fragaria

Cos’è

Il termine fragaria si riferisce a un genere di piante perenni appartenenti alla famiglia delle Rosaceae e comprendenti diverse varietà. Il genere fragaria, inoltre, è la pianta da cui si sviluppa la fragola, definita però un falso frutto di tale pianta, poiché il frutto vero è costituito da singoli semini che contornano la fragola stessa. La fragaria è un genere di piante diffuse in tutto il mondo, originario dell’Europa settentrionale, Asia e America del Nord. Il genere fragaria annovera circa 20 specie, tra cui si distinguono, in base alla robustezza della pianta e dei suoi frutti le seguenti varietà: Fragaria daltoniana, diffusa in Cina; Fragaria inumanea, diffusa in Giappone e Russia; Fragaria nigelrrensis, presente nel Sud Est dell’Asia; Fragaria nipponica, presente, come indica il nome, in Giappone; Fragaria nubicola, che cresce in Himalaya; Fragaria vesca o Fragola di bosco, presente nell’emisfero Nord del pianeta; Fragaria viridis, tipica delle zone europee e dell’Asia Centrale e Fragaria yezoensis del Nord Est dell’Asia. Queste varietà sono dette diploidi, formate, cioè, da due cromosomi. Il numero di cromosomi della fragaria ne determina anche la grossezza e robustezza di piante e frutti. Tra le varietà triploidi, ovvero con tre cromosomi, troviamo la Fragaria moupinensis, originaria della Cina e la Fragaria orientalis, che come dice il nome è diffusa in tutte le aree orientali. Tra le varietà a sei cromosomi si distingue la Fragaria moschata, diffusa in tutta Europa. Più numerose le varietà con otto cromosomi e ibride cioè ottenute con delle particolari tecniche di incrocio colturale. Si tratta della Fragaria ananassa, della Fragaria chiloensis, diffusa in America Occidentale e presente anche in varie parti del mondo ( Argentina, Cile, Colombia, Hawai, California, Alaska) con diverse sottospecie, della Fragaria iturupensis e di quella virginiana, diffusa in Nord America. Tra le varietà ibride a 10 cromosomi troviamo la Fragaria x potentilla e la Fragaria x vescana.
fragaria1

fresón – Fragaria x ananassa – Pack di 6 pezzi – Ft – xxxx

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,4€


Proprietà

fragaria2 La lunga classificazione di specie e varietà indicate al paragrafo precedente non si basa solo sulle dimensioni e sulla robustezza della pianta e dei suoi frutti, ma anche sulle singole proprietà della fragaria stessa. Alcune delle varietà indicate trovano impiego anche in erboristeria e fitoterapia per la specifica azione dei principi attivi contenuti. Ma non solo, anche la medicina omeopatica sfrutta a pieno i principi attivi di alcune varietà di fragaria per produrre rimedi da usare in caso di specifiche patologie. Le varietà di fragaria molto usate in omeopatia sono: la fragaria vesca o fragola di bosco, la fragaria x ananassa, fragaria vitis e fragaria indica. Nella maggior parte dei casi si tratta di varietà ibride cioè appositamente coltivate e ottenute da incroci tra la fragaria vesca e altre varietà. Gli ibridi di fragaria cominciarono a essere coltivati a partite dal Settecento. La fragaria vesca ha proprietà depurative, antinfiammatorie, diuretiche, astrigenti e ipotensive. La fragaria vitis è un rimedio omeopatico ottenuto da una miscela di foglie di fragola comune e di foglie di vite. Si usa nelle patologie epatiche e ansiose. La fragaria x ananassa è una varietà molto simile alla fragola di bosco, con le stesse proprietà. Il suo nome botanico la rende poco conosciuta, ma in realtà si tratta della fragola comune che tutti consumiamo come frutto o desser, la cui unica differenza con la fragaria vesca sta nella grossezza del frutto, più grosso nella fragaria x ananassa, più piccolo nella fragaria vesca, tanto che quest’ultima viene chiamata anche fragolina di bosco. La fragaria indica, detta anche Duchesnea indica, è una varietà di pianta con fragole di forma sferica, prevalentemente coltivata a scopo ornamentale.

  • fragola2 La fragola è il frutto di forma triangolare, di colore rosso, costellato di piccoli puntini verdi che tutti ben conosciamo. Matura da una pianta erbacea perenne detta Fragaria e appartenente alla fami...
  • uva americana L'uva americana è una delle uve più famose in tutte il mondo e si caratterizza per essere chiamata anche con il nome di “uva fragola”. Proprio l'uva americana è una delle viti che hanno una storia le ...
  • uva fragola L'uva fragola si caratterizza per essere una delle varietà più diffuse della pianta di vite. Tra le sue principali caratteristiche troviamo sicuramente il fatto di provenire dal Nord America e, inoltr...
  • antracnosi1 Le piante possono essere colpite da numerose avversità e malattie. Particolari condizioni climatiche possono favorire la comparsa di patologie fungine molto pericolose e in grado di condurre le piante...

Fragola Nera- 20 semi-inferiore in zucchero e acido! Dolce e gustoso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,2€


Come si usa

Le varietà di fragaria usate come rimedio erboristico e omeopatico si possono assumere in forma di decotto o tisane, per quanto riguarda la fragola di bosco o fragaria vesca o compresse per quanto riguarda la fragaria vitis. Quest’ultima che è composta da una miscela di foglie di fragaria x ananassa o fragola comune e foglie di vite, si usa sia in medicina veterinaria che nell’omeopatia umana. Il rimedio fragaria vitis è commercializzato sotto forma di compresse da 200 mg e viene assunto in caso di disfunzioni leggere del fegato accompagnate da sintomi quali affaticamento immotivato, inappetenza, malumore, costipazione, flatulenza e disturbi del sonno. La dose consigliata è di una, due compresse per tre volte al giorno, prima dei pasti. La terapia deve durare qualche settimana, ma è sempre meglio attenersi scrupolosamente alle prescrizioni mediche. L’uso di fragaria vitis è sconsigliato ai bambini di età inferiore ai 12 anni e anche se non vi sono studi in merito, alle donne in gravidanza e allattamento, a chi assume altri farmaci e a chi soffre di allergie o intolleranze.


fragaria: Costi dei prodotti

Le compresse a base di fragaria vitis si comprano nelle farmacie, erboristerie e siti di e-commerce. Vengono venduti in confezioni da 250 compresse da 200 mg. Il costo di ogni confezione è compreso tra 21 e 23 euro.



COMMENTI SULL' ARTICOLO