Clematide

generalità

La Clematide Clematis rappresenta un vero e proprio genere, facente parte della famiglia delle Ranunculacee, che si caratterizza per includere oltre duecentocinquanta specie di piante, dalla natura erbacea, ma anche legnosa, oltre a quelle rampicanti, che si possono suddividere tra quelle che presentano le foglie caduche e quelle sempreverdi.

Nella maggior parte dei casi, stiamo parlando di piante che denotano un fusto estremamente sottile, in maggioranza semilegnoso, con una produzione tipica di viticci, che vengono sfruttati come vero e proprio supporto per svilupparsi su muri e pergolati.

Le foglie sono caratterizzate da un tipico colore verde intenso e, nella maggior parte dei casi, sono ricoperte da una leggere peluria bianca.

Nel corso dei mesi caratterizzati da temperature più rigide, la maggior parte di queste specie ha la peculiarità di perdere le foglie.

Tra le più importanti specie, ne troviamo alcune che presentano una fioritura primaverile che assume proporzioni particolarmente elevate, senza dimenticare altre che fioriscono anche con l'inizio della stagione autunnale.

Si tratta, in gran parte dei casi, di fiori dalle dimensioni tipicamente elevate, con delle colorazioni che possono notoriamente variare tra il rosa, il blu, e il viola.

Le piante facenti parte di questo genere si sono sviluppate ormai anche nel vecchio continente e nella penisola italiana.

Clematide

CLEMATIDE THE PRESIDENT (1 PIANTA) VASO 12CM

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


esposizione

Clematide2 Questa tipologia di piante, si caratterizzano per aver bisogno del contatto diretto con i raggi solari e, per tale ragione, devono essere collocate all'interno di aree che vengono costantemente battute dal sole.

E' fondamentale, infatti, che le clematidi ricevano un po' di sole almeno per alcune ore nel corso della giornata, anche per via del fatto che quando vengono collocate in una zona particolarmente ombreggiata, produrranno una quantità di fiori pari a zero.

Per fare in modo di garantire a questa pianta uno sviluppo rigoroso, come tra l'altro è nella sua natura, il consiglio è quello di conservare il piede e le radici della Clematide stessa all'interno di una zona riparata dai venti e dai raggi solari nel corso delle ore più calde della giornata.

Le clematidi si caratterizzano, inoltre, per avere un ottimo livello di resistenza nei confronti delle temperature rigide, anche per via del fatto che, nel corso del periodo in cui avviene il riposo vegetativo, hanno la particolare tendenza a “slegarsi” dalla parte aerea.

  • Comune immagine della Clematis Vitalba Parliamo della clematis vitalba, clematide, barba di vecchio, erba dei pezzenti o semplicemente Vitalba; tanti sono i nomi per la pianta in questione. E' una pianta rampicante molto conosciuta perchè ...
  • Fiori clematide Il nome Clematide deriva dal greco Clematis, che significa letteralmente tralcio di vite. Appartiene al genere di piante Dicotiledoni e alla famiglia delle Ranuncolacee. Vi fanno parte specie volubili...
  • Fiore clematis Il genere Clematis comprende oltre 250 specie e varietà di piante rampicanti e erbacee. Le irrigazioni rappresentano un aspetto molto importante per ottenere vegetali rigogliosi e resistenti alle mala...
  • rose rampicanti Come posso fare a calcolare l'età di una pianta di rosa rampicante?Grazie, Giuseppe ...

Clematide Piilu - Vaso 1,5 litro (Pianta rampicante - Clematis - Pianta adulta - Resistenza al freddo: Ottima) - Muri e recinzioni, Pergola, Balconi e terrazze | ClematisOnline - clematidi e rampicanti più economiche

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,95€


annaffiature

Le annaffiature devono essere sempre garantire con un'ottima costanza nel corso del periodo compreso tra la stagione primaverile e quella autunnale.

La prima cosa che si deve tenere a mente è indubbiamente quella relativa alla regolarità delle annaffiature: è importante non lasciare periodi di siccità, che possono fare molto male ad una pianta rampicante con tali caratteristiche.

Le clematidi, inoltre, prediligono un ambiente particolarmente umido per rispettare uno sviluppo ottimale: quindi, con una frequenza bisettimanale, è necessario provvedere a mischiare l'acqua delle irrigazioni con un ottimo concime, in particolar modo è meglio utilizzare quello per piante da fiore.


terreno

Le piante di clematide si devono coltivare all'interno di un substrato particolarmente soffice e ben fresco: ecco spiegato il motivo per cui è fondamentale cercare di non esagerare con la quantità di argilla e torba inserita al suo interno, ma sarà necessario prediligere un terreno soffice, che sia estremamente ricco di sostanza organica e con un ottimo livello di drenaggio, in maniera tale da evitare la possibile formazione di pericolosi ristagni idrici.

Inoltre, le clematidi si possono coltivare anche all'interno di vasi, tenendo a mente che l'operazione di rinvaso deve avvenire con cadenza biennale.


moltiplicazione

Si tratta di un'operazione che può essere effettuata sfruttando delle talee che provengono dalla pianta madre, ma si può anche realizzare attraverso la semina.

Nel momento in cui si sceglie la riproduzione per talea, è necessario prelevare delle talee che abbiano una lunghezza compresa tra 10 e 15 centimetri, soprattutto durante la stagione estiva.

Le talee si dovranno, successivamente, piantare all'interno di contenitori da moltiplicazione, dopo averli riempiti con ottime quantità di torba e sabbia.

Una volta che è trascorsa la fase della radicazione, sarà necessario prestare particolare attenzione alla sistemazione delle piantine di clematidi all'interno di vasi aventi un diametro di 8 centimetri, per poi collocarli all'interno di un ambiente coperto e riparato, sopratutto in vista delle temperature rigide che caratterizzano la stagione invernale.


Clematide: parassiti e malattie

Tra tutte le tipologie di parassiti che notoriamente sono tra i più comuni pericoli per le clematidi, troviamo sopratutto nel lumache, gli afidi, che risultano pericolosi sopratutto per via del fatto che vanno a colpire le gemme, nonché le forbicine, ovvero parassiti che colpiscono sopratutto i tepali, ma anche le foglie.

Le malattie più comuni per le clematidi sono invece rappresentate dal seccume, che ha come conseguenze l'appassimento, nonché la morte dei vari germogli, ma anche il mal bianco, che si realizza mediante la formazione di muffe su foglie e fiori.


  • clematide appartenente alla famiglia delle Ranunculaceae, la Clematis o clematide costituisce un genere di circa 250 specie di pia
    visita : clematide

COMMENTI SULL' ARTICOLO