Stella di betlemme

Informazioni e cenni botanici

Il nome "stella di Betlemme" si riferisce alle piante bulbose appartenenti al genere Ornithogalum (conosciute come "latte di gallina" in molte località italiane), incluse nella famiglia Liliaceae. Il genere comprende oltre duecento specie tutte simili tra di loro, originarie dell’Asia, dell’Europa e di alcune zone dell’Africa Orientale. La più comune e facilmente reperibile è la Ornithogalum umbellatum, dalla quale negli anni sono stati generati ibridi e varietà di diversi colori. Il portamento è di dimensioni contenute, infatti la pianta raramente arriva ai novanta centimetri, sebbene alcune varietà possono superare anche il metro d’altezza. Il bulbo è tunicato, tipico delle Liliaceae, e di piccole dimensioni. Le foglie sono lanceolate e sottili, ed avvolgono un singolo fusto che reca all’apice un’infiorescenza a pannocchia. I fiori sono stellati, composti da sei petali bianchi, che assumono colorazioni diverse (verde, giallo, arancione e rosso) nelle cultivar ottenute artificialmente. Fioriscono dalla primavera alla prima metà dell’estate, affrontando poi lo stato dormiente sotto forma di bulbo.
Ornithogalum umbellatum fotografato in natura

Cimitero 3d stella di Betlemme bambini oro grande 38 cm HOH lampada cimiteriale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,9€


Riprodurre la stella di Betlemme

Bulbi di Ornithogalum Come la maggior parte delle Liliaceae, la stella di Betlemme si riproduce e si propaga tramite il bulbo. La crescita tramite seme, infatti, risulta estremamente lenta e spesso ci vogliono anni affinché la pianta produca fiori. In estate, dopo aver acquistato i bulbi o diviso i bulbilli dalle piante madri, si prepara una cassetta tappezzata di carta da pacchi o paglia, adagiandovi i bulbi per il riposo in luogo asciutto e ombreggiato. In autunno, quando le temperature iniziano a sfiorare i quindici gradi, bisogna energicamente vangare ed arieggiare il terreno di coltivazione, esposto in una zona assolata, addizionando un concime specifico a base di azoto e potassio. È bene mescolare anche una modesta quantità di ghiaia fine o sabbia di fiume, per assicurare un buon drenaggio. Dopo aver piantato i bulbi ad una profondità di 10-15 centimetri, si attenderanno i primi freddi per coprire il substrato con del pacciame protettivo, onde evitare morie dovute al freddo intenso. Alla fine dell’inverno, si provvederà ad innaffiare regolarmente i bulbi fino alla germinazione, che avviene agli inizi di marzo.

  • stella di natale Chi di noi non conosce la stella di Natale, o meglio, l’Euphorbia Pulcherrima? Nessuno o quasi. Tutti noi, almeno una volta, abbiamo comprato questa pianta durante il periodo natalizio, per fare un re...
  • aster frikartii moench I settembrini, chiamati anche astri, sono una graziosa pianta molto decorativa. Il loro nome scientifico è Aster frikartii; appartengono al genere Aster e alla famiglia delle Compositae. Il nome “sett...
  • un due tre stella Un due tre stella è un gioco di gruppo per bambini. Un unico bambino si appoggia al muro di spalle agli altri e subito dopo aver detto un due tre stella si volta. Mentre il giocatore è girato verso il...
  • Stella cometa dorata La stella cometa è senza dubbio uno dei simboli che chiaramente rappresentano un presepe, un presepe senza stella cometa è un presepe scialbo ed incompiuto perché, per l'appunto, manca proprio del suo...

3 pz bulbi autunnali lilium white bulbo navona fiore per vaso e giardino bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,9€


Cure ed accorgimenti

Varietà arancione e a petali sovrapposti di Ornithogalum Agli inizi di aprile la stella di Betlemme inizia a fiorire, con caratteristiche infiorescenze ricche di fiori bianchi e profumati, spesso abbinati a varietà vivacemente colorate come la "sun month", una cultivar arancione con petali piccoli e sovrapposti tra loro. La pianta non ha bisogno di alcun tipo di potatura, se non una minuziosa pulizia di foglie e fiori secchi, che potrebbero richiamare facilmente i parassiti. Se non è stato applicato alcun concime in granuli prima della semina, si può rimediare adoperando un prodotto liquido diluito in acqua, versandolo alla base dei fusti ogni 15 giorni. Se si recidono i fiori per portarli in casa, è bene usare una piccola cesoia ben sterilizzata e, se necessario, applicare sul fusto reciso un prodotto cicatrizzante (per evitare batteriosi che porterebbero alla morte la pianta ed il bulbo). Dopo la fioritura, quando il fusto e le foglie si saranno completamente essiccati, bisogna togliere i bulbi dal terreno, ripulirli e dividerli dai bulbilli appena formati; la stella di Betlemme, infatti, se lasciata troppi anni nello stesso luogo, rischia di indebolirsi e non germinare più.


Stella di betlemme: Curiosità

Stella di Betlemme Il nome scientifico Ornithogalum deriva dal greco: "ornithos" vuol dire uccello, mentre "galum" significa gallo, in riferimento al fatto che fiori, poco prima di sbocciare, rassomigliano alla testa di questo uccello, con tanto di cresta e becco in evidenza. Molte specie appartenenti a questo genere sono velenose, e non di rado gli animali da pascolo o da compagnia ne hanno subito le conseguenze dopo averne ingerito le foglie; esse contengono carotenoidi ed alcaloidi che interferiscono con la regolare funzionalità dell’apparato gastro-intestinale, provocando vomito, dissenteria e dolori addominali. Altre specie invece sono innocue, alcune addirittura commestibili. I bulbi sono utilizzati in molti paesi asiatici come ingredienti principali per insalate e fritture varie, nonché nella medicina alternativa che adopera i Fiori di Bach (una terapia ideata dal medico inglese Edward Bach, che prevede l’uso dei fiori per la cura e la prevenzione di numerose patologie).



COMMENTI SULL' ARTICOLO