Carrubo

Come irrigare il carrubo

Questo albero ha bisogno di irrigazioni regolari durante la stagione estiva, in particolare se le precipitazioni sono molto scarse; inoltre, le annaffiature devono essere ancora più costanti se la pianta è giovane e, di conseguenza, non ancora del tutto sviluppata. In autunno e in inverno, invece, la somministrazione d'acqua deve essere ridotta, soprattutto in caso di piogge abbondanti. È indispensabile evitare ristagni idrici, in quanto essi potrebbero provocare marciumi alle radici e, quindi, indebolire e danneggiare l'albero. L'irrigazione per scorrimento è un ottimo metodo, purché la coltivazione avvenga su un pendio; altrimenti, la tecnica per aspersione è l'ideale per gestire al meglio le annaffiature e per evitare di inumidire il fogliame, bagnando direttamente il terreno in superficie o in profondità.
Albero carrubo

pianta piante astone albero di carrubo carrubi in vaso altezza variabile da 100/120

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8€


Coltivazione e cura

Carrubo coltivazione Il terreno consigliato per la coltivazione del carrubo è ben drenato, lievemente calcareo e fertile; prima dell'impianto, si raccomanda di liberare il suolo dalle erbe infestanti, che potrebbero ostacolare uno sviluppo ottimale dell'albero. La messa a dimora delle piantine acquistate in vivaio deve avvenire in una buca larga circa un metro, e qualora si decida di allevare più esemplari è fondamentale lasciare tra essi lo spazio necessario per una corretta crescita. La potatura è essenziale per rimuovere i rami che bloccano l'apporto di luce, quelli secchi e quelli malati; gli strumenti utilizzati, tuttavia, devono essere sempre perfettamente puliti, altrimenti si rischia di andare incontro ad infezioni. Si suggerisce di eliminare periodicamente le erbacce, e di ostacolare la loro comparsa con una pacciamatura del terreno.

  • carrubo Il carrubo, il cui nome scientifico è “Ceratonia siliqua” è un albero sempreverde, nella maggior parte dei casi dioico, che fa parte della famiglia delle Fabacee.Si tratta di un piccolo albero sempr...
  • impatiens Le impatiens sono delle piantine molto graziose dalla fioritura abbondante. Appartengono al genere Impatiens, che comprende circa 700 specie, e alla famiglia delle Balsaminaceae. Il nome di queste pia...
  • immagini mirtillo ho piantato in un vaso grande una piantina di mirtilli giganti insieme ad altri frutti di bosco, le indicazioni dicevano di metterla in un terreno acido, cosa che ho fatto comprando il prodotto apposi...
  • caigua Una delle più importanti piante “latine” è sicuramente rappresentata dalla caigua, ovvero un arbusto che ha avuto origine sopratutto in Perù e che appartiene ad una grande famiglia come quella delle C...

Carrubo Carrube Pianta Astoni in vaso di Carrubo Carrube - Astone in vaso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Come concimare l'albero

Frutti carrubo Questo albero necessita di una concimazione preliminare al momento dell'impianto, con sostanze organiche quali il letame maturo o lo stallatico; ogni anno, successivamente, la fertilizzazione va effettuata di nuovo con prodotti naturali, oppure con un concime granulare a base di azoto e potassio. Anche il fosforo è un elemento importante, ma può essere somministrato in misura minore rispetto agli altri due, anche perché spesso il terreno ne è ricco. Tutti e tre i macroelementi svolgono funzioni essenziali: l'azoto favorisce l'accrescimento dei tessuti, il potassio accentua la resistenza dell'albero al freddo e alle infestazioni dei parassiti, il fosforo aiuta il metabolismo. Non dovrebbero mancare, nel fertilizzante, nemmeno microelementi fondamentali per la sintesi della clorofilla, come il ferro ed il manganese.


Carrubo: Esposizione, parassiti e malattie

Todilegno giallo L'esposizione del carrubo deve verificarsi in un ambiente soleggiato, caratterizzato da inverni non troppo freddi; sono temuti i venti intensi e le temperature eccessivamente basse. Un parassita piuttosto fastidioso è il rodilegno giallo, chiamato anche Zeuzera pyrina, che si nutre delle parti legnose provocando numerosi danni all'intero esemplare attaccato. La lotta contro questo lepidottero può essere sia chimica, con appositi insetticidi, sia biologica, tramite nematodi entomopatogeni. Tra le malattie fungine, invece, frequente è l'oidio, che si manifesta con una muffa biancastra ed è per questo chiamato anche albugine; nei casi più estremi esso può condurre alla morte dell'albero, e necessita, come rimedio, di prodotti anticrittogamici a base di zolfo, da somministrare in più trattamenti.


  • carrubbo Il carrubo è un albero sempreverde termofilo, diffuso nel nostro paese soprattutto nel meridione, in particolare nelle
    visita : carrubbo

COMMENTI SULL' ARTICOLO