Regina delle Alpi

Caratteristiche

La regina delle Alpi, come suggerisce il nome stesso, è una pianta che cresce prevalentemente in climi e terreni montuosi. Si tratta di una specie botanica estremamente singolare nell'aspetto, dall'alto potenziale decorativo seppure difficilmente coltivabile al di fuori del suo ambiente naturale. È facilmente riconoscibile grazie al suo aspetto spinoso e ai fiori viola con petali e foglie molto appuntiti. Cresce solitamente nella fascia alpina intorno al 1500 - 2500o metri di altezza e presenta radici molto robuste, in grado di penetrare a fondo nel terreno pietroso, con un unico fusto eretto dal quale dipartono foglie e fiori. La pianta può raggiungere anche gli 80 cm di altezza nel suo ambiente naturale, e nella parte alta anche il fusto presenta un caratteristico colore violaceo. La fioritura dà origine a un achenoide molto spinoso. Si tratta di una pianta un po' rara da trovare, ma estremamente gradevole e dall'applicazione anche pratica. L'utilizzo della regina delle Alpi nel campo della fitoterapia riguarda principalmente la sua azione diuretica, lassativa, diuretica e sedativa. A questo scopo si utilizzano solitamente le foglie e le radici. Le prime si raccolgono in estate, le seconde dell'autunno fino alla fine del periodo di raccolta delle foglie. In ambito culinario la regina delle Alpi può inoltre fornire un valido colorante naturale del tutto sano e senza controindicazioni.
Regina delle Alpi

Vivai Le Georgiche Vitex Agnus-Castus (Agnocasto)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,6€


Principi attivi e benefici

Regina delle AlpiDella regina delle Alpi, nota anche come cardo azzurro, vengono utilizzate svariate parti per la realizzazione di tisane, infusi, decotti e tinture per uso interno. Della pianta, le parti che contengono maggiori quantità di principi attivi sono certamente le foglie e le radici. I fiori difficilmente vengono presi in considerazione, in quanto di dimensioni estremamente piccole: le parti comunemente considerate tali, infatti, sono in realtà delle foglie aggiuntive di colore violaceo intenso. La regina delle Alpi può venire assunta come pianta depurativa, che facilita la regolarizzazione dell'intestino e l'eliminazione di sostanze tossiche dall'organismo. Le sue parti possono essere assunte sotto forma di tisana o infuso autonomo, oppure insieme ad altri elementi per aumentarne l'efficacia. Si tratta di una pianta che non presenta particolari effetti collaterali, per questo viene utilizzata anche come colorante alimentare, che può essere assunto da persone di tutte le età. Le foglie, in particolare, se raccolte ancora giovani possono diventare un gustoso alimento, immerse nell'aceto oppure candite, per dare vita ad un dolce del tutto originale e certamente molto salutare.

  • serenoarepens1 La Serenoa repens, conosciuta comunemente come Palmetto della Florida, è una palma nana che cresce prevalentemente nel Sud Est degli Stati Uniti. Appartiene alla famiglia delle Palmaceae e raggiunge a...
  • spinaci2 Lo spinacio, nome completo Spinacia Oleracea, è un ortaggio conosciuto fin dall’antichità ed introdotto in Europa a partire dall’anno mille per opera degli Arabi. Appartiene al genere delle piccole pi...
  • timo1 Il timo è un piccolo arbusto aromatico che cresce praticamente in tutto il mondo. In Italia lo si può trovare ovunque, sia coltivato che come pianta spontanea. Dalla pianura e fino ad altitudini di 80...
  • Pianta di ortosiphon L’ortosiphon è una pianta di provenienza indonesiana nota anche con il nome di The di Giava, particolarmente diffusa ed utilizzata per le sue proprietà benefiche e depuranti. Il nome scientifico della...

Plant Theatre, Set per la coltivazione di 6 tipi di fiori commestibili

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,99€


Coltivazione

Regina delle Alpi La regina delle Alpi è una pianta estremamente decorativa, eppure al tempo stesso non facile da coltivare. Non sopporta infatti le alte temperature e non si adatta in modo particolare a terreni diversi a quelli ad essa congeniali. Per questo, la si ritrova come germogliazione spontanea solamente ad elevate altitudini, su terreni aridi e duri. È comunque possibile coltivarla in montagna oppure tentare la coltivazione anche in altri luoghi, purché il clima non sia troppo diverso e ostile alla pianta stessa. La regina delle Alpi resiste anche a temperature molto rigide ma richiede almeno alcune ore quotidiane di esposizione ai raggi diretti del sole. Non necessita di abbondanti quantità d'acqua, dunque è sufficiente provvedere ad innaffiarla a fondo ogni due o tre settimane. In caso si desideri utilizzare dell'insetticida, occorre ricordare che si tratta di una pianta ad uso anche alimentare e dunque provvedere alla scelta di prodotti adatti all'agricoltura. In primavera si può poi provvedere alla concimazione, con prodotti ricchi di azoto, che garantiranno la crescita abbondante della pianta. Sempre in primavera si può dare inizio ad un trattamento di prevenzione contro malattie fungine, che possono svilupparsi a causa dei frequenti sbalzi termici e delle piogge. Tutti i trattamenti sono comunque da effettuare prima delle fioriture.


Regina delle Alpi: Prodotti in commercio

Regina delle Alpi La regina delle Alpi, per quanto efficace, non gode di vastissima diffusione in campo fitoterapico, proprio per via della difficoltà di coltivarla in ambienti appropriati. Solitamente, la si può acquistare però sotto forma di piantine già cresciute o sementi, per dare vita ad una coltivazione in primo luogo decorativa, ma all'occorrenza anche utilizzabile per scopi legati alla fitoterapia. E' possibile utilizzare le singole parti della pianta, principalmente le foglie, come elementi base per infusi e tisane, che in alternativa possono anche essere acquistate, solitamente in un mix con altri elementi che presentano le stesse funzioni beenfiche per l'organismo. La regina delle Alpi, grazie al suo caratteristico pigmento colorato, trova applicazione anche in ambito culinario, come colorante del tutto naturale e dunque privo di effetti collaterali e perfettamente salutare, dunque ingeribile da chiunque.



COMMENTI SULL' ARTICOLO