Albero di mele

Caratteristiche dell'albero di mele

L'albero di mele (Malus domestica) è una pianta che fa parte della famiglia botanica delle Rosaceae. Tra gli alberi da frutto coltivati è uno dei più diffusi. Raggiunge un'altezza tra i 5 e i 12 metri, la sua chioma è espansa e densa e le radici sono superficiali. Le foglie sono alterne ed ovali, lievemente dentellate, lunghe 6-10 cm e larghe 3-5 cm. Sono lisce nella faccia superiore e leggermente tomentose sulla inferiore. I fiori del melo sono di colore bianco roseo, hanno 5 petali e sono riuniti in infiorescenze a corimbo. La pianta germoglia e fiorisce in primavera. Il frutto (pomo) è globoso, dapprima di colore verde e, a maturazione avvenuta, può diventare giallo o rosso, con tonalità intermedie, in base alla varietà. Alcune di esse comunque restano verdi benché siano mature. La pianta è originaria di una zona meridionale del Caucaso ed in Europa è molto coltivata nel nostro Paese ed in Francia.
Un albero di melo carico di frutti

1 PIANTA DI KAKI CACHI MELA ALBERO DA FRUTTO POLPA SODA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


Albero di melo: clima, terreno, impianto

Particolare delle mele su un ramo L'albero di melo sopporta assai bene il freddo, anche quando la temperatura scende di molto sotto lo zero. Tuttavia le gelate tardive possono compromettere la produzione. La pianta può essere coltivata dovunque anche se l'ideale sono le zone con clima fresco ed altitudine tra i 600 ed i 1.000 metri. La siccità può seriamente danneggiare il melo. Si adatta a qualunque tipologia di terreno con preferenza verso quelli profondi, con un buon drenaggio (la pianta teme il ristagno dell'acqua) e non troppo calcarei. Il pH ideale è tra 6,5 e 7,5. Valori più acidi o più alcalini sono inadatti. Le giovani piante di melo innestate (astoni) vanno trapiantate in inverno o in primavera in un terreno preparato in precedenza con una buona quantità di concime organico. Le piante devono essere interrate a 3-4 m una dall'altra, in un luogo soleggiato.

  • fiori melo Il melo è una delle piante da frutto più coltivate e diffuse. I fiori del melo sono ermafroditi e si sviluppano riuniti in infiorescenze composte da tre a sette elementi a corimbo. La corolla è format...
  • melanzana1 La melanzana è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Solanaceae di cui fanno parte anche i pomodori e le patate. Originaria dell’India, venne introdotta in Europa dagli Arabi, in...
  • melone2 Il melone è il nome di una pianta rampicante e del suo stesso frutto. La pianta è originaria dell’Asia occidentale e meridionale. Molto apprezzato in Cina e Turchia, il melone cresce spontaneamente an...
  • succo melograno Il melograno è, fin dai tempi antichi, un vero e proprio simbolo di fertilità e di ricchezza: possiamo sottolineare come il popolo babilonese ne masticava i semi ogni volta che doveva affrontare una b...

Euphoria Home Cuscini Shell Van Gogh Pittura Mandorlo in Fiore

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,3€


Irrigazione, concimazione e raccolta delle mele

Fiori dell'albero di melo Si consiglia di irrigare l'albero di mele con impianto a goccia. Comunque è più importante la frequenza delle annaffiature che la loro quantità, in particolare durante le estati siccitose. Ad un mese dalla raccolta le irrigazioni saranno interrotte. Dal terzo anno di impianto occorre concimare la pianta dopo la fioritura ed in autunno. Sono necessari soprattutto azoto e potassio, meno il fosforo. Altri elementi fondamentali sono il calcio ed il magnesio. La raccolta delle mele si effettua, in base alle varietà, da metà luglio ad ottobre. Le varietà estive, come Gala e Summerfree, vanno raccolte tra i mesi di luglio e settembre. Le mele autunno-invernali, come Renette, Granny Smith, Golden e Fuji, si raccolgono tra settembre e ottobre. Per la coltivazione in orto sono da preferire la Summerfree, la Gold Rush e la Crimson Crisp.


Albero di mele: La potatura dell'albero di mele

Diverse varietà di mele L'albero di mele richiede due tipi di potatura: la potatura di allevamento (di formazione) e la potatura di produzione. Il primo tipo si attua nei primi anni di vita della pianta e serve a costruirne la struttura. Va eseguita a fine agosto, tagliando polloni e succhioni, rami deboli e vecchi. Quindi si effettua un diradamento tagliando i rami laterali ed accorciando i rami a legno a 3-4 gemme. Come conseguenza, nella successiva fase vegetativa, l'albero produrrà nuovi rami. Questi saranno poi nuovamente accorciati per avere la forma voluta mentre i rami che non servono a questo scopo saranno recisi. L'operazione si ripete nel tempo fino al risultato desiderato. La potatura di produzione, eseguita in inverno, è più semplice e contenuta. È sufficiente tagliare i rami secchi, spezzati, irregolari e malati. In caso di crescita troppo rigogliosa, si interviene, in estate, eliminando i succhioni.


Guarda il Video
  • albero di mele Il melo rappresenta una pianta che presenta delle origini particolarmente antiche, con una provenienza tipica di tutte q
    visita : albero di mele
  • alberi di mele La storia del melo è molto antica; sembra che il suo centro d’origine sia localizzato in una regione montagnosa del Sud
    visita : alberi di mele

COMMENTI SULL' ARTICOLO