Santoreggia

Santoreggia

La santoreggia è una pianta erbacea con fusti alti circa 30 centimetri. Appartiene alla famiglia delle Labiatae o Lamiaceae, per via delle foglie a forma di lama. Il suo nome è Sartureja Hortensis L. Viene comunemente chiamata santoreggia domestica estiva o erba cerea. È diffusa in Asia Occidentale e in Europa Meridionale. In Italia cresce nelle regioni centrali e settentrionali, in aree particolarmente aride. Era conosciuta dagli antichi romani come “erba dei satiri” per via del suo aspetto peloso che evocava queste figure mitologiche del tempo. Allora si riteneva anche che potesse avere delle proprietà afrodisiache. In realtà è una pianta aromatica, le cui foglie donano gusto e sapore ad alcuni cibi, come carne o legumi. I suoi fiori hanno un colore bianco e rosato. Mentre un’altra varietà, la “santoreggia invernale” o montana presenta solo fiori bianchi. La semina di questa pianta avviene in primavera o in autunno. I fiori sbocciano da giugno a settembre, si raccolgono nel periodo della piena fioritura e vanno essiccati in luoghi bui e ben ventilati. Le foglie vanno raccolte prima della fioritura e possono essere usate fresche o fatte essiccare con gli stessi accorgimenti usati per i fiori.
santoreggia1

110 SEMI DEI 9 GIGANTI DELL'ORTO: 10 SEMI di ZUCCA GIGANTE ATLANTIC GIANT + 10 SEMI di ANGURIA GIGANTE CHARLESTON GRAY + 10 SEMI di POMODORO GIGANTE ITALIANO + 10 SEMI di PEPERONCINO LONG CAYENNA ROSSO + 10 SEMI di BASILICO GIGANTE + 10 SEMI di CAROTA GIGANTE + 10 SEMI PEPERONCINO DA RIPIENO GIGANTE CHERRY BOMB + 20 SEMI RAVANELLO ROSSO GIGANTE + 20 SEMI SPINACIO GIGANTE D'INVERNO + PICCOLA GUIDA ALLA COLTIVAZIONE DI OGNI SINGOLA VARIETÀ

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,49€


Proprietà

santoreggia2La santoreggia oltre ad essere una pianta aromatica, viene anche definita pianta officinale o erba medicinale per le sue proprietà terapeutiche. Oltre che in cucina, viene anche usata in fitoterapia per alleviare alcuni disturbi comunemente molto diffusi, come i problemi digestivi, la diarrea ed altri disturbi gastrointestinali. I suoi principi attivi hanno anche delle proprietà lenitive sulle infiammazioni del cavo orale. Può anche essere usata per motivi estetici, per ricavare dei profumi e le sue foglie sminuzzate possono essere collocate nella vasca da bagno per alleviare stanchezza e gonfiore alle caviglie. Un infuso a base di santoreggia, applicato sui capelli rafforza anche il bulbo pilifero. I suoi principi attivi sono oli essenziali ed enzimi che contengono tra l’altro vitamina A, tannino e potassio.

  • santoreggia fiore La santoreggia domestica, che viene chiamata anche con il nome di santoreggia estiva, fa parte della famiglia delle Labiate, al genere Satureja ed alla specie hortensis.Si tratta di una pianta annua...
  • Santoreggia vaso La santoreggia è da innaffiare con regolarità, ma per avere un altro raccolto bisogna potarla in luglio. Questa pianta sopporta senza difficoltà la siccità, anche se in estate è meglio annaffiarla più...
  • sambuco1 Il termine sambuco identifica una particolare specie di pianta appartenente alla famiglia delle Caprifoliacee, specie vegetali cespugliose e rampicanti che possono anche avere una caratteristica arb...

Erbe Aromatiche 480 Semi In 24 Varietà, Collezione Completa di Semi Più Piccola Guida Alla Coltivazione Edizione 2017: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana, Peperoncino Cayenna Rosso, Peperoncino Tondo da Ripieno, Rucola, Cipolla Rossa Tonda di Tropea, Coriandolo, Maggiorana, Anice, Senape Bianca, Crescione Comune, Dragoncello, Melissa e Dente di Leone

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19€


Come usarla

Le parti della santoreggia usate per scopi terapeutici, estetici e culinari sono le foglie ed i fiori. Si possono usare crudi o in forma di infuso per la stanchezza ed i problemi digestivi. L’infuso si può usare anche per combattere le rughe assieme alla salvia, mentre il decotto si può aggiungere all’acqua della vasca da bagno. Attenzione alla differenza tra infuso e decotto, perché non sono la stessa cosa. L’infuso è ottenuto aggiungendo le parti della pianta dopo aver bollito l’acqua calda, mentre nel decotto la pianta si mette con l’acqua fredda che poi viene fatta bollire. L’olio essenziale si usa anche come profumo. Per preservare le proprietà terapeutiche della santoreggia è consigliabile conservala a mazzetti e sminuzzarla nel momento in cui si usa. L’infuso di foglie intere di santoreggia va bevuto dopo i pasti. I principi attivi della santoreggia vengono anche commercializzati sotto forma di capsule a base di oli essenziali che contengono anche altri estratti di piante officinali, coadiuvanti per alleviare diversi stati patologici. Queste capsule si assumono con acqua abbondante per due tre volte al giorno, lontano dai pasti. Il solo olio essenziale di santoreggia che si ottiene dalla distillazione delle sommità fiorite della pianta, si assume in gocce. La posologia è di 2, 3 gocce per due tre volte al giorno da dosare in mezzo cucchiaino da caffè. Questi oli hanno proprietà antinfettive, antisettiche, balsamiche ed antiparassitarie.


Dove trovarla

I principi attivi della santoreggia si trovano presso le farmacie, le erboristerie, negozi di prodotti biologici, nelle profumerie ( quando gli estratti della pianta sono usati per fini estetici) e nei siti web delle aziende produttrici. Quando si parla di piante officinali però l’acquisto online è sconsigliabile, mentre può rilevarsi utile consultare i cataloghi web delle aziende che producono prodotti a base di piante officinali per avere una visione d’insieme delle caratteristiche del prodotto e per conoscerlo meglio. Il dosaggio o la posologia della sostanza va suggerita solo dal medico. Questi prodotti rientrano sempre nella categoria degli integratori alimentari e non dei medicinali. La santoreggia viene commercializzata in forma di confezioni in foglie intere da un chilo. Il costo è di circa 29 euro. Mentre gli oli essenziali di santoreggia in capsule, misti ad altre sostanze costano tra i 19 ed i 21 euro. L’olio essenziale di santoreggia in forma di gocce da 15 ml costa circa 23 euro. Queste gocce si possono assumere anche per inalazione diluendo 10 - 15 gocce in mezzo litro di acqua calda. Stessa diluizione se le si vuole usare nell’acqua da bagno. La santoreggia è controindicata in gravidanza e per i bambini piccoli. Gli oli essenziali vengono anche commercializzati come profumi in forma di liquidi oleosi. Insieme ad altri oli essenziali vengono venduti come soluzione anticellulite al costo di circa 16 euro. Per un uso ottimale gli oli essenziali non vanno mai diluiti, ma vanno applicati nella forma pura.



  • santoreggia La santoreggia domestica, che viene chiamata anche con il nome di santoreggia estiva, fa parte della famiglia delle Labi
    visita : santoreggia

COMMENTI SULL' ARTICOLO