Il gelsomino

vedi anche: Gelsomino

Quanto annaffiare il gelsomino

Il gelsomino è una pianta rustica originaria dell'Asia che viene coltivata a scopo ornamentale in diverse specie. Oltre a produrre dei fiori che hanno un profumo meraviglioso, ha anche dei poteri officinali e viene venduta anche in erboristeria. Esistono più di 200 varietà di gelsomino e le più diffuse sono tre: il gelsomino bianco rampicante che fiorisce in primavera, quello che fiorisce in inverno e il gelsomino giallo, con un profumo più delicato e la fioritura primaverile. Il Jasminum Officinale è il tipo di gelsomino più comune che si trova nei terrazzi e nei giardini, di colore bianco e molto profumato. Si tratta di una pianta robusta che ha bisogno di un supporto per arrampicarsi e viene spesso usata per coprire i pergolati dei giardini perché può raggiungere un grande sviluppo in altezza e in larghezza. Il Jasminum Polyantum ha la caratteristica di fiorire nel periodo invernale. Raggiunge altezze inferiori rispetto all'Officinale ed entrambi richiedono abbondante acqua durante la fioritura sia sulla terra che sulle foglie. Tutte le specie di gelsomino perdono le foglie, anche il Jasminum Primulinum, una varietà leggermente meno profumata che si trova nei vivai anche di colore giallo.
Cespuglio gelsomino

Il gelsomino e la pozzanghera

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,9€
(Risparmi 2,1€)


Le cure necessarie al gelsomino

gelsomino Tutte le varietà di gelsomino vengono coltivate nei vasi, ma si possono piantare anche in terra. È una pianta che si adatta bene anche al freddo e se viene mantenuta correttamente dura tutto l'anno. Le cure necessarie sono minime, perché il gelsomino si attacca ai pergolati, alle cancellate, alle staccionate e vive bene anche solamente con la pioggia. Quando fa molto caldo e piove poco va annaffiato e nebulizzato, badando che il terriccio non si asciughi troppo. Il gelsomino non ama le correnti d'aria fredda e neanche il sole eccessivo. La luce e un po' di sole qualche ora al giorno vanno bene, ma il sole pieno dalla mattina alla sera farà seccare la pianta. Si può usare qualunque tipo di terriccio per piante fiorite aggiungendo un po' di torba per renderlo più drenante; ottimo anche mettere dell'argilla espansa nel fondo del vaso per evitare che le radici rimangono immerse nell'acqua. Il rinvaso deve essere fatto una volta all'anno per tutte le specie di gelsomino. Quello che fiorisce in primavera va rinvasato a settembre e quello che fiorisce in inverno a marzo, scegliendo un contenitore leggermente più grande ma non troppo. Il rinvaso va fatto nel terriccio nuovo e fertilizzato.

  • jasminum fruticans Il gelsomino è una pianta molto bella, sempreverde, a carattere arbustivo, con la maggior parte delle specie rampicanti, che può arrivare ad un’altezza di tre-quattro metri. Il gelsomino o Jasminum, ...
  • gelsomino1 Il gelsomino è una pianta sia arbustiva che rampicante, appartenente alla famiglia delle Oleaceae. Comprende diverse specie, circa 200, prevalentemente usate a scopo ornamentale. La principale caratt...
  • Gelsomino (Jasminum officinale) Il Gelsomino officinale, detto anche gelsomino bianco, si caratterizza per essere una pianta rampicante che può arrivare ad avere anche un'estensione pari a quindici metri.Si tratta di una rampicant...
  • Gelsomino (Jasminum polyanthum) Il Gelsomino polyanthum fa parte della grande famiglia rappresentata dalle Oleacee: stiamo parlando di un genero che include un numero di specie superiore a trecento, tra cui possiamo trovare anche de...

NUTRI 1 ONE One Concime concentrato per Piante e Fiori, 1 lt

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,49€


Quando e quanto concimare

Germoglio pianta Per coltivare tutte le varietà di gelsomino il concime non è indispensabile, a meno che non si voglia un’eccezionale fioritura. In questo caso quando iniziano a sbocciare i fiori si può procedere con il concime specifico per piante fiorite da somministrare una volta alla settimana; quando la pianta è a riposo bisogna dare pochissima acqua e assolutamente nessun tipo di concime. Quando ci sarà la ripresa vegetativa si potrà iniziare a somministrare un po' d'acqua e un po' di concime, ma solamente quando è il momento della fioritura. Questa pianta rustica quando trova le condizioni ideali vegeta moltissimo e se i fiori sono particolarmente abbondanti è bene lasciarla stare, perché significa che ha tutti gli elementi nutritivi dei quali ha bisogno. Eccedere con le irrigazioni o con il concime porterà a qualche malattia oppure alla caduta delle foglie. Il fertilizzante si può nebulizzare sulle foglie, tuttavia c'è il rischio che macchi i fiori se ha un alto contenuto di sali minerali. Un terriccio adatto da cambiare tutti gli anni e la giusta quantità di acqua saranno la cura migliore per far prosperare al meglio tutte le varietà di Jasminum, che è il nome scientifico del gelsomino.


Il gelsomino: Malattie e possibili rimedi

Gelsomino fiorito Il gelsomino è pianta robusta e l'unica accortezza è non metterla in pieno sole e fare attenzione alle gelate invernali. Quando la pianta entra in riposo vegetativo non va toccata e non bisogna spaventarsi se perde tutte le foglie e ingiallisce: quando sarà il momento giusto riprenderà la vegetazione, a meno che non abbia qualche malattia o parassiti. Gli insetti più comuni sono quelli che infestano tutte le piante rampicanti, come gli afidi e la cocciniglia. Di solito compaiono quando fa caldo e si posano sulle foglie nutrendosi della linfa interna. Quando le foglie si ricoprono di puntini neri, seccano e cadono, è il momento di intervenire con un insetticida adeguato. Funghi e parassiti si sviluppano anche nel terreno, specialmente se è troppo inzuppato, in particolar modo la muffa grigia e l’oidio, conosciuto anche come mal bianco. Quando sui germogli si forma una polvere biancastra molto probabilmente è l’oidio, che colpisce soprattutto quando c'è molta umidità in primavera e in autunno. La muffa grigia è una patina grigiastra che si deposita sui nuovi germogli e sui nuovi fiori del gelsomino, se non si interviene in tempo porterà rapidamente alla morte di tutta la pianta.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO