Primula veris

Caratteristiche principali della primula veris

La primula veris fa parte della famiglia delle primulaceae ed è una specie che cresce bene solamente all’aperto. Si tratta di una pianta erbacea di tipo rizomatoso e sempreverde. Cresce spontaneamente in tutto il nord e centro nord dell’Italia ed è una delle specie floreali protette. I suoi fiori iniziano a far capolino a fine inverno quando la neve si scioglie e dal terreno spuntano le prime erbe. La pianta presenta foglie radicali lievemente dentate e rivestite completamente da una fitta peluria soffice di un colore verde più o meno scuro. I suoi fiori di una bella tonalità giallo dorata si individuano a prima vista nei prati, sono campanulati e disposti ad ombrella. In alcune varietà presentano delle macchie arancioni e emanano un aroma intenso gradevole.
Primula veris fiorita

SAFLAX - Set per la coltivazione - Primula odorosa - 100 semi - Primula veris

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,75€


Tecnica colturale

Piantina di primula veris La primula veris non necessita di cure specifiche o particolarmente laboriose. Durante il periodo estivo non deve essere sottoposta a temperature superiori ai 16°C mentre in inverno, non sopporta a lungo le temperature inferiori ai dieci gradi. Le primule preferiscono essere posizionate in una zona luminosa ma non all'azione diretta dei raggi solari. La cosa fondamentale è che la zona del giardino in cui le piantine vivono, sia ben areata ma non interessata a correnti d'aria molto forti o fredde. I fiori, una volta sbocciati, rimangono floridi per un paio di giorni soltanto. Appena iniziano a perdere il loro vigore, devono essere asportati adoperando forbici appuntite e disinfettate. Eviterete così che le ferite possano esporre la pianta a eventuali infezioni.

  • Berberidopsis corallina Questo arbusto tipicamente rampicante è una di quelle piante di natura sempreverde che provengono da un paese dell'America Meridionale, ovvero il Cile.Nel momento in cui si sviluppa con tutte le con...
  • La strelitzia reginae La pianta, il cui nome scientifico è strelitzia, può avere, a seconda della specie, la forma di cespuglio, il quale può anche raggiungere al massimo più di un metro di altezza, o di albero. La strelit...
  • Pinus pinaster, particolare di foglie e frutto La pianta sempreverde da esterno è ideale quando non si vuole dedicare molto tempo alle opere di manutenzione, come il distacco manuale delle foglie secche o marcescenti, frequenti quando si possiede ...
  • Phormium pianta L'arbusto sempreverde proviene dallo stato neozelandese e fa parte del fitto raggruppamento tassonomico delle Asphodeloideae. Questa pianta risulta assai apprezzata per il suo fogliame policromatico, ...

100pcs / bag100% Veri Europa Primula acaulis semi, semi di Primrose bonsai fiore raro per la casa giardino piante bonsai da interno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Annaffiature

Primula veris La primula veris necessita di frequenti innaffiature durante il periodo più caldo dell’anno. Il terreno attiguo alle radici deve rimanere sempre umido ma non inzuppato. Inoltre è buona abitudine nebulizzare dell’acqua sulle foglie almeno due o tre volte a settimana, perlomeno a due ore di distanza dal tramonto per evitare che i raggi del sole, passando attraverso le goccioline d’acqua, possano bruciare letteralmente la pianta con risultati tutt’altro che benefici. Quando mettete a dimora le vostre nuove piantine, assicurate alle stesse un buon drenaggio sistemando sul fondo della buca scavata o del vaso, una buona quantità di materiale drenante come ad esempio della ghiaia a grana sottile o l’argilla espansa di ottima qualità reperibile nei negozi specializzati.


Primula veris: Rinvaso e tipologie di terreno

Primula veris fiorita Il rinvaso delle piantine deve essere effettuato perlomeno ogni due anni agli inizi dell’autunno. Scegliete un terriccio ricco di sostanze nutritive, soffice e leggero poi miscelatelo assieme a della sabbia di fiume. Evitate i terricci alcalini perché non sono affatto tollerati dalle primule. Ad ogni successivo rinvaso, adoperate un recipiente più grande del precedente almeno di dieci centimetri di diametro. Prima di sistemare a dimora la pianta, eliminate tutte le foglie essiccate o i fiori oramai privi di vita. Per incentivare una buona ripresa vegetativa, nel mese di ottobre e in quello di novembre, eseguite periodiche innaffiature ma solamente se la stagione non è particolarmente piovosa come in realtà dovrebbe essere.



COMMENTI SULL' ARTICOLO