biancospino

Caratteristiche

Il biancospino è una pianta che fa parte del genere Crataegus, insieme alle specie Crataegus oxyacantha e Crataegus monogyna, che appartengono entrambe alla famiglia delle Rosacee.

Si tratta di pianta davvero molto particolari, che sono state sempre menzionate da parte di poeti e romanzieri, non solamente per la loro bellezza, ma anche per via delle diverse qualità su cui possono contare, tra cui quelle come piante medicinali e anche come piante ornamentali.

Il biancospino è una pianta che cresce in modo spontaneo all’interno delle zone di montagna, tranne che nei luoghi litoranei.

Si tratta di una tradizionale pianta di montagna, particolarmente longeva, dato che può arrivare anche fino a cinquecento anni di età.

Il biancospino è una pianta perenne arbustiva, in grado di raggiungere fino a cinque metri di altezza.

Le foglie si caratterizzano per essere lobate, mentre i fiori hanno dimensioni piuttosto ridotte, riuniti in corimbi e da cui si può sentire un intenso e gradevole profumo; i frutti, infine, si caratterizzano per essere delle drupe di colore rosso, con una polpa estremamente farinosa.

biancospino

Vivai Le Georgiche Crataegus Monogyna (Biancospino)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18€


Coltivazione

biancospino 2 Stiamo parlando di una pianta che predilige tutti quei terreni particolarmente feritili, in cui riesce ad affondare con profonde radici, ma c’è la possibilità di trovare anche la pianta di biancospino sui terreni pietrosi ed argillosi.

Per quanto riguarda le piante di biancospino coltivate invaso, è importante che siano oggetti di frequenti innaffiature, maggiori in confronto a quanto avvien per gli arbusti che si trovano in piena terra.

Il biancospino non è sempre verde e nel corso della stagione primaverile assume una caratteristica colorazione bianca ed ha lo sviluppo di un albero.

E’ importante collocare la pianta di biancospino in un luogo soleggiato, mentre in inverno è sempre meglio provvedere a ricoprire la parte di terreno che si trova nei pressi delle radici con delle foglie secche o dell’altro materiale pacciamante.

Questa pianta si può tranquillamente coltivare in giardino per tutto l’anno, dato che non teme il freddo e sopporta anche temperature particolarmente basse.


  • biancospino Si tratta di una pianta che si sviluppa in modo particolarmente diffuso all'interno del vecchio continente, sopratutto nelle zone boschive.Questo arbusto fa parte della grande famiglia delle Rosacee...
  • acerola L’acerola è una pianta estremamente diffusa nel continente americano, in particolare in Sudamerica.Si tratta di un arbusto che può arrivare ad un’altezza pari a quattro metri e le principali coltiv...
  • alchemilla L’alchemilla, che viene spesso chiamata con il nome scientifico di “Alchemilla vulgaris”, è una pianta perenne erbacea, che fa parte delle grande famiglia delle Rosacee e si diffonde soprattutto nella...
  • altea L’altea è una pianta erbacea di ottimo valoro ornamentale che fa parte della famiglia delle Malvacee e che può vantare un buon numero di virtù benefiche ed, in più, è molto semplice da coltivare.L’a...

Crataegus monogyna, Biancospino comune, 4 anni

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,95€


Principi attivi

All’interno della pianta di biancospino possiamo trovare diversi componenti importanti, come ad esempio i flavonoidi, bioflavonoidi e flavoglicosidi, che permettono di svolgere un’ottima azione simile alla digitossina, ovvero il principio attivo che si estrae dalle foglie della digitale purpurea.

Inoltre, nel biancospino gli altri principi attivi sono rappresentati da rutina, quercitina, iperoside, complesso triterpenico, che sono in grado di svolgere una funzione regolarizzante e normalizzante del tasso ematico, con degli effetti dilatatori e prolungati dei vasi coronarici e cerebrali.

Infine, possiamo sottolineare la presenza dell’acido ascorbico, degli olii essenziali, della colina e dei tannini.


Proprietà

Gli effetti del biancospino si caratterizzano per influire in modo diverso sull’organismo, ma prima di tutto è necessario evidenziare come il biancospino sia la pianta del cuore per eccellenza.

Il biancospino, infatti, è in grado di regolare la frequenza cardiaca, migliorare la circolazione coronarica e la nutrizione del muscolo cadiaco.

Si tratta, infatti, di un ipotensore , un antispasmodico, che permette di svolgere un’azione calmante sulle palpitazione e di ridurre lo stress e l’insonnia grazie ai flavonoidi.

Gli studi che sono stati effettuati fino a questo momento hanno dimostrato come questo vegetale permette di svolgere effetti benefici a livello del sistema cardocircolatorio, soprattutto per via della presenza di procianidine oligomeere e flavonoidi, come ad esempio la vitexina.

Al momento, tantissimi studi hanno dimostrato come il biancospino è davvero una vera e propria pianta medicinale per il distretto cardiaco e per le patologie circolatorie, con diverse possibilità di azione.

L’influsso sul sistema nervoso, invece, deriva dall’opera normalizzante del ritmo del cuore, visto che la pianta permetterebbe di favorire il superamento dei segnali cardiovascolari dell’ansia; inoltre, si può riscontrare anche una buona azione ipolipemizzante e contro l’arteriosclerosi.


Prodotti

Del biancospino vengono utilizzati soprattutto i fiori e le foglie. Per quanto riguarda i prodotti preconfezionati è importante sottolineare come vengano utilizzati soprattutto i frutti immaturi.

Tra i vari prodotti erboristici, troviamo anche thè, decotti ed infusi; inoltre, possiamo trovare un gran numero di monopreparati a base di biancospino, soprattutto in forma di gocce, ma è abbastanza frequente trovare anche confezioni da compresse o succhi, che contengono l’estratto di biancospino.


biancospino: Controindicazioni

E’ sempre meglio evitare l’utilizzo di prodotti a base di biancospino nei casi di gravidanza, allattamento e aritmie; inoltre è importante non somministrare il biancospino ai bambini e potrebbe avere l’effetto secondario di potenziare l’effetto della pianta digitale.

Si tratta di una pianta sicura, almeno per quanto riguarda l’assunzione nelle dosi indicate, mentre chi è affetto da delle patologie piuttosto importanti, è sempre meglio che chieda consiglio al proprio medico curante.



COMMENTI SULL' ARTICOLO