La camelia

vedi anche: camelia

Come e quanto innaffiare la camelia

La camelia è un arbusto sempreverde originario dell'Asia tropicale che in natura raggiunge i 20 metri di altezza. A seconda delle specie, fiori e foglie hanno forme leggermente diverse e nei vivai si possono trovare numerosi ibridi che hanno fiori molto profumati o senza odore. La specie più coltivata come fiore ornamentale è la Camelia Japonica, originaria del Giappone che può arrivare ad alcuni metri di altezza. Come tutti gli arbusti teme il ristagno idrico, tuttavia in piena estate va bagnata frequentemente, avendo cura che il terriccio sia ben drenante. La camelia è una meravigliosa pianta da fiore che viene coltivata anche in forma ibrida con fiori molto diversi tra loro. La Camellia Japonica forma dei fiori che arrivano a 15 cm di che sbocciano da febbraio a maggio. Questa specie deve restare in casa perché non sopporta il freddo e va annaffiata quel tanto che basta per mantenere umido il substrato. Qualche annaffiatura sulle foglie e una frequente pulizia delle stesse vanno fatte quando non c'è il sole, perché c'è il rischio che le foglie bagnate colpite dai raggi solari si brucino. In inverno bisogna lasciar asciugare completamente il terriccio del vaso prima di inumidirlo.
Camelia rosa

Acero Rosso Giapponese"Acer Palmatum Dissectum Crimson Princess" vaso ø20 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27,4€


Come curare la camelia

Camelia bianca A parte la specie di camelia Japonica che sta meglio al chiuso, le altre si possono coltivare anche all'aperto, sul balcone o in giardino, però quando la temperatura scende sotto gli 8 gradi vanno messe dentro casa perché non sopportano il gelo. La posizione ideale della camelia è in una zona ventilata a mezz'ombra, evitando il sole diretto se non per poco tempo al giorno. La camelia ha bisogno di un terreno acido e molto ricco di sostanze in decomposizione, come foglie, corteccia e torba. Va invasata da settembre ad ottobre ed è consigliabile farlo ogni anno per permettere alle radici di respirare e di crescere. Quando trova le condizioni ideali, la camelia produce tanti fiori, a volte troppi, nel qual caso vanno tagliati per ottenerli più grandi. È importante potare la pianta in modo che circoli aria e luce e dopo ogni fioritura bisogna togliere i rami secchi e cimare gli apici. Quest'operazione è importante per farla crescere in larghezza, altrimenti si formerebbero rami sottili, lunghi e disordinati, oltre che molti fiori piccolini e poco profumati. In aggiunta alla potatura regolare, la pianta va tenuta sotto controllo perché è soggetta a tanti tipi di patologie e parassiti.

  • Nella tradizione cinese, i morbidi petali dolcemente arrotondati della camelia sono simbolo di massima raffinatezza, perfezione ed eccellenza per la loro posizione in simmetria, oltre a esprimere l’at...
  • foto camelia camelie. per l invasatura torba, terriccio e aghi di pino vanno bene?e in che percentuali vanno mischiate? ...
  • foto camelie Perchè non fioriscono i boccioli delle camelie che sono presenti e numerosi? ...
  • turcamelia un fiore a me sconosciuto,mi dicono essere di grande effetto ed anche profumato. Potrei saperne di più? grazie...

PAEONIA, PEONIA ROSA CHIARO, pianta vera

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,6€


Quanto concimare la camelia

camelia fiorita Per tutti i tipi di camelia valgono le solite regole, cioè terriccio acido, potature regolari, poco sole e fertilizzante giusto. Il concime va dato da marzo a settembre, sospendendo durante i periodi di riposo vegetativo. Il fertilizzante specifico per le camelie si trova in commercio già pronto e deve avere una percentuale più alta di azoto. La formula ideale deve contenere due parti di azoto, una parte e mezzo di potassio e 0,8 parti di fosforo. Naturalmente non devono mancare gli altri minerali, tutti in misura adeguata, che permetteranno alla pianta di assorbire meglio i principi nutritivi e mantenere un bel colore acceso tutto l'anno. Un'altra accortezza indispensabile è l'umidità, che consente alle gemme di sbocciare liberamente; delle nebulizzazioni regolari durante il periodo più caldo aiuteranno a mantenere l'ambiente umido come avviene in natura. È inopportuno nebulizzare troppo, perché questo favorirebbe l'insorgere di funghi e parassiti; le piante fiorite sono le preferite dai parassiti di ogni genere e la camelia non fa eccezione. È una buona idea mettere nel terriccio un antiparassitario preventivo poco prima della fioritura e tenere sotto controllo gli arbusti.


La camelia: Malattie e parassiti della camelia

Camelie in terrazzo Quando le foglie appaiono scolorite e giallastre significa che non ci sono abbastanza elementi nutritivi nel concime e bisogna provvedere al più presto per evitare che secchino e cadano. Il concime è importantissimo e deve contenere le esatte proporzioni di principi nutritivi, perché foglie scolorite possono significare poco azoto, mentre fioriture inesistenti un eccesso di azoto. La carenza di fosforo impedirà alle foglie di crescere liberamente, oppure spunteranno tante foglioline piccole che cadranno subito. Da questo si evince che il tipo di concime appropriato è indispensabile per la buona salute della pianta, alla stessa maniera del terriccio. Quando le foglie si ingialliscono in maniera uniforme vuol dire che le radici non hanno uno spazio adeguato per crescere e nutrirsi, per cui bisogna cambiare il vaso e il terriccio. Un elemento importantissimo nel concime per le camelie è il ferro. Quando invece delle foglie cascano troppi petali dei fiori o addirittura le gemme non sbocciano e cadono, il problema è l'acqua, che deve essere sempre priva di calcare e somministrata nella giusta quantità. Se si dovessero formare delle macchie irregolari sulle foglie si tratta di funghi.


Guarda il Video
  • camelia pianta Il genere camellia conta più di cento specie, diffuse in Asia, in particolare nella zona tra India, Cina, Giappone, Viet
    visita : camelia pianta
  • pianta camelia Nel romanzo di Dumas, la camelia è simbolo inequivocabile dell'umore della sua portatrice Marguerite (nell'opera verdian
    visita : pianta camelia

COMMENTI SULL' ARTICOLO