Berberidopsis corallina

generalità

Questo arbusto tipicamente rampicante è una di quelle piante di natura sempreverde che provengono da un paese dell'America Meridionale, ovvero il Cile.

Nel momento in cui si sviluppa con tutte le condizioni climatiche ideali, riesce anche ad oltrepassare i sei metri di altezza.

Per quanto riguarda le caratteristiche fisiche di questa pianta, dobbiamo sottolineare come i fusti siano estremamente sottili e caratterizzati da un tipico colore verde intenso.

I fusti tendono sempre a ramificarsi con grande facilità e a sviluppare delle foglie dalla forma tonda e dentellata.

Nel corso della stagione estiva la Berberidopsis corallina ha la particolare caratteristica di produrre un gran numero di fiori, riuniti all'interno di mazzetti e che presentano una tipica colorazione rosso intensa.

I fiori di questa pianta presentano anche una classica forma di lanterna.

Nella parte finale della stagione estiva, inoltre, si verifica anche la produzione dei frutti, che sono rappresentati da piccole bacche che presentano un tipico colore rosa, al cui interno di trova una buona quantità di semi.

Le piante che fanno parte di tale specie corallina hanno certamente bisogno di avere una struttura o un appoggio a cui sostenersi e sono una delle migliori soluzioni quando si ha la necessità di ricoprire un muro o un pergolato.

Per fare in modo che questa pianta rampicante possa conservare nel corso del tempo il suo aspetto compatto, il consiglio è quello di provvedere ad una legger potatura durate la fine della stagione invernale, che riguardi sopratutto i rami più deboli.

Berberidopsis corallina

OUTDOORCHEF - ACCESSORI PER BARBECUE RIPIANO LATERALE M (480)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,9€


esposizione

Berberidopsis corallina2 La più importante cosa da fare è, senza dubbio, quella di collocare questa pianta all'interno di un ambiente piuttosto riparato e in mezz'ombra.

Nella maggior parte dei casi, queste piante una peculiarità nell'affrontare la stagione invernale: stiamo facendo riferimento ad un elevato livello di resistenza nei confronti delle temperature particolarmente rigide, visto che la Berberidopsis corallina è in grado di sopportare anche temperature che si spingono sotto lo zero.

Per quanto riguarda la loro coltivazione, è sempre meglio collocarle all'interno di un'area riparata, sopratutto contro il vento, ma anche per dare un'adeguata protezione alla pianta nei confronti delle temperature più rigide, nonostante come abbiamo già detto, sia in grado di sopportarle con discreti risultati.

In tutte quelle zone caratterizzate da inverni particolarmente rigidi, il consiglio è quello di applicare una copertura di tnt per poter aiutare la pianta a sopravvivere meglio a tale complicato periodo.

  • rose rampicanti Come posso fare a calcolare l'età di una pianta di rosa rampicante?Grazie, Giuseppe ...
  • gymnema1 Gymnema è il nome di un rampicante arboreo originario dell’India e del Pakistan. Il suo nome botanico completo è Gymnema silvestre e appartiene alla famiglia delle Asclepiadaceae. Viene anche comunem...
  • Akebia quinata Questa pianta si caratterizza per avere un tipico sviluppo rampicante e rientra anche all'interno della categoria delle sempreverdi.L'Akebia quinata proviene dal continente asiatico, dato che i prin...
  • Vite canadese (Ampelopsis brevipeduncolata) Si tratta di un genere che comprende più di cinquanta arbusti rampicanti che provengono dalla parte settentrionale del continente americano, ma anche dal continente asiatico.Nella maggior parte dei ...

BONSAI BOUGANVILLE PIANTA IN VASO VERA PICCOLO ALBERO IN FIORE Produzione Viggiano Cactus

Prezzo: in offerta su Amazon a: 45,9€


Annaffiature

Certamente questa pianta ha la necessità di ricevere delle annaffiature regolari e costanti, ma che non devono mai abbondare; inoltre, è di fondamentale importanza fare molta attenzione ad aspettare che il terreno si sia asciugato prima di procedere ad una nuova irrigazione.

Nel caso in cui la stagione primaverile sia caratterizzata da un fitto numero di precipitazioni, allora queste piante riescono a sopravvivere molto bene anche solo grazie alle acque piovane.

Nel corso della stagione invernale, le annaffiature devono essere effettuate solamente nel caso in cui si verificano dei lunghi periodi di siccità, specialmente in quelle giornate in cui le temperature sono un po' più elevate rispetto al solito.


Terreno

Le piante di Berberidopsis si caratterizzano per avere l'esigenza di un terreno piuttosto ricco di sostanza organica e profondo, in maniera tale che si possano sviluppare nel migliore dei modi.

Ovviamente, tale substrato deve evitare la presenza di pericolosi ristagni idrici, che potrebbero portare diversi pericoli alla salute della pianta e, per tale ragione, è consigliabile che abbia un buon drenaggio.

Inoltre, il substrato dovrebbe essere anche piuttosto acido e, in più, non dovrebbero esservi tracce di calcarea.


Moltiplicazione

Tale operazione si può verificare sia per seme che per talea di fusto.

Nel primo caso, è fondamentale che la moltiplicazione avvenga al termine della stagione invernale, dopodiché si dovrà provvedere alla conservazione all'interno di un semenzaio in un luogo dalle temperature particolarmente elevate, evitando il contatto diretto con i raggi del sole e che sia anche decisamente umido.

Nel corso del periodo estivo, invece, si può provvedere anche alla moltiplicazione per talea di fusto.


Concimazione

concimazione berberidopsis<p />Per permettere che questa tipologia di piante rampicanti possa svilupparsi nel migliore dei modi, senza andare incontro a troppe complicazioni, è necessario intervenire al termine della stagione invernale, ma anche alla fine della stagione autunnale, provvedendo ad aggiungere dello stallatico al substrato in cui si trova la pianta, oppure una buona alternativa è rappresentata anche da un concime a lenta cessione.


Berberidopsis corallina: Parassiti e malattie

E' fondamentale sapere che, nel caso in cui la pianta di Berberidopsis corallina venga coltivata all'interno di un substrato con un livello di acidità piuttosto ridotto, possa andare incontro a delle clorosi ferriche.

Molte volte, le foglie di tale pianta rampicante possono essere attaccate dall'oidio o dalla cocciniglia.



COMMENTI SULL' ARTICOLO