finocchio

Cos’è

Il finocchio è una pianta erbacea annuale o perenne appartenente alla famiglia delle Ombrellifere. Le due principali varietà sono il finocchio selvatico e il finocchio dolce. Il primo viene usato come aromatizzante in cucina e in fitoterapia, mentre il secondo in cucina. Il nome botanico completo è Foeniculum vulgare Mill. Il finocchio selvatico è una pianta spontanea che raggiunge anche l’altezza di due metri. Il finocchio dolce, coltivato anche negli orti ( risale già al 1500) raggiunge un’altezza massima di 80 centimetri. Si tratta di una pianta mediterranea diffusa ormai in tutto il mondo anche se la si ritiene originaria dell’Asia Minore. I maggiori produttori di finocchio sono attualmente India, Cina, Pakistan, Egitto Argentina e Indonesia. Il finocchio si presenta con foglie di forma simile al fieno, ma di colore verde, fiori di colore giallo e frutti, chiamati, in modo improprio, semi, che da verdi diventano grigi. Del finocchio selvatico si usano quasi tutte le parti della pianta, mentre del finocchio dolce solo la grossa guaina bianca che cresce alla base della pianta. Il finocchio ha una coltivazione biennale. Si adatta a terreni con poca acqua ma estremamente ricchi di fosforo. Il finocchio fiorisce tra agosto e settembre e proprio in questo periodo va iniziata la raccolta del fiore di finocchio selvatico. La raccolta delle foglie, invece, va fatta a inizio estate, mentre i frutti si raccolgono a partire da settembre del secondo anno.

finocchio1

Finocchio Semi Tisana Biologico 200g

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


Proprietà

finocchio2 Il finocchio è una pianta molto aromatica, sia quello selvatico che quello dolce, anche se quest’ultimo in maniera minore. Tra le principali proprietà del finocchio troviamo quelle di regolazione ormonale, grazie alla presenza di fitoestrogeni, e di riduzione dei fastidi del tratto intestinale, come fermentazione, gonfiore e meteorismo. I principi attivi del finocchio svolgono anche un’efficace azione antispastica e si rivelano utili per ridurre gli spasmi dolorosi della sindrome da colon irritabile e per aiutare il transito intestinale in caso di stipsi. Altri benefici del finocchio riguardano il miglioramento della funzionalità epatica e il miglioramento di tosse e infiammazione delle prime vie aeree. I frutti del finocchio contengono olio essenziale, sia dolce che amaro. Il primo si chiama anetolo, il secondo il fenicone. Sono proprio queste sostanze che si rivelano efficaci contro i problemi di motilità intestinale, la colite, il meteorismo e la flatulenza. Gli oli essenziali sembrano anche avere l’effetto di incrementare la secrezione di saliva. Per la presenza di fitoestrogeni o flavonoidi il finocchio ha anche proprietà galattologhe cioè si aumento della secrezione lattea. Si discute ancora se questa pianta abbia anche la proprietà di prevenire i tumori. Una notizia circolata nel febbraio 2011, infatti, avvertiva che i rimedi naturali a base di finocchio potevano essere pericolosi perché contenenti una sostanza cancerogena: l’estragolo. L’allarmismo però è rientrato perché si è fatto poi notare che lo stesso finocchio contiene preziose sostanze anticancro come gli isoflavoni in misura 100 volte superiore all’estragolo. Non solo, il finocchio contiene anche sostanze antiossidanti, come l’anetone. Viene spesso usato per aumentare il latte nelle neomamme e per sedare le coliche dei neonati.

  • Finocchio Il finocchio, appartenente alla famiglia delle Ombrellifere, è un ortaggio molto diffuso, utilizzato per una varietà di piatti e usato in particolare per la sua parte inferiore, composta dalle guaine ...
  • tisana finocchietto Per realizzare una tisana a base di finocchio, si possono utilizzare principalmente i frutti di tale piante, che spesso nel linguaggio comune vengono chiamate (anche se è un nome improprio) semi: al l...
  • semi di finocchio Realizzare un infuso a base di finocchio è davvero estremamente semplice:infatti, dobbiamo munirci di ingredienti come mezzo litro di acqua minerale non gassata, semi di finocchio e un pizzico di miel...
  • Grumolo di finocchio con sezione Il finocchio (Foeniculum vulgare), pianta erbacea mediterranea della famiglia botanica delle Apiaceae, è un ortaggio molto apprezzato in ogni mese dell'anno. È caratterizzato da una specie di bulbo ca...

Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà, Collezione 1, Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9€


Come si usa

Il finocchio è molto usato sia in cucina che in fitoterapia. Del finocchio dolce, in cucina, si usa il gumolo bianco, dolce, aromatico e carnoso, chiamato impropriamente bulbo. Lo si può consumare crudo in insalata o lessato, oppure grattugiato assieme da altre insalate. Anche il finocchio selvatico trova un grande impiego in cucina. Chiamato anche finocchietto ci permette di usare i fiori essiccati o freschi, i frutti o semi e le foglie. Ognuna di queste parti viene specificatamente usata nella cucina regionale. Nelle Marche le foglie di finocchietto si usano per condire le lumache di mare. Sminuzzate si possono usare per condire minestre e piatti a base di pesce. Le foglie fresche di finocchio selvatico sono anche uno degli ingredienti principali della pasta con le sarde, tipico piatto siciliano. Fiori e semi si usano come spezie o aromatizzanti per diverse pietanze. Come rimedio fitoterapico si usa la tisana al finocchio, sia come digestivo che come sgonfiante dello stomaco e nei problemi intestinali dei bambini. La tisana si prepara lasciando in infusione per 10 minuti in 200 ml di acqua bollente, un cucchiaio raso di semi di finocchio. Oltre alla tisana si può anche preparare un decotto, con due cucchiaini di semi macinati da far bollire in 100 ml di acqua. Il decotto si usa anche nelle applicazioni esterne in caso di congiuntivite. Dopo averlo fatto raffreddare si possono fare pure dei lavaggi sugli occhi o delle applicazioni con cotone impregnato da poggiare sulla parte infiammata. Gli estratti di semi di finocchio vengono anche commercializzati sotto forma di estratto idroalcolico, cioè gocce o estratto secco. La dose consigliata per la soluzione idroalcolica è di 20 gocce, 2, 3 volte al giorno, dopo i pasti, mentre per l’estratto secco è di 10, 12 mg per ogni chilo di peso corporeo, suddivisi in due somministrazioni da assumere prima dei pasti principali.


finocchio: Costi dei prodotti

I rimedi erboristici a base di semi di finocchio si trovano facilmente nelle erboristerie, farmacie e parafarmacie. I semi di finocchio per condire e aromatizzare delle pietanze si trovano altrettanto facilmente nelle drogherie. Le gocce costano circa 9 euro; la tisana di finocchio in confezione da 20 buste costa poco più di 5 euro.



COMMENTI SULL' ARTICOLO