Menta

Cos’è

La menta è una pianta erbacea aromatica originaria dell’Europa, dell’Asia e dell’Africa. Antichi Egizi, Romani e Cinesi, infatti, apprezzavano e conoscevano le sue benefiche proprietà officinali. Si tratta di una pianta ormai diffusa in tutto il mondo, che cresce a basse altitudini e fino a 1800 metri di altezza. La menta annovera diverse varietà che si creano attraverso l’ibridazione spontanea delle varie specie. La pianta appartiene al genere Mentha e alla famiglia delle Labiate. Le diverse varietà di menta vengono suddivise in base alla loro altezza che è compresa tra 30 centimetri e oltre un metro. Quelle più alte sono le mente a spiga a cui appartengono le seguenti varietà: Mentha rotundifolia, Mentha viridis, Mentha Crispata, Mentha lonfigolia. Le mente più basse, dette mente nane , comprendono le seguenti varietà: Mentha pulegium, Mentha arvensis, Mentha acquatica. Dall’incrocio della Mentha viridis e la Mentha acquatica si sviluppa un ibrido che è il più conosciuto del genere Mentha, ovvero la Mentha piperita che è la varietà più usata in campo officinale. A dire il vero tutte le varietà di menta presentano le stesse proprietà, anche se cambia il luogo in cui si sviluppano, l’altezza e alcune caratteristiche botaniche che riguardano la lunghezza delle foglie e il loro colore che varia dal verde scuro, al bianco grigiastro. In genere, la menta si presenta con foglie larghe, più o meno dentellate e molti fiori piccoli di colore rosa, raccolti a spiga, che fioriscono in estate. La menta predilige terreni umidi e si sviluppa sia al sole che a mezz’ombra. L’odore della menta è forte, dal sapore rinfrescante. Le parti della pianta usate in erboristeria sono le foglie e le sommità fiorite che vanno raccolte nel periodo della fioritura (agosto) per ottenere la massima concentrazione di principi attivi. La pianta si può consumare fresca o essiccata all’aria e all’ombra.
menta1

Battle - Semi Aromatici Menta Spicata / Romana (Semi - 40-50Cm)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,05€


Proprietà

menta2 Alla menta sono attribuite proprietà carminative, digestive, espettoranti e anestetiche. Gli effetti della pianta sono dovuti alla presenza di un olio essenziale, il mentolo, che le conferisce l’odore tipico. Altri costituenti sono il mentone, tannini, un derivato terpenico (puletone) , resine e sostanze amare. Le principali proprietà della menta sembrano attribuibili al mentolo. Queste si esplicano principalmente a livello del tratto gastrointestinale dove hanno un’azione sedativa calmando gli spasmi della muscolatura liscia e favorendo i processi digestivi. L’olio essenziale della menta piperita si è rivelato utile per lenire di dolori di stomaco provocati dal colon irritabile ( colite) e alcuni studi hanno dimostrato che per la sua azione sedativa potrebbe essere usato anche per calmare gli spasmi durante le endoscopie. L’olio essenziale della menta avrebbe anche proprietà antiemetiche, cioè combatterebbe il sintomo della nausea. Interessanti anche le sue proprietà antinfiammatorie e immunostimolanti che lo rendono utile in caso di infiammazioni delle vie aeree superiori. Le inalazioni però vanno fatte a occhi chiusi, per via dell’effetto irritante sulla congiuntiva. Le proprietà anestetiche del mentolo si esplicano soprattutto a livello locale. Prodotti a base di mentolo, applicati sulla pelle e sulle mucose, danno un senso di freddo localizzato e di sedazione del dolore. Sembra che l’essenza della menta blocchi il flusso dei canali di calcio che determinerebbero le sensazioni dolorose. Altri effetti sono anche quelli antimicotici. Per ottenere i massimi benefici in caso di problemi digestivi e dermatologici, la menta viene però miscelata ad altre piante officinali, mentre la sua essenza viene combinata con altri oli essenziali ( le cui dosi vengono preparate solo da erboristi esperti).

  • giardino fiorito Il giardino richiede cura e manutenzione costante, poiché le piante e i fiori devono essere seguite costantemente durante l’anno. Il giardinaggio è la tecnica che si occupa della coltivazione di piant...
  • fontana da esterno Le fontane da esterno sono definite tali poiché posseggono delle specifiche caratteristiche che le rendono adatte a un giardino. Iniziamo elencando queste caratteristiche: la resistenza del materiale ...
  • fontana da giardino Le fontane da giardino permettono di arredare uno spazio verde con garbo e gusto. La fontana è senz’altro un elemento molto ricercato perché realizza uno spazio senz’altro unico nel suo genere: l’acqu...
  • piante usate come rimedio antizanzare Il giardino presenta una vegetazione piuttosto diversificata. Per creare uno spazio gradevole alla vista, che renda l’ambiente esterno ancora più confortevole, è necessario prendere le giuste precauzi...

Extragifts Fiori in lattina - Menta

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,95€


Usi

La menta viene impiegata sia in cucina che in fitoterapia. Nel primo caso serve per aromatizzare diverse ricette, dove le foglie si possono aggiungere sia fresche che essiccate ( perché il mentolo non viene eliminato dall’essiccazione). In fitoterapia, con la menta, si possono ottenere diversi rimedi officinali, tra cui l’infuso, da usare per calmare la tosse e favorire l’espettorazione. La dose di menta per preparare l’infuso è di 1,5 grammi per tazza di acqua bollente, da lasciare in infusione per 15 minuti. Si filtra e poi si beve una tazza dopo ogni pasto. La soluzione si può anche dolcificare con il miele. In commercio, per sfruttare gli effetti benefici, si trova anche l’olio essenziale di menta. La dose consigliata è di 3 gocce dopo ogni pasto. Disponibili anche le capsule che contengono estratti di menta in polvere. La dose consigliata è di una capsula dopo i pasti. Altri rimedi erboristici comprendono anche la tintura madre di menta piperita. La dose consigliata è di 40 gocce per tre volte al giorno. Le gocce possono anche essere fatte con l’estratto fluido di menta. In tal caso, la dose consigliata è di 43 gocce al giorno. L’olio essenziale della menta viene anche usato per produrre rimedi per l’igiene della bocca, antalgici per i problemi orofaringei e prodotti antiprurito per le affezioni dermatologiche. Una piccola quantità di olio essenziale, frizionata sulle tempie, può combattere la cefalea e avere un effetto antireumatico. L’utilizzo della menta è sconsigliato a coloro che soffrono di ulcera gastroduodenale e di calcoli biliari. Per l’effetto irritante sulle mucose e sulla pelle, l’olio essenziale va diluito prima di essere usato. La somministrazione di olio essenziale al mentolo è controindicata in chi soffre di favismo. Non somministrare il mentolo, per via topica, ai bambini. La dose letale per l’uomo è di due grammi e un’inalazione eccessiva nei bambini potrebbe provocare degli spasmi mortali. L’uso eccessivo di menta può provocare insonnia.


Menta: Costi dei prodotti

La tintura madre di menta in flacone da 50 ml costa poco più di 7 euro. Stessa fascia di prezzo per una confezione da 10 ml di olio essenziale di menta piperita. L’infuso si può preparare con le foglie di menta che si hanno in casa. In commercio si trova anche il famoso tè alla menta, dall’aroma fresco e balsamico. Il costo di due confezioni di cialde, per prepararlo, è di 11 euro.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO