dei volumi di...
  • Veccia La veccia è una pianta poco impegnativa, tuttavia teme i terreni asciutti, leggeri. Occorre quindi procedere a annaffiature regolari, ma non abbondanti. In caso di siccità, se non piove o fa troppo ca...
  • Esempio orto verticale Gli orti verticali sono le soluzioni ideali per gli amanti del verde che non hanno uno spazio apposito per coltivare le piante oppure vivono in città. Se si possiede soltanto una terrazza, è difficile...

lulalula 20PCS Plant Grow bag, biodegradabili a maglia fine, borse piantina vasi di coltivazione piante della pianta da giardino frutta fiore Protect, colore bianco 15,2 x 25,4 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,99€


La concimazione

Radice porro Il porro si adatta a qualsiasi tipo di terreno, sia ricco di sostanze nutritive e idriche, sia arido e povero di umidità. Tuttavia se si vuole uno sviluppo rigoglioso delle piante, è bene procedere ad una buona concimazione del suolo prima di porre a dimora i semi. La fertilizzazione da adottare è unicamente biologica, costituita da letame ben maturo, setacciato e mescolato a torba. Il concime deve essere sparso sul terreno prima di una leggera aratura, che effettuerà un rimescolamento del terriccio e del compost organico apportato. Dopo questa operazione il suolo risulterà ben aerato con una buona carica di sostanza nutritiva per l'impianto delle piantine. L'apporto di azoto permetterà all'apparato radicale di svilupparsi in profondità per raggiungere la zona del terreno con più alto livello di umidità.


Porro coltivazione: Esposizione, malattie e rimedi

Parassiti porro Il porro è una pianta robusta, che cresce sia in pieno sole che a mezz'ombra. I parassiti del porro sono gli stessi che colpiscono la cipolla. Tra i più diffusi si ritrova la ruggine che crea delle macchie scure sulle parti verdi della pianta. Altro parassita è la peronospora che causa la morte della pianta attraverso la lenta necrosi prima delle parti verdi e poi del bulbo presente sotto terra. Altro attacco da fungo è l'alternariosi, che colpisce sia il seme che la pianta e causa, anche in questo caso la necrosi prima di alcune parti e poi dell'intera pianta. Infine la malattia conosciuta con il nome di marciume bianco, causa il progressivo ingiallimento della pianta e la caduta delle foglie più vecchie. Infine il pericolo più frequente è l'attacco di nematodi, larve di mosca presenti nel terreno che attaccano il bulbo e compromettono interi raccolti. Il rimedio biologico adottato per combattere gli attacchi fungini è l'utilizzo di rame sciolto nell'acqua di irrigazione.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO