gynostemma pentaphyllum

Cos’è

La gynostemma pentaphyllum è una pianta erbacea perenne originaria delle zone montuose di Cina, Corea e Giappone. Appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee, la stessa delle zucche e dei cetrioli, ma senza produrre lo stesso frutto. Il genere di pianta gynostemma annovera diverse specie, anche se la più conosciuta è proprio la pentaphyllum chiamata anche "Jiaogulan" e “Makino”. Le proprietà di questa pianta erano conosciute fin dall’antichità e la si usava ai tempi della dinastia Ming ( 1300 A.C). Negli antichi testi di medicina cinese viene citata come una pianta miracolosa o “albero dell’immortalità” o della vita eterna, simile a quello descritto nella Bibbia in riferimento al giardino dell’Eden. La Gynostemma cresce spontaneamente fino a 1300 metri di altitudine, ma viene anche coltivata in pianura. Attualmente è molto diffusa nel Nord Italia. Si tratta di una specie vegetale che può essere coltivata anche sul balcone di casa. Si presenta con radici rampicanti, un fusto esile di colore bianco, foglie membranose e fiori di dimensioni molto piccole di colore giallo verde. La fama di questa pianta è ancora oggetto di studi, ma ciò non ha impedito di commercializzarla a scopo officinale facendola diventare una dei rimedi erboristici più richiesti. Le parti della pianta usate a questo scopo, sono quelle aeree da raccogliere entro giugno nelle varietà spontanee ed entro agosto per quelle coltivate. Questi sono, infatti, i periodi in cui la pianta presenta la più alta concentrazione di principi attivi.
gynostemma1

GYNOSTEMMA PENTAPHYLLUM (1 PIANTA)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,9€


Proprietà

gynostemma2 La gynostemma pentaphyllum ha degli effetti molto simili al ginseng, ovvero energizzanti, antistress e antifatica. Come il ginseng, infatti, viene definita una pianta adattogena, cioè capace di migliorare la risposta dell’organismo agli stimoli esterni e agli agenti stressanti. Rispetto al ginseng, però, presenterebbe alcune fondamentali differenze, oltre a dare energia, infatti, avrebbe anche un effetto calmante che favorisce il sonno e il riposo. I benefici effetti di questa pianta si devono all’elevata concentrazione di saponine triterpeniche dette gipenosidi che hanno una struttura simile ai ginsenoidi del ginseng, ma in quantità quadrupla rispetto a questi. Altre sostanze presenti nella gynostemma, flavonoidi, sali minerali, vitamine, aminoacidi e proteine. Gli effetti della pianta si esplicano su diverse aree dell’organismo, anzi sembra siano molto diversi da un individuo all’altro, alleviando gli specifici disturbi o malattie croniche del soggetto che ne fa uso. Ad esempio se una persona soffre di dolori reumatici, avrà un miglioramento di questi dolori, se soffre di colesterolo alto avrà un abbassamento di questa sostanza nel sangue. Il meccanismo di azione della gynostemma resta tutt’ora sconosciuto, ma è come se la pianta andasse a scovare e curare la singola malattia che affligge la persona. In linea generale, invece, alla gynostemma, grazie anche a studi e ricerche, vengono attribuite proprietà energizzanti, stimolanti, cardiotoniche, antiossidanti, immunostimolanti, di abbassamento della pressione arteriosa e del colesterolo, digestive e contro le malattie dell’apparato respiratorio. Gli estratti di questa pianta sembrano anche avere effetti benefici sulla funzione sessuale maschile, ma questi dati non sono ancora confermati.


  • centaurea cyanus Il fiordaliso, il cui nome scientifico è Centaurea cyanus, è una pianta erbacea annuale, appartenente alla famiglia delle Asteraceae, la famiglia di piante a fiore a cui appartiene anche il girasole. ...
  • acetosa L’acetosa è una pianta erbacea, perenne e rustica, che si caratterizza per presentare una radice dalle dimensioni particolarmente elevate e che, nel corso della stagione primaverile, sviluppa un fusto...
  • uncaria2 L’uncaria, nome completo Uncaria tormentosa, è un arbusto rampicante originario dell’Amazzonia, che cresce ad altitudini di circa 400 , 800 metri. Cresce nella foresta a Sud Ovest dell’Amazzonia ed è ...
  • cardo1 Il cardo mariano, detto anche Silybum marianum e Cardus marianus, è una pianta erbacea biennale diffusa in tutto il bacino dell’Europa Mediterranea, ma si trova anche nel Medio Oriente e in alcune par...

Erbe Aromatiche 480 Semi In 24 Varietà, Collezione Completa di Semi Più Piccola Guida Alla Coltivazione Edizione 2017: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana, Peperoncino Cayenna Rosso, Peperoncino Tondo da Ripieno, Rucola, Cipolla Rossa Tonda di Tropea, Coriandolo, Maggiorana, Anice, Senape Bianca, Crescione Comune, Dragoncello, Melissa e Dente di Leone

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,9€


Usi

Nonostante si possa coltivare anche in casa, la gynostemma è diventata il vero e proprio business della medicina erboristica e per testarne gli effetti benefici bisogna provvedere a comprare gli estratti in forma di compresse in farmacia, erboristeria e parafarmacia. La dose consigliata per le compresse da 150 mg è di una, compressa per una, due volte al giorno come normalizzante e adattogeno. Per migliorare le prestazioni sportive la dose consigliata per le compresse è di una per tre volte al giorno. Le compresse si assumono preferibilmente al mattino e a pranzo. In commercio si trovano anche capsule da 300 mg con denominazione Ginpent il cui dosaggio va opportunamente prescritto da un medico.


gynostemma pentaphyllum: Costi dei prodotti

Il crescente interesse della stampa verso gli estratti di gynostemma ha fatto lievitare i prezzi dei prodotti che li contengono, ovvero capsule e compresse. Bisogna sottolineare però che le capsule e le compresse a base di estratti di questa pianta rientrano sempre nella categoria degli integratori alimentari che non possono in alcun modo sostituire una dieta variata. In base alle testimonianze di coloro che hanno provato questo tipo di rimedio erboristico è emersa una certa percentuale che afferma di aver notato un miglioramento dei propri disturbi e altri che, invece, non hanno tratto alcun beneficio. Per cui la spesa va sempre suggerita dal medico. Non esistono studi che confermano la tossicità degli estratti di gynostemma, anzi sembra che ne abbiano certificato la non tossicità, ma questo non è un buon motivo per comprare prodotti erboristici alla cieca, anche perché, come già detto, hanno un certo costo. Le capsule di ginpent possono costare anche 22 euro. Queste sono state via via soppiantate dalle compresse. Un blister di 60 compresse costa circa 12 euro.



COMMENTI SULL' ARTICOLO