ginseng

vedi anche: ginseng

Cos’è

Il ginseng è una pianta erbacea perenne con la radice carnosa, originaria della Cina e appartenente alla famiglia delle Araliaceae. E’ diffusa anche in Corea e nella Manciuria, dove cresce nelle foreste boscose. Comprende circa 50 specie diverse diffuse pure in Russia e America del Nord. Il nome botanico latino del ginseng, è Panax o Panax ginseng, che deriva da “pan” che significa “tutto” e “ax” che significa “cura”, ovvero pianta che cura tutto, da cui deriva anche il termine panacea di tutti i mali. Il nome ginseng deriva, invece, dal cinese renshen che significa “pianta dell’Uomo”. Il ginseng si presenta con un fusto piuttosto basso, radici grosse e carnose e bacche di colore rosso. E’ una pianta che cresce molto lentamente e che va trapiantata ogni tre anni. La crescita completa avviene dopo sette anni. Dopo la raccolta, la radice subisce diversi trattamenti che ne permettono la conservazione. Può anche essere essiccata. Il ginseng è una pianta universalmente conosciuta per le sue infinite virtù officinali, contenute proprio nella radice. Viene definita una pianta miracolosa, che vanta usi millenari. Persino i cacciatori di pelli si inoltravano nelle foreste asiatiche per tentare di raccoglierla, anche a costo di rischiare la vita. Per chi intende consumare la radice di ginseng si consiglia di tagliarla a fettine. Questa si presenta simile alla radice del prezzemolo, ma molto più grossa e carnosa. Un’altra varietà di ginseng, invece, ha radici più piccole e molto ramificate, si tratta del ginseng siberiano, conosciuto come eleuterococco (Eleuterococcus senticosus). Altre varietà sono Panax schinseng o ginseng cinese, Panax pseudo-ginseng che si trova in Nepal e nell'Imalaia orientale, Panac notoginseng coltivato sempre in Cina, Panax japonicus, vietnamensis e, infine il ginseng delle Ande. La specie più utilizzata in fitoterapia è il Panax ginseng.
ginseng1

BONSAI GINSENG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15€


Proprietà

ginseng2 Alla radice di ginseng vengono attribuite virtù miracolose, non ancora tutte definitivamente provate, e in corso di studio, ma comunque riconosciute e testimoniate da ricerche e studi su animali. Se poi la consapevolezza delle virtù miracolose del ginseng possa favorire un effetto placebo durante l’assunzione di questa pianta, non è un fatto ancora completamente accertato e dunque possiamo solo basarci sulle conoscenze attuali. Il ginseng viene considerato la pianta antifatica e antistress per eccellenza, una specie vegetale in grado di stimolare il sistema nervoso, immunitario e ormonale per riportarlo in uno stato di benessere e di equilibrio esteriore e interiore. Le sue proprietà si devono alla presenza di saponine triterpeniche, i ginsenosidi che sono considerati il principale principio attivo della radice della pianta. Altre sostanze attive ed altrettanto utili contenute nel ginseng, sono vitamine, aminoacidi, acido folico, fitoestrogeni, oli essenziali e minerali, tra cui il manganese considerato un potentissimo antiastenico. Il ginseng è considerato un rimedio adattonico, cioè una sostanza in grado di potenziare la capacità di adattamento agli stimoli negativi esterni che possono produrre stress. Studi su animali hanno evidenziato che i suoi principi attivi agiscono sull’asse ipotalamo, ipofisi, surrene, stimolando il sistema endocrino ad aumentare la secrezione di cortisolo o ormone dello stress che permette di aumentare la resistenza alla fatica e allo stress appunto. I principi attivi del ginseng si rivelano utili anche per il potenziamento del sistema immunitario in caso di debilitazioni dovute a malattie. Sembrano anche avere effetti afrodisiaci e di stimolo all’erezione. Migliorano l’attività di circolazione del sangue al cervello che riceve più ossigeno con benefici per la capacità di concentrazione e la memoria. Il ginseng avrebbe anche effetti ipoglicemizzanti e di abbassamento del colesterolo.

  • ginseng Il ginseng (che in lingua greca viene chiamato anche con il termine di Panax, ovvero panacea che è in grado di curare ogni sorta di male) rappresenta una pianta medicinale che è notevolmente utilizzat...
  • caffè ginseng Il caffè al ginseng si può trovare ormai piuttosto frequentemente all'interno di tutti i bar: infatti, viene servito alla stregua di una bevanda solubile, resa disponibile ai clienti sia sotto forma d...
  • ginseng proprietà Gli effetti positivi dell'assunzione di ginseng fanno essenzialmente riferimento alla presenza di numerosi elementi che si trovano, nello specifico, nelle radici di questa pianta orientale.Tralascia...
  • effetti ginseng Prima di tutto, è fondamentale capire cosa ci troviamo di fronte quando si parla di ginseng.Il Ginseng è una di quelle piante medicinali particolarmente diffuse in tutto il mondo per via delle sue i...

Ginseng bio - Estratto biologico idroalcolico (50 ml)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


Usi

Il ginseng viene commercializzato attraverso degli integratori alimentari che ne contengono i principi attivi. Nei vari canali di vendita si trovano flaconi da bere, capsule, compresse, polveri, radice secca, concentrato fluido ed estratto puro. La radice secca si può semplicemente masticare o usare per preparare degli infusi. La dose consigliata è da 0,5 a due grammi al giorno. L’estratto di radice contenuto nelle varie preparazioni commerciali prevede una dose ideale di 200 mg al giorno. La posologia delle capsule o compresse che contengono il concentrato di radice, è di una o due al giorno, lontano dai pasti principali, preferibilmente la mattina e il pomeriggio. La dose ideale dell’estratto liquido di ginseng è di un flaconcino al giorno, puro o diluito con acqua. La dose ideale dell’estratto in gocce non alcoliche è di 10, 15 gocce in poca acqua per due, tre volte al giorno. Il ginseng, per il suo notevole effetto energizzante può dare effetti collaterali come insonnia e iperattività, per questo non va assunto con altri farmaci stimolanti o con costanze come teina e caffeina. Se ne sconsiglia l’uso anche in gravidanza, allattamento e nei bambini.


ginseng: Costi dei prodotti

I costi dei prodotti a base di ginseng dipendono non solo dal canale di acquisto, ma anche dal produttore. Tra una marca e l’altra,infatti, possono registrarsi notevoli differenze di prezzo. Una confezione di 50 capsule di ginseng costa circa 23 euro, una da 45, invece, può costare 14 euro. Più accessibile il costo della radice in polvere che si usa per fare le tisane. Un sacchetto da 100 grammi di radice in polvere costa circa 10 euro. Un flaconcino da 10 ml di estratto di ginseng costa circa 19 euro. L’estratto di ginseng in gocce non alcoliche, in flaconi da 30 ml, costa quasi 24 euro.



COMMENTI SULL' ARTICOLO