Sundevilla

Generalità

La Sundevilla rappresenta una pianta dallo sviluppo tipicamente rampicante e si caratterizza per essere estremamente decorativa: nella maggior parte dei casi, infatti, questa pianta viene coltivata proprio con degli obiettivi ornamentali.

In particolar modo, questa rampicante si può trovare con facilità nei pressi delle aree costiere e, più in generale, all'interno di tutti quei luoghi che sono caratterizzati da un clima tipicamente mite.

Una delle principali caratteristiche di questa rampicante è, però, quella di avere una provenienza tropicale, oltre al fatto di svilupparsi con notevole facilità e rapidità.

Si tratta di una pianta che, nel caso in cui non venga sottoposta a costanti potature, può arrivare a superare anche i quattro metri di altezza, mentre presenta delle foglie caratterizzate da una tipica colorazione verde intenso.

La produzione dei fiori avviene nel corso della stagione primaverile, con la nascita di fiori dalle piccoli dimensioni, con una tradizionale forma a trombetta e una colorazione che è compresa tra il rosa e il rosso.

A differenza della Dipladenia Mandevilla, questa pianta rampicante si caratterizza per produrre dei fiori che sono molto meno appariscenti e per avere delle foglie che sono notevolmente meno rugose.

Sundevilla

concime liquido per piante fiorite CIFO ROSE BOUGANVILLE GELSOMINO ASTRO TAGETE VIOLE DALIE LAVANDA ARRICCHITO CON MICROELEMENTI E ferro

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,5€


Esposizione

Sundevilla rossa Si tratta di una pianta rampicante che deve essere collocata in un'area decisamente illuminata, magari con una luce diffusa, senza che venga esposta direttamente ai raggi del sole.

E' fondamentale garantire un buon livello di ombreggiatura nel corso delle ore più calde durante la stagione estiva.

Ad ogni modo, si adatta anche a quelle zone completamente ombreggiate, dato che riesce lo stesso a sviluppare la produzione di fiori, a differenze di molte altre rampicanti che, quando vengono poste interamente all'ombra, non riescono a fiorire.

  • rose rampicanti Come posso fare a calcolare l'età di una pianta di rosa rampicante?Grazie, Giuseppe ...
  • gymnema1 Gymnema è il nome di un rampicante arboreo originario dell’India e del Pakistan. Il suo nome botanico completo è Gymnema silvestre e appartiene alla famiglia delle Asclepiadaceae. Viene anche comunem...
  • Akebia quinata Questa pianta si caratterizza per avere un tipico sviluppo rampicante e rientra anche all'interno della categoria delle sempreverdi.L'Akebia quinata proviene dal continente asiatico, dato che i prin...
  • Vite canadese (Ampelopsis brevipeduncolata) Si tratta di un genere che comprende più di cinquanta arbusti rampicanti che provengono dalla parte settentrionale del continente americano, ma anche dal continente asiatico.Nella maggior parte dei ...

40 (bostoniano Ivy / parete Ivy) Parthenocissus tricuspidata Veitchii vite rampicanti fogliame semi di fiori semina stagioni Yi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


Annaffiature

sundevilla gialla La Sundevilla deve essere annaffiata con costanza e regolarità.

In particolar modo, le annaffiature devono essere effettuate con un cadenza di venti giorni, in maniera tale da soddisfare sempre le richieste idriche della pianta.

La Sundevilla, inoltre, si caratterizza per avere la necessità di essere coltivata in un ambiente che sia estremamente umido.

Inoltre, è sempre applicare delle frequenti nebulizzazioni, sempre tenendo presente l'importanza di avere una certa costanza nel compiere tale operazione, ma evitando di utilizzare dell'acqua fredda.


Terreno e potatura

Questa pianta ama, in modo particolare, quei substrati morbidi e ben drenati, con un ottimo livello di drenaggio. Altrettanto importante per fare in modo che vengano prodotti nuovi getti è l'operazione di potatura, che permette una fioritura più abbondante.

Tale operazione si deve svolgere sulla pianta di Sundevilla sempre in seguito al periodo in cui fiorisce, tagliando in modo netto i rami.


Moltiplicazione

Questa pianta rampicante si caratterizza per avere le medesime caratteristiche delle altre specie simili, come la Dipladenia Mandevilla: in poche parole, la moltiplicazione può avvenire sia mediante seme che attraverso le talee.

La semina è un'operazione che si deve effettuare, per forza di cose, nel corso della stagione primaverile e si effettua dopo aver preparato un terriccio particolarmente morbido, in cui andranno inserite quantità uguali di sabbia e torba.

La germinazione dei semi avviene nella maggior parte dei casi, sopratutto quando ci si assicura che il semenzaio venga collocato in un ambiente particolarmente caldo, in cui le temperature non devono scendere sotto i ventidue gradi centigradi.

Le piante che nasceranno produrranno i fiori nel corso del terzo anno.

La moltiplicazione effettuata mediante talea, invece, deve essere eseguita sempre nella fase iniziale della stagione primaverile: è fondamentale tagliare dei rametti che si trovano nella parte laterale della pianta, utilizzando delle cesoie (assicurandosi che siano sempre affilate e disinfettate in precedenza).

Si devono estrarre delle talee con una lunghezza pari ad almeno dieci centimetri.

La fase successiva sarà quella della radicazione: le talee dovranno essere collocate all'interno di un apposito contenitore, precedentemente riempito con torba e sabbia (in quantità uguali) e deve essere conservata una temperatura minima di venti gradi centigradi.

Una volta che si è verificata la radicazione, sarà fondamentale provvedere alla cimatura del germoglio più importante, con uno scopo essenzialmente stimolante per lo sviluppo dei rami che si trovano in posizione laterale.


Sundevilla: Parassiti

sundevilla rosa La Sundevilla, proprio come avviene per la specie Dipladenia, riesce a svilupparsi con ottimi risultati quando viene curata nel migliore dei modi, soprattutto applicando dei trattamenti che consentono di tenere il più lontano possibile funghi e parassiti.

La maggior parte di queste piante viene colpita da dei parassiti che attaccano sopratutto gli apici e i rami più giovani: la conseguenza principali è rappresentata dall'ingiallimento delle foglie e dalla loro successiva caduta.

I parassiti che possono apportare il maggior numero di danni a questa rampicante sono, quindi, la cocciniglia e il ragnetto rosso e, in entrambi i casi, l'oggetto dei loro attacchi è rappresentato dalle foglie, in particolar modo nella pagine inferiore.



COMMENTI SULL' ARTICOLO