Papaya

L'irrigazione

Le annaffiature della papaya vanno effettuate in base al periodo ed alle precipitazioni; dovranno, di conseguenza, essere piuttosto frequenti in estate e limitate o sospese in inverno. Durante la stagione estiva si raccomanda di procedere ogni quindici giorni circa, facendo però attenzione a lasciar asciugare il terreno prima di ripetere l'operazione, mentre nel corso di quella invernale le piogge, se assidue, potrebbero anche essere sufficienti. In ogni caso, è fondamentale che il suolo non sia mai intriso d'acqua, ed è importante scongiurare il pericolo di ristagni idrici, fonte di danno per la pianta e causa di marciumi alle radici. Si suggerisce di praticare l'irrigazione a goccia: questo metodo permette di gestire al meglio, grazie ai gocciolatori, la somministrazione di risorse idriche a seconda delle esigenze.
Frutto papaya

Pink Papaya Sacco-a-Dondolo Doodle per Bambini, Comoda Sedia a Dondolo con Cuscino, Sedia a Dondolo per Bambini Blu

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,95€


Consigli sulla coltivazione

Fruttificazione papaya La papaya ha bisogno di un terreno ben drenato, per evitare i ristagni idrici, e composto da terriccio amalgamato con della torba; si consiglia di eseguire la semina all'inizio dell'estate, dato che la pianta, in particolare se molto giovane, è sensibile ai rigori dell'inverno. I semi, prima di essere piantati, vanno immersi in un recipiente con acqua a temperatura ambiente per una giornata. La semina può avvenire direttamente in piena terra oppure in appositi contenitori, in modo da controllare e proteggere lo sviluppo delle piantine nelle fasi iniziali; dopo circa un anno sarà possibile effettuare il trapianto in giardino. La potatura non va svolta frequentemente, ma bisogna limitarsi a recidere con strumenti disinfettati alla fiamma i rami vecchi o malati, per rendere l'esemplare più vigoroso.

  • potarealberifrutto1 Gli alberi da frutto hanno, in genere, delle dimensioni più grandi rispetto alle specie erbacee e cespugliose, anche se crescono in vaso. Gli alberi coltivati a fini produttivi possono assumere dimens...
  • Frutti vite La potatura dell'albero di vite è un'operazione necessaria per permettere alla pianta di produrre frutti quantitativamente e qualitativamente superiori ad una pianta poco curata. Potare l'albero di vi...
  • Cedri frutto Il Citrus medica, più comunemente conosciuto come Cedro, è uno degli agrumi più antichi, della sua pratica di coltivazione si hanno notizie di 2000 anni fa. Il Cedro può essere coltivato in forma di a...
  • Corniolo Il corniolo è un piccolo albero che non ha molte pretese per vivere bene, in effetti non ha bisogno di tante cure, ma solo di alcune annaffiature necessarie contro la calura estiva e nel periodo in cu...

SAFLAX - Set per la coltivazione - Papaia - 30 semi - Carica papaya

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,75€


Come concimare

Frutto albero papaya Per la concimazione della papaya, l'ideale sono le sostanze organiche, come lo stallatico o il letame maturo; è opportuno che l'operazione sia effettuata una o due volte all'anno dopo i primi dodici mesi di vita della pianta. Si possono adoperare anche fertilizzanti liquidi formati dai tre principali macroelementi, ovvero l'azoto, il potassio ed il fosforo. Tutti e tre svolgono un importante ruolo nello sviluppo della pianta: l'azoto contribuisce alla crescita dei tessuti e delle parti vegetative, il potassio migliora la qualità dei frutti ed accentua la resistenza al freddo, il fosforo rafforza le radici ed aiuta il metabolismo. Gli elementi vanno bilanciati anche sulla base della composizione chimica del terreno, ed integrati con microelementi allo stesso modo essenziali come il magnesio, il manganese ed il ferro.


Papaya: Esposizione, malattie e rimedi

Antracnosi piante frutto La papaya necessita di un'esposizione soleggiata, al riparo da precipitazioni eccessive o venti intensi; la temperatura perfetta si aggira intorno ai 20-25 °C e non deve mai scendere sotto lo zero per troppo tempo, pena la morte della pianta stessa. Pericolose, inoltre, sono le malattie fungine, come l'antracnosi e l'oidio, che provocano il disseccamento ed il deperimento dell'esemplare colpito e la formazione di aree necrotiche: la prima si manifesta con macchie scure e irregolari, il secondo con una muffa bianca, motivo per cui è detto anche albugine o mal bianco. Entrambe le malattie richiedono, come cura, appositi prodotti anticrittogamici, ma un'efficace prevenzione può essere effettuata anche grazie a prodotti naturali come il decotto di equiseto o, semplicemente, evitando un'eccessiva umidità.



COMMENTI SULL' ARTICOLO