Mukuna pruriens

Cos’è

Mukuna o mucuna pruriens è il nome botanico di una pianta leguminosa originaria di India, Caraibi e Africa. Viene anche chiamata velluto di fagioli o cowith. Si presenta come un arbusto annuale rampicante, con viti lunghe che possono raggiungere anche i 15 metri di lunghezza. La caratteristica botanica della pianta è che quando è giovane, le sue foglie e i baccelli si riempiono di una peluria che a contatto con la pelle umana scatena un forte prurito. Da questa peculiarità deriva proprio il suo nome “pruriens”. Quando si toccano casualmente le foglie o i baccelli giovani della mucuna priuriens bisogna fare molta attenzione a non toccarsi in altre parti del corpo, perché il prurito potrebbe estendersi anche alle zone venute a contatto con quelle già colpite dall’effetto urticante della pianta. Quando invecchia, la pianta perde completamente la sua peluria. . Le foglie della mucuna pruriens sono tripinnate, appuntite nella parte superiore e di forma romboidale o leggermente ovata; i lati dell’apparato fogliare sono scanalati. I fiori sono composti di capolini raccolti a forma di pannocchie, con due, tre o più fiori di colore bianco violaceo, di lunghezza compresa tra 15 e 30 centimetri. Il frutto è un baccello che contiene fino a sette semi, di colore nero e marrone. La mucuna pruriens è molto conosciuta dalla medicina ayurvedica ( indiana) per le sue proprietà officinali. A questo scopo si usano i semi che vanno raccolti nel periodo di maturazione.
mucuna1

fresón - Fragaria x ananassa - Vaso di 13 cm - 10 cm di altezza

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,5€


Proprietà

mucuna2 La mucuna pruriens contiene principalmente un aminoacido L-dopa o levodopa, un precursore della dopamina, il neurotrasmettitore che ha effetti psicogeni a livello cerebrale, regalando e potenziando le sensazioni di benessere e di piacere. I semi maturi della mucuna pruriens contengono dal 3 al 6% di levodopa, mentre le foglie solo lo 0,5% che rappresenta una quantità trascurabile a livello officinale. L’importanza erboristica della mucuna pruriens e dei suoi semi è dovuta proprio alla presenza di levodopa che ne ha permesso l’impiego come stimolante del desiderio sessuale, quindi per usi afrodisiaci, dove la stimolazione del piacere e del desiderio è strettamente correlata all’azione della dopamina e per il trattamento del morbo di Parkinson, patologia scatenata da una carenza di dopamina nel cervello. L’impiego della mucuna pruriens in medicina ayurvedica è molto antico e risale a circa 4500 anni fa. A quel tempo la pianta si usava come foraggio per gli animali, per curare il morso di serpente, per stimolare il desiderio sessuale e la fertilità. Gli impieghi attuali riguardano prevalentemente gli effetti afrodisiaci e il trattamento della malattia di Parkinson anche se bisogna sottolineare che in Italia è difficile trovare integratori a base di estratti di questa pianta, perché sono vietati. Altri principi attivi della mucuna pruriens sono: glutatione, nicotina, caffeina, mucunina, mucunadina, prurienina, prurienidina. La mucunina e la mucinadina sono gli alcaloidi responsabili della reazione urticante della pianta. Le popolazioni dove la mucura pruriens si sviluppa, usano mangiare i semi bolliti che vanno lavati diverse volte prima di cuocerli, così come diverse volte va cambiata l’acqua di cottura in modo d eliminare la tossicità degli stessi semi. Oltre alle proprietà afrodisiache, l’interazione dei principi attivi della mucuna pruriens con il sistema ormonale e nervoso dell’uomo, produce altri effetti benefici, come in caso di depressione nervosa, anche se il principale effetto riguarda quello tonico dell’apparato sessuale. Estratti di mucuna pruriens sono anche impiegati per il trattamento dell’impotenza maschile.


  • malva La malva, il cui nome scientifico è Malva sylvestris, è una pianta erbacea cespugliosa appartenente alla famiglia delle Malvacee. E’ coltivata come pianta ornamentale e per le sue straordinarie propri...
  • serenoarepens1 La Serenoa repens, conosciuta comunemente come Palmetto della Florida, è una palma nana che cresce prevalentemente nel Sud Est degli Stati Uniti. Appartiene alla famiglia delle Palmaceae e raggiunge a...
  • sorbo1 Il sorbo, detto anche sorbo domestico o Sorbus domestica è un albero da frutto che cresce in Asia Minore, Spagna ed Europa Meridionale. Appartiene alla famiglia delle Rosacee ed in Italia cresce su t...
  • timo1 Il timo è un piccolo arbusto aromatico che cresce praticamente in tutto il mondo. In Italia lo si può trovare ovunque, sia coltivato che come pianta spontanea. Dalla pianura e fino ad altitudini di 80...

Ultranatura Serie Canberra - Tavolino, Legno di Eucalipto Pregiato E di Alta Qualità Certificato Fsc - 50 X 50 X 51 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 33,89€
(Risparmi 35,1€)


Usi

I principali usi della mucuna pruriens sono officinali e alimentari. Sia dei primi che dei secondi abbiamo già parlato al precedente paragrafo. Per quanto riguarda gli impieghi alimentari c’è da aggiungere che i semi di mucuna pruriens sono stati usati come sostituti del caffè per via della presenza di caffeina. Per impieghi terapeutici gli estratti di questa pianta si assumono attraverso precise forme commerciali, le più comuni e diffuse sono l’estratto secco in soluzione idroalcolica e l’estratto in capsule. Non è facile trovare in Italia rimedi erboristici di questo tipo, mentre la vendita degli stessi spopola nei siti di e-commerce, specie stranieri. Le capsule sono a base di estratto di radice bianca di mucuna pruriens e la dose consigliata è di una capsula da 200 mg, al giorno, da assumere con mezzo bicchiere d’acqua durante i pasti. In commercio ( online) si trovano anche capsule a base di estratto standardizzato da 400 mg. La dose consigliata è da due a cinque capsule al giorno a stomaco vuoto, ma come sempre, prima di assumere qualsiasi farmaco ( erboristico o tradizionale) è necessaria la prescrizione medica. L’assunzione eccessiva di estratti di mucuna pruriens può provocare effetti collaterali a livello neurologico ed è sconsigliata in caso di contestuale assunzione di farmaci, diabete, ipertensione, gravidanza e allattamento.


Mukuna pruriens: Costi dei prodotti

Una confezione di 125 capsule a base di mucuna pruriens, da 400 mg, costa 19 euro. Una confezione di 120 capsule da 200 mg, costa 26 euro. La variabilità del prezzo è legata al produttore, al marchio e alla parte della pianta utilizzata per estrarre i principi attivi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO