potatura siepe

Potatura siepe

La siepe è una barriera vegetale formata da una serie di piante che crescono in fila o a distanza ravvicinata. Lo scopo della siepe è quello di creare un effetto barriera od ornamentale all’interno di un giardino, un caseggiato di campagna o altro ambiente naturale. Per ottenere siepi di una certa altezza e di una certa densità, si ricorre a diverse specie di piante. Molte siepi possono essere costituite da conifere, altre da piante a fiore. In genere, queste creazioni vegetali sono composte da specie sempreverdi a foglia caduca che presentano una crescita vegetativa intensa in alcuni momenti della loro vita e che necessitano di adeguati interventi di potatura. Proprio questa caratteristica rende la potatura delle siepi più complicata rispetto alle altre specie, ma anche più esaltante dal punto di vista pratico ed estetico. Intervenire correttamente sulla potatura di una siepe significa, infatti, non solo controllarne la crescita, ma anche orientarne il risultato estetico e decorativo. Se l’intervento viene eseguito correttamente, si ottengono siepi dalla vegetazione uniforme e spettacolare.

siepe

TABOR TOOLS B212 Cesoie Per Siepi, Manici Telescopici Allungabili 63+20CM, Forbici Per Siepi Con Lame Ondulate

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,99€
(Risparmi 11,68€)


Caratteristiche

siepe2 Come detto al paragrafo precedente, la potatura della siepe ha un duplice effetto: decorativo e di contenimento. Le tecniche di potatura della siepe cambiano in base alle specie che la compongono. Queste condizioneranno le tipologie dei tagli e i periodi degli interventi. Alcune siepi dovranno essere potate intensamente, altre meno intensamente, altre, invece, potrebbero non richiedere alcuna potatura. Ecco perché, prima di procedere alla potatura, bisogna conoscere le varie tipologie di siepe. Nel giardinaggio si distinguono quattro principali tipi di siepe: quelle irregolari, lasciate crescere secondo natura, quelle difensive, formate da piante spinose, quelle ornamentali composte da piante sempreverdi e i sieponi, composti da piante con una certa altezza. Tutte le varie tipologie di siepe richiedono due diversi interventi di potatura: uno nei primi due anni di vita, per stimolare la formazione di nuovi germogli alla base, e uno dopo il terzo anno per contenere la vigoria vegetativa. Una potatura della siepe è eseguita correttamente quando questa si mostrerà compatta, uniforme, ordinata ed esteticamente gradevole.

  • potaturasiepephotinia1 La siepe di photinia è ampiamente usata nei giardini pubblici e privati. Questa siepe svolge, infatti, una funzione protettiva e decorativa, perché la photinia è un sempreverde che emette nuove foglie...
  • potaresiepe2 La siepe trova ormai sempre più spazio nei giardini pubblici e privati. La sua particolare struttura la rende adatta a schermare e decorare qualsiasi ambiente esterno. In genere, la siepe si presenta ...
  • potaturasiepelauro L’alloro o laurus nobilis, comunemente conosciuto come “lauro”, è un sempreverde molto utilizzato per le siepi. Pratica e semplice da coltivare, la siepe di lauro tende a crescere in maniera compatta ...
  • lauro nobilis La siepe di alloro è una delle più semplici da coltivare. Composta da una pianta sempreverde, questa siepe resiste a condizioni ambientali avverse e non ha eccessive esigenze colturali. L’alloro, inf...

Forbice da siepe telescopica da 64 cm lama dritta Teflon

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,49€
(Risparmi 7,72€)


Come procedere

Le siepi con una forte vigoria vegetativa, cioè che emettono germogli non solo dai rami centrali e laterali, ma anche dai polloni basali, vanno potate alla base, durante la messa a dimora, a un’altezza di 15 centimetri e, poi, in estate, vanno cimate, cioè private delle gemme apicali, e sfoltite ai lati. Fino a due anni si effettuerà una potatura corta, cioè si lasceranno rami corti di un anno, con poche gemme, al massimo tre; mentre in estate si effettuerà la consueta cimatura e lo sfoltimento dei germogli laterali. Questa operazione si effettuerà entro i primi due anni. A partire dal terzo anno si effettueranno solo dei tagli di contenimento della vigoria vegetativa mirando a rendere uniforme la crescita dell’intera siepe ( bisogna fare il modo che le varie piante siano tutte alla stessa altezza). Le siepi formate da piante a fiore cespugliose, come il riber rosso e da alberi come il faggio e il carpino, vanno potate nella stessa maniera delle siepi con germogli vigorosi, solo che i tagli dovranno essere meno intensi e con potatura lunga, cioè i rami si dovranno tagliare di meno lasciando attaccate almeno quattro o cinque gemme. Nel secondo anno, però, visto che le piante saranno cresciute abbastanza, si dovranno tagliare di un terzo della loro altezza e nella stessa misura si dovranno accorciare anche i rami. A partire dal terzo anno si effettuerà un solo taglio di potatura a primavera o in estate, per determinare l’altezza definitiva della siepe. Le siepi formate da conifere e sempreverdi non vanno potate eccessivamente. In genere si effettua una spuntatura dei rami laterali, sia nei primi due anni che a partire dal terzo, come mantenimento.


potatura siepe: Quando potare

L’epoca di potatura della siepe dipende dal tipo di piante che la compongono. Le siepi composte da specie che formano le bacche, si potano prima della fioritura, cioè in inverno; le siepi con specie sempreverdi e conifere si potano regolarmente alla fine della primavera e all’inizio dell’autunno. Le siepi lasciate crescere naturalmente, cioè quelle rustiche e composte da specie selvatiche, si potano raramente e di solito richiedono solo interventi di pulizia da eseguire entro il mese di marzo. Le siepi formate dal carpino e dalle conifere, con crescita compatta, si potano all’inizio di marzo. Se necessario, la potatura va ripetuta a giugno. Le siepi con vigorosa crescita primaverile si potano a maggio. Quando la crescita è eccessiva può essere necessario un secondo intervento nel mese di giugno. Le siepi costruite a scopo protettivo o di barriera e formate da specie che resistono ai terreni sabbiosi e marini, si potano solo a primavera con interventi poco intensi. Le siepi formate da alberi come il faggio, l’alloro o il tasso, possono dare vita a barriere sagomate dall’elevato effetto decorativo. Le siepi sagomate possono essere realizzate con qualsiasi forma. Spesso si tende a dare loro una forma ad arco. La siepe ad arco richiede degli interventi di potatura in successione, creando un’apertura di questa forma nel momento della messa a dimora. Poi saranno necessari due, tre interventi all’anno, per creare degli intrecci tra i rami che formino proprio una sagoma ad arco. L’operazione si effettua solo su piante con legno giovane, più semplice da rigenerare, mentre il legno vecchio, non sviluppando più nuovi germogli, rischia di creare degli antiestetici vuoti tra i rami che compongono l’arco.


Guarda il Video
  • potatura alloro La siepe di alloro è una delle più semplici da coltivare. Composta da una pianta sempreverde, questa siepe resiste a co
    visita : potatura alloro
  • potatura siepi Quello della potatura della siepe è, da sempre, un momento particolarmente importante per coloro i quali amano prendersi
    visita : potatura siepi
  • tipi di siepe Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, coltivate per svolgere alcune particolari funzioni; si
    visita : tipi di siepe

COMMENTI SULL' ARTICOLO