Seminare pomodori

Quando effettuare la semina

Prima di seminare il pomodoro, un'operazione fondamentale è quella della vangatura del terreno. Questa operazione consiste nell'arare il terreno per circa 50 cm. Se il terreno è di natura argillosa sarà necessario procedere rompendo le zolle di terreno così da rendere lo stesso più omogeneo. L'operazione di vangatura è fondamentale in quanto il pomodoro richiede una certa quantità di elementi nutritivi necessari per un corretto sviluppo della pianta stessa. Inoltre dopo la vangatura è necessario procedere con una concimazione di base del terreno che deve essere eseguita almeno 20 giorni prima del trapianto del pomodoro. Infatti sarà fondamentale incorporare nello stesso sia del concime organico formato da letame fermentato maturo e del compost, sia del concime minerale a lungo rilascio formato da azoto, potassio e fosforo. Effettuato ciò, si potrà procedere con la semina del pomodoro che può essere diretta, in semenzaio o in vaso.
Pianta pomodoro

55 SEMI DEI 6 GIGANTI DELL'ORTO: ANGURIA, POMODORO, ZUCCA, BASILICO, PEPERONCINO, CAROTA, GUIDA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


La semina diretta

Pianta pomodoro tutore Con la semina diretta, il pomodoro viene coltivato direttamente nei campi. La semina diretta è una tecnica sempre più utilizzata perché si riducono notevolmente i costi di gestione e soprattutto crescono piante molto più sane e robuste in quanto non sono soggette allo stress del trapianto. Il terreno ottimale per la semina diretta è quello a medio impasto, poco calcareo e molto drenante; invece la temperatura ideale per la semina dei pomodori è quella che si aggira tra i 18 e 26 Cº. I semi necessari per lo sviluppo della pianta del pomodoro, possono essere distribuiti in file semplici o doppi rispettando una distanza di quasi 1 metro tra le varie file. Il periodo considerato ottimale per la semina diretta del pomodoro è marzo per le zone meridionali, mentre aprile per le zone settentrionali.

  • Pianta di pomodori neri L'apporto idrico indispensabile per la crescita dei pomodori è lo stesso di quello necessario per le varietà classiche. L'acqua, se vogliamo ottenere un raccolto ricco di frutti succosi, non deve mai ...
  • Seminare pomodori Per la semina pomodori in semenzaio è sufficiente procurarsi del comunissimo terriccio universale. Si può anche mettere della semplice terra purché sia sciolta e fresca. Quasi tutte le varietà di pomo...
  • Pomodori in vaso Nella coltivazione pomodori l'apporto idrico va ben bilanciato, senza far mai mancare l'acqua per lo sviluppo e la maturazione di frutti rossi e succosi. Nel caso di una coltivazione con più di 10 pia...
  • Pomodori ancora acerbi Per coltivare pomodori buoni e succosi è importante non far mai mancare l'acqua alle piante. Appena germogliata, la piccola piantina avrà subito bisogno di un terreno sempre bagnato. In questa fase do...

Il Kit ortaggi stravaganti di Plant Theatre - 5 straordinari ortaggi da coltivare

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Semina in semenzaio e in vaso

Terreno semina pomodori La semina in semenzaio viene applicata quando la pianta di pomodoro dovrà essere successivamente trapiantata. Questa avviene appunto in un semenzaio, in un luogo riparato così da poter creare la temperatura adatta alla germinazione dei semi. Questo genere di semina è veloce ed economico in quanto non vengono sprecati diversi semi e la piantina impiega minor tempo per dare i suoi frutti. Il periodo ideale per la semina in semenzaio è l'inizio della stagione autunnale oppure di quella primaverile. Con questo tipologia di semina la pianta potrà essere trapianta quando avrà raggiunto un'altezza di almeno 15 cm. Mentre la semina in vaso avviene durante il mese di marzo depositando i semi nel semenzaio, i quali verranno poi ricoperti da uno strato di terriccio. Durante la fase della germinazione il terreno dovrà rimanere sempre umido, ed il vaso dev'essere posizionato al sole. Dopo due mesi, quando le piantine avranno raggiunto un'altezza di almeno 10 cm potranno essere trapiantate in vasi più grandi.


Seminare pomodori: Malattie della pianta e rimedi

Pomodoro affetto da marciume apicale Tra le avversità e quindi le malattie a cui sono particolarmente soggette le piante di pomodoro ci sono il marciume apicale e la muffa delle foglie. Il marciume apicale del frutto, si verifica con la spaccatura del pomodoro che si trova ancora attaccato alla pianta, questo inconveniente può essere la conseguenza di innaffiature non eseguite con attenzione sia per frequenza che intensità. In caso di marciume apicale l'unico rimedio da applicare è quello di rimuovere per l'appunto il frutto andato a male. Mentre la muffa delle foglie è un problema che colpisce soprattutto quelle piantine di pomodoro coltivate in serre. Questo inconveniente si verifica in seguito ad una insufficiente aerazione del luogo in cui si trovano. Anche per questo genere di avversità l'unico rimedio è intanto di rimuovere le foglie soggette alla muffa e poi cercare di migliorare l'aerazione del posto.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO