Coltivare orchidee

Temperatura ed esposizione per coltivare orchidee in casa

Le orchidee amano ambienti molto luminosi, ma non la luce diretta del sole. Per coltivare orchidee in casa il luogo ideale sono i davanzali delle finestre. Se sono piante con foglie coriacee è preferibile metterle in una finestra rivolta a sud, magari attenuando la luce con una tenda nelle ore più luminose. Le orchidee con foglie verde scuro, ma più sottili staranno meglio davanti a una finestra verso nord. Bisogna stare attenti perchè se la luce solare danneggia le foglie, queste sono piû facilmente attaccabile da funghi. Provengono sì da ambienti tropicali, quindi amano alte temperature, ma si adattano bene alle temperature delle nostre case. Naturalmente la temperatura ideale varia da specie a specie, ma in media si può dire che la temperatura notturna in inverno non dovrà scendere al di sotto di 12/14 gradi. Dovrebbe sempre esserci differenza di temperatura tra notte e giorno di almeno 5/6 gradi.
Orchidee su finestre

TERRICCIO PER ORCHIDEE DA 12 LT

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,5€


Innaffiatura per le orchidee in appartamento

Innaffiatura per immersione Le orchidee vivono in paesi tropicali caldi e umidi, avrebbero bisogno di una percentuale di umidità intorno al 60%. Difficile da avere nelle case. Per creare un microclima adatto si consiglia di tenerle vicino ad altre piante il che contribuisce a mantenere la zona più umida. Inoltre si può mettere dell' argilla espansa nel sottovaso tenendoci sempre un po' d'acqua che evaporando creerà umidità. Al mattino è bene vaporizzare le foglie con un nebulizzatore. Le annaffiature devono avvenire per immersione: 20/30 minuti lasciandole poi sgocciolare con cura. Di solito una volta a settimana se si tratta di orchidee epifite, due volte le altre. Naturalmente la frequenza delle innaffiature dipende dalla temperatura, è bene controllare quando il terreno appare asciutto e il vaso leggero. La qualità dell'acqua è importante non deve essere né troppo dura (ricca di calcio) né troppo dolce (povera di calcio). Nel primo caso si può notare un deposito biancastro sulle foglie, nel secondo ci può essere un ingiallimento alla loro estremità. Potendo controllare il Ph dell'acqua è meglio un'acqua leggermente acida, con Ph intorno al 6/6,5.

  • Piante di orchidee phalaenopsis L'orchidea è una pianta diffusa in particolare nelle zone tropicali e subtropicali del continente Americano ed Asiatico. Fa parte della famiglia delle orchidacee che raggruppa un grande numero di spec...
  • Irrigazione dell'Orchidea Phalaenopsis L'Orchidea Phalaenopsis è una pianta di origine indiana e pertanto abituata a climi molto umidi. Dunque è necessario garantire una continua innaffiatura così da mantenere una buona umidità del substra...
  • Fiori orchidea La Cambria è una tipologia di orchiedea sempreverde di non difficile coltivazione negli appartamenti e quindi adatta anche a chi si è appena avvicinato al mondo delle orchidee. E' una pianta prevalent...
  • agrumi2 Gli agrumi sono coltivati sia su larga scala che nei giardini privati. Nel primo caso la coltivazione ha degli scopi puramente produttivi, mentre nel secondo, anche ornamentali, visto che le piante di...

solevivo terriccio per orchidee da 5 lt

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,75€


Rinvaso e terriccio

Rinvaso di orchidea Il rinvaso delle orchidee se necessario, va effettuato dopo la fioritura. Va fatto solo quando il materiale di riempimento chiamato substrato è deteriorato, marcio o infestato da muffe o parassiti; oppure se il vaso è diventato visibilmente troppo piccolo per contenere le radici. È un'operazione da fare con cautela, cercando di non danneggiare le radici. È necessario immergere il vaso in acqua in modo che l'apparato radicale sia bagnato e si possa sfilare con facilità, poi verrà ripulito eliminando le parti morte tagliandole di netto con cesoie. Se possibile in questa occasione si può dividere la pianta. Per rinvasarla si metterà un cm di substrato grossolano in fondo al vaso, si posizionerà la pianta riempiendo con cura tutti gli spazi vuoti tra le radici. Il materiale per il riempimento o substrato può essere composto da miscugli di corteccia di sughero o di abete, carbone di legna, argilla espansa, radici di felce o Osmunda, pietra pomice. Sono tutto elementi che non si inzuppano e che si asciugano facilmente.


Coltivare orchidee: Concimazione delle orchidee

Piante di orchidee da rifiorire Il materiale in cui sono interrate è come abbiamo visto un materiale inerte, privo di sostanze nutritive. Le quali vengono fornite alle orchidee mediante la concimazione che se importante per altre piante, per queste diventa fondamentale. Ci sono due tipi fondamentali di concimi, quelli più usati, che si somministrano diluendoli in acqua e quelli fogliari che si nebulizzano sulle foglie. Contengono varie sostanze, ma le essenziali sono tre: azoto, fosforo, potassio. Le quantità di questi tre elementi variano a seconda del periodo in cui si trova la pianta. Durante la fioritura si deve dare più fosforo. Durante il periodo di riposo la pianta necessita di più azoto. Nei periodi intermedi i tre elementi vanno equamente miscelati. La concimazione deve essere più frequente in estate, almeno ogni 15 giorni, e meno in inverno. Ogni due mesi va somministrato anche nitrato di calcio. In commercio si trovano concimi giá miscelati, da scegliere per ogni periodo.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO