Bignonia

Irrorazione e annaffiamento

La graziosa pianta ornativa proviene prettamente dal continente americano e viene annoverata nel peculiare e mediamente vasto raggruppamento familiare delle Bignioniaceae. Questo sempreverde viene normalmente scelto per abbellire e colorare ogni tipo di aiuola e giardino, in virtù della sua superba infiorescenza, con tinte che vanno dal rosaceo all'arancio sino al rosseggiante. Le bagnature e gli irroramenti della Bignonia saranno massimizzati durante il periodo primaverile e soprattutto estivo, con frequenze perlomeno settimanali, e drasticamente ridotti o addirittura sospesi nella stagione fredda. Occorrerà annaffiare la pianta solamente quando la terra di coltura si mostri pienamente asciugata, onde evitare la possibile formazione di pozze e stagnazioni assai lesive per la salute ed il benessere delle radici.
Bignonia pianta

Bignonia - Campsis Mme Galen (trumpet vine) - Vaso 1,5 litro (Pianta rampicante - Pianta adulta - Resistenza al freddo: Ottima) - Muri e recinzioni, Pergola, Balconi e terrazze | ClematisOnline - clematidi e rampicanti più economiche

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19€


Cura e coltura

Coltivazione vaso bignonia La vivida Bignonia verrà di norma posizionata all'aria aperta ovvero in un contenitore di discreta ampiezza, ad ornamento di qualsiasi tipo di angolo e spazio. Pur essendo adattabile e non particolarmente esigente, prediligerà una terra soffice, non coesa e pregna di sostanze organiche, a cui si mescoleranno materiali sabbiosi in grado di favorire il regolare ed efficiente drenaggio. Con cadenza mediamente annuale saranno consigliabili operazioni di potatura, con scorcio delle ramificazioni al fine di modellare il complessivo portamento ed eliminazione delle parti ormai logorate e avvizzite del sempreverde. Ove posto in contenitore, si renderanno, inoltre, necessarie periodiche opere di rinvaso, ma solo qualora le radici abbiano colmato tutto lo spazio a disposizione e mettano a repentaglio la normale alimentazione della pianta.

  • Berberidopsis corallina Questo arbusto tipicamente rampicante è una di quelle piante di natura sempreverde che provengono da un paese dell'America Meridionale, ovvero il Cile.Nel momento in cui si sviluppa con tutte le con...
  • Primula veris fiorita La primula veris fa parte della famiglia delle primulaceae ed è una specie che cresce bene solamente all’aperto. Si tratta di una pianta erbacea di tipo rizomatoso e sempreverde. Cresce spontaneamente...
  • La strelitzia reginae La pianta, il cui nome scientifico è strelitzia, può avere, a seconda della specie, la forma di cespuglio, il quale può anche raggiungere al massimo più di un metro di altezza, o di albero. La strelit...
  • Pinus pinaster, particolare di foglie e frutto La pianta sempreverde da esterno è ideale quando non si vuole dedicare molto tempo alle opere di manutenzione, come il distacco manuale delle foglie secche o marcescenti, frequenti quando si possiede ...

BIGNONIA CAMPSIS MADAME GALEN PIANTA DA FIORE GIARDINO 1 PIANTA VASO 12CM

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,9€


Fertilizzazione e concimazione

Pianta <em>bignonia</em> fiorita Qualunque sia la sistemazione prescelta, la pianta da ornamento dovrà essere congruamente concimata, ai fini dell'assunzione dei dovuti e bilanciati nutrienti. La fertilizzazione avverrà prevalentemente durante la stagione primaverile ed estiva, a frequenze sostanzialmente dipendenti dalla scelta del concime, laddove sarà moderata o interrotta nella restante parte dell'anno. Si potranno impiegare ogni trimestre fertilizzanti a natura solida, organici a cessione prolungata e graduale, oppure a cadenze maggiormente ravvicinate quelli di natura liquida, dopo averli sciolti nell'acqua di irrorazione. Il fertilizzante prescelto sarà specifico per la Bignonia ed includere una significativa prevalenza delle componenti potassiche rispetto alle altre macrocomponenti azotate e fosforate, nonché il corredo di specifici microelementi, tra cui si evidenzia il magnesio.


Bignonia: Esposizione e malattie

Esposizione pianta sempreverde Il variopinto sempreverde adorerà un habitat molto illuminato ed assolato, con esposizione diretta agli irraggiamenti solari, tuttavia si potrà adeguare facilmente anche ad ambienti parzialmente ombrosi, pur se ne risentiranno ovviamente le tinte delle infiorescenze. Non patirà particolarmente condizioni climatiche avverse, nondimeno converrà proteggerlo sia dalle brusche correnti d'aria che in caso di temperature molto al di sotto degli 0°C. La Bignonia, infine, potrà essere oggetto di insidie di muffe e marciumi, addebitabili a stagnazioni idriche nella terra di coltura, e altresì attaccato da diversi insetti e parassiti, come ad esempio gli afidi e la cocciniglia. In tale ultima circostanza, bisognerà intervenire con prontezza ed eliminare gli insetti con detergenti e prodotti biologici, oppure con specifico insetticida.



COMMENTI SULL' ARTICOLO