Ninfea - Nymphaea

Messa a dimora e rinvaso

Il periodo migliore per la messa a dimora delle ninfee è aprile-maggio e va fatta nel momento in cui i rizomi abbiano prodotto almeno alcune foglioline. I rizomi delle ninfee si possono piantare direttamente sul fondo dello specchio d’acqua oppure prima inserite in vaso e poi piantate; in questo secondo caso andrà usato un vaso di plastica dove verrà posta della terra, sarà inserito il rizoma che successivamente andrà coperto con della terra e immerso nell’acqua. Per avere un sano e corretto sviluppo la pianta ha bisogno di un tipo di terra argillosa. Se la ninfea è nuova ed è appena stata piantata, darà il massimo della fioritura dopo due o tre anni.
ninfea


Acqua

Può essere usata acqua di rubinetto per riempire il laghetto delle ninfee, in questo caso dovrete lasciar passare circa una settimana prima di inserirle; attenzione a non cambiarla mai, in caso di diminuzione per evaporazione procedere con la sola aggiunta.

  • Bouganville

    bouganville buttiana A molti di noi sarà sicuramente capitato, passeggiando tranquillamente per le vie delle nostre città, di vedere e restare affascinati dagli splendidi colori della Bouganville, questa pianta così parti...
  • Mimosa

    mimosa La mimosa, o meglio Acacia dealbata, ha origine nella zona del sud-est australiano e della Tasmania (in queste zone può raggiungere anche l’altezza di 20-25 metri). In Europa fu importata verso il 19...
  • Passiflora

    caerulea Il nome passiflora deriva dal latino e significa fiore della passione, questo perché alcune delle parti di questa pianta hanno una somiglianza con alcuni simboli religiosi della passione di Gesù. E’ u...
  • asparago

    asparago L’asparago è una pianta perenne. In tempi antichi veniva coltivato nel Medio Oriente, in Egitto e in Grecia, pare che in Europa la coltivazione sia iniziata verso il 1400 dove i maggiori produttori so...


Concimazione

Le ninfee non sono molto difficili da coltivare, basterà seguire alcune semplici ma fondamentali operazioni. Nella fase dell’impianto le ninfee avranno bisogno di un terriccio ricco di letame con l’aggiunta, possibilmente, di sangue secco. Durante il periodo autunnale, quando l’acqua viene prosciugata dai diversi stagni, laghetti ecc., le ninfee vanno coperte con della torba e concimate; nel periodo primaverile sarà necessario sostituire lo strato di sabbia con un nuovo.


Riproduzione

La moltiplicazione delle ninfee avviene per divisione del rizoma durante il periodo primaverile. Il rizoma va diviso avendo l’accortezza di lasciare una gemma per ogni pezzo tagliato. Usare sempre un coltello ben affilato e pulito. Si consiglia di compiere questa operazione non frequentemente, ma circa ogni tre anni o più, in questo modo si avranno fiori più belli ed abbondanti.

Dopo questa divisione i rizomi vanno interrati. Meno usata è la moltiplicazione per seme.


Potatura

In genere le ninfee non vanno potate, ma nel caso di crescita troppo abbondante, si effettuerà uno sfoltimento della pianta.


Fiori

Il periodo di fioritura delle ninfee va da maggio a settembre, i fiori sono ermafroditi, cioè posseggono entrambi gli organi riproduttivi, si aprono durante il giorno con la presenza del sole mentre rimangono chiusi di notte e in assenza dello stesso; possono essere di vari colori, dal rosa al viola, dall’azzurro al giallo, bianchi oppure sfumati. In genere il calice è composto da quattro o sei sepali di colore verde caduchi oppure persistenti; la corolla è composta dai petali che sono disposti in cerchio a spirale. Gli stami, organi riproduttivi maschili, nella maggior parte delle specie sono di colore giallo e molto numerosi, quelli esterni sono composti da petali mentre quelli interni posseggono filamenti. La parte superiore degli stami ha forma lineare allungata. L’ovario, organo riproduttore femminile, è situato in una posizione media, ha forma tondeggiante ed è composto da più cavità all’interno delle quali si trovano i semi.

L’impollinazione della ninfea avviene per mezzo delle mosche.

Vi consigliamo di tenere l’acqua ad una temperatura di circa venti-venticinque gradi, in questo modo le vostre ninfee produrranno dei magnifici fiori.


Malattie e Parassiti

Le ninfee vengono attaccate soprattutto dagli afidi che prendono di mira i fiori che emergono dall’acqua; in caso di infestazione, prima di procedere con la somministrazione di prodotti specifici, vi consigliamo di spruzzare dei getti d’acqua sulle piante per far in modo che questi pidocchietti si stacchino. Nel caso notiate dei sintomi particolari sulle vostre ninfee, leggete attentamente la sezioni “malattie delle piante” e “parassiti delle piante” nella rubrica “giardinaggio”.


Vendita

In commercio ci sono davvero tantissime varietà che soddisferanno ogni vostra esigenza; quando acquistate le ninfee dovete stare soprattutto attenti alle loro dimensioni e a quelle dello specchio d’acqua a vostra disposizione. Quelle molto grandi ad esempio, andranno bene per laghetti di grosse dimensioni, mentre varietà di ninfea come la Froebelii e Gonnere saranno adatte per laghetti di piccola-media grandezza. Avete, per caso, un laghetto davvero piccolo piccolo ma volete lo stesso inserirvi una ninfea? Niente paura! Ne esistono anche in miniatura come la varietà Pygmaea Helvola.


Specie più diffuse

Attualmente esistono molte specie e varietà di ninfea, di seguito ve ne spiegheremo alcune tra le maggiormente diffuse:

Nynphaea Alba: è la ninfea comune, nella maggior parte dei casi presenta fiori di colore bianco che si sviluppano durante il periodo estivo, in alcune varietà possono essere anche rosa oppure bordeaux. Ne esiste una varietà nana adatta alla coltivazione su terrazzi e balconi.

Nynphaea Amazonum: è una specie che necessita di un ambiente caldo, i fiori sono perlopiù gialli ed hanno un profumo molto intenso.

Nynphaea Caerulea: si adatta anche alla coltivazione in Italia ma solo in quella meridionale, ha fiori fantastici di colore blu o bianchi a seconda della varietà.

Nynphaea Capensis: è tipica delle zone con clima caldo come Sicilia, Liguria ecc., i fiori possono avere diversi colori a seconda della varietà, blu, azzurro, viola, rosa, sono molto profumati.

Nynphaea Gigantea: questa specie presenta fiori di colore blu con interno giallo provvisti di molti petali.

Nynphaea Odorata: come si può dedurre dal nome, questa ninfea possiede fiori molto profumati di colore bianco sfumato rosso, può vivere ed adattarsi bene anche nelle regioni dell’Italia del nord.

Nynphaea Pygmaea Alba: insieme alla Pygmaea Helvola sono le due varietà nane che si adattano benissimo alla coltivazione su balconi e terrazzi, hanno foglie di piccole dimensioni e presentano fiori di colore bianco oppure rosa sfumato giallo.

Nynphaea Rubra: questa specie ha la caratteristica di avere foglie di color porpora e fiori rossi, preferisce climi particolarmente caldi.

Nynphaea Stellata: al contrario della quasi totalità di ninfee che presentano foglie di forma più o meno tonda, questa specie ha foglie irregolari, si adatta a climi caldi e, a seconda della varietà, può avere fiori di colore blu o bordeaux.

Nynphaea Tuberosa: le foglie presentano contorni ondulati, i fiori sono di colore bianco o rosa con un gradevole profumo. Nel nord Italia di coltiva all’aperto.


Ninfea: Curiosità

In passato la ninfea era raffigurata spesso sulle chiese in quanto considerato un simbolo di castità e candore, questo per la sua caratteristica di aprirsi sull’acqua senza sporcarsi di fango. I greci la consideravano una pianta dai poteri afrodisiaci, mentre gli egiziani la usavano per decorare le tombe. Oggi giorno la ninfea significa purezza, innocenza, riservatezza. Alcuni tipi di ninfea hanno proprietà terapeutiche e le radici ridotte in polvere possono aiutare a combattere la diarrea e le emorroidi.

Alcune popolazioni utilizzato le radici in cucina in quanto contengono al loro interno una buona quantità di fecola.



commenti

Nome:

E-mail:

Commento:


21:00:13 -
Luciano Giachi - commento su Ninfea
Nella vasca dove tengo le ninfee, ci sono anche dei pesci, come posso concimare le ninfee senza uccidere i pesci?.Grazie