Peonia

Le peonie sono piante molto decorative e ampiamente usate sia nelle composizioni floreali che nella decorazione di giardini ed aiuole. Si tratta di piante semplici da coltivare e con pochissime necessità colturali. Tutte le attenzioni da riservare alle peonie mirano a garantirne la bellezza sia nei fiori che nell’intera pianta. Per chi non lo avesse capito, infatti, le peonie sono delle stupende piante a fiore o piante fiorite coltivate soprattutto per la loro elevata resa ornamentale.La peonia è una pianta appartenente alla famiglia delle Peoniaceae e al genere Paeonia. Classificata nel vasto genere delle angiosperme, ovvero nelle piante che fioriscono e producono frutti contenenti semi, la peonia è originaria dell’Asia, dell’America Nord Orientale e del Sud Europa. Il portamento della pianta cambia in base alla varietà. In natura esistono infatti peonie erbacee e peonie arbustive. Le prime presentano radici carnose e molti steli da cui si sviluppano le foglie e i fiori. Questi ultimi occupano la parte aerea della pianta, ... continua

Articoli su : Peonia


ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
    • Peonia bianca

      Campo di peonie bianche L'articolo mostra, con un linguaggio chiaro e alla portata di tutti, anche dei neofiti del giardinaggio, come coltivare, curare e mantenere la peonia bianca. Inoltre fornisce anche dettagli sulla fami
    • Peonia significato

      una peonia rosa acceso La peonia ha una forma corposa ma allo stesso tempo delicata ed elegante, come una donna seducente ma pudica, non a caso questo fiore è sinonimo di eros ed incontro tra il maschile ed il femminile, in
    • Bouquet peonie

      Piante di peonia A chi non farebbe piacere ricevere un bel bouquet di peonie da una persona amata? La peonia è uno dei fiori che, per il linguaggio dei fiori, esprime amore, affetto, positività e richiesta di perdono
    • Peonia erbacea

      cespuglio peonie Il genere "peonia" appartiene alla famiglia delle Peoniacee. Ne fanno parte le peonie erbacee, ma anche arbustive perenni, con grandi fiori dai numerosi petali sovrapposti, coloratissimi e, di solito,
    • Peonie coltivazione

      Coltivazione delle peonie La coltivazione delle peonie è caratterizzata dalla messa in pratica di tecniche colturali specifiche. Nonostante siano piante molto resistenti, hanno bisogno della giusta struttura del terriccio, pre
    • Fiore peonia

      Fiore di peonia Esistono due varietà del fiore peonia: la specie erbacea e quella arbustiva. Entrambe producono un'unica fioritura da aprile a giugno con fiori grandi e dai colori che vanno dal bianco al rosso. Quest
    • Paeonia

      Fiore di Paeonia Per riuscire a coltivare adeguatamente la Paeonia si devono tenere in considerazione moltissimi aspetti, questo per rendere il fiore bello, profumato e colorato, per evitare che la pianta si ammali op
    • Peonie costo

      Bellissime piante di peonia Il giardino, si sa, è la passione di moltissime persone in tutto il mondo, e con esso le relative piante. Tra tutte, la peonia è di certo una delle più amate, grazie al suo caratteristico fiore. Nel c
    ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
      prosegui ... , che appare molto estesa. Il senso di crescita delle varietà erbacee è orizzontale. Le peonie arbustive o arboree, dette anche peonie legnose, crescono, invece, in senso verticale e orizzontale. Queste varietà presentano dei robusti rami simili a quelli degli alberi dove si sviluppano le foglie e i fiori.

      Come già detto esistono numerose varietà di peonia. Sarebbe impossibile elencarle tutte. In questa sede ci limiteremo dunque a ricordare le più conosciute e coltivate. Tra le varietà di peonia arborea ricordiamo Paeonia lactiflorae Paeonia officinalis, mentre tra le varietà arboree ricordiamo Paeonia suffruticosa e Paeonia lutea. Da queste varietà si sono anche ottenuti degli ibridi con una particolare colorazione dei fiori. Anche gli ibridi presentano un portamento che può essere sia erbaceo che arbustivo o a cespuglio.

      La peonia è una pianta che, come già accennato ai precedenti paragrafi, è molto conosciuta e apprezzata per la sua resa ornamentale. Con i fiori recisi si possono infatti realizzare dei deliziosi bouquet da regalare nelle occasioni speciali. In alternativa, la peonia può anche essere coltivata, sia in vaso che a pieno campo. Gli usi della peonia dipendono essenzialmente dalla varietà. Quelle erbacee, per via dello stelo lungo, sono adatte alla creazione di bouquet e di composizioni in vaso, ma anche alla creazione di aiuole e bordure fiorite. Le varietà arboree, invece, per la loro robustezza, sono più indicate per creare strutture più coprenti, come siepi e recinzioni di sfondo. Le varietà arboree, comunque, grazie anche alle foglie dall’aspetto leggero e leggiadro, hanno un’ottima resa ornamentale anche se vengono coltivate in maniera isolata. In queste piante, poi, i fiori sono di una bellezza rara e quasi orientaleggiante.

      Le foglie della peonia sono composte, intensamente larghe e lobate. I fiori, a volte gradevolmente profumati, spaziano dal rosso, al rosa e al bianco. Le varietà erbacee non superano il metro e mezzo di altezza, mentre quelle arbustive possono raggiungere i tre metri. La peonia fiorisce tra aprile e giugno. Il mese esatto di fioritura dipende sempre dalla varietà.

      La peonia si presta alla coltivazione sia su terreno che in vaso. In caso di coltivazione a pieno campo, il suolo va attentamente lavorato e preparato. Per renderlo più fertile conviene anche concimarlo con letame o stallatico maturo. Nella somministrazione del concime bisogna fare attenzione a non eccedere e a non farlo arrivare a contatto con le radici. Queste ultime, infatti,a contatto con il concime, tendono a non radicare o a danneggiarsi completamente. La peonia, sia erbacea che arbustiva, è comunque una pianta che si adatta a qualsiasi condizione e a qualsiasi tipo di terreno, purché non vi sia un eccesso di umidità. Questa non dovrebbe essere presente né nell’aria e nemmeno nel substrato. Il terreno ideale per la pianta è neutro, cioè con un ph vicino o pari a sette, argilloso, ben drenato e ricco di sostanza organica. Nel vaso si può preparare una miscela di sabbia e torba. Per evitare i ristagni idrici, conviene riempire il fondo del vaso o la buca con circa cinque centimetri di ghiaia.La peonia gradisce le esposizioni a mezz’ombra, ma anche soleggiate. La diversa esposizione dipende dalla zona in cui la pianta viene coltivata. Nelle zone calde conviene esporla a mezz’ombra, in quelle fredde, invece, meglio porla in pieno sole. La peonia, sia in vaso che a pieno campo, va messa a dimora tra settembre e novembre. La piantumazione autunnale consente di rafforzare le radici della pianta prima che arrivi la stagione vegetativa. La pianta si può mettere a dimora anche in inverno, purché il terreno non sia gelato e la temperatura non sia troppo bassa. La peonia coltivata in vaso si può mettere a dimora anche a marzo.

      Nella messa a dimora della peonia conta molto la distanza dell’impianto, ovvero la distanza tra una pianta e l’altra. Questa regola non va chiaramente rispettata nel caso di coltivazione singola della pianta. Spesso, però, la peonia viene coltivata assieme ad altre piante. In questo caso bisogna rispettare una distanza minima tra una pianta e l’altra. Le peonie erbacee devono distare dalle altre piante almeno ottanta centimetri, quelle arbustive, invece, devono distare almeno centocinquanta centimetri. Da segnalare, che la pianta va comunque abbinata a specie simili. Questo ne favorisce l’attecchimento e lo sviluppo. La peonia arborea, dunque, può essere coltivata con altre specie arboree, mentre quelle erbacea va coltivata con altre piante erbacee. La peonia teme molto i ristagni idrici e gli eccessi di umidità. Le annaffiature devono dunque tenere conto di questo limite. In genere bisogna irrigare solo quando il terreno appare completamente asciutto e aspettare che si asciughi completamente tra un’irrigazione e l’altra. La pianta teme anche le concimazioni eccessive. Queste ultime, infatti, possono alterare il ph del terreno e danneggiare la radici. Il concime ideale per la peonia è a lenta cessione. Si può usare un concime per piante fiorite o del letame bovino. Questo prodotto permette anche di effettuare una pacciamatura del terreno. In tal modo, si protegge la pianta dal gelo e dall’umidità e le si garantisce il corretto nutrimento.La peonia non necessita di potature eccessive. In genere si eliminano i fiori appassiti o gli steli e fusti colpiti da malattie. Questi interventi si possono effettuare sia sulle varietà erbacee che su quelle arbustive. In queste ultime, però, in caso di crescita eccessiva, si possono potare i rami più grossi che sporgono in altezza. Questa tecnica serve per stimolare lo sviluppo delle gemme basali. Gli interventi di potatura vanno effettuati in autunno. Sempre in questa stagione vanno anche tagliati i fusti a qualche centimetro dal suolo per evitare lo sviluppo di patologie fungine. I resti di potatura vanno eliminati o bruciati per evitare la trasmissione delle malattie alle altre piante.

      La moltiplicazione della peonia avviene per innesto, per divisione dei cespi e per semina. L’innesto si pratica usando la radice di una varietà erbacea su cui viene inserito un ramo legnoso prodotto dalla pianta nel corso dell’anno. Questo innesto, effettuato con la tecnica dell’innesto a spacco, quindi utilizzando le marze, ovvero solo i rami, si pratica da fine agosto a fine settembre. Altra tecnica di riproduzione della peonia, la divisione in cespi. In genere si dividono due, tre o quattro parti di piante già adulte e di grandi dimensioni. Nelle parti prelevate ci si deve assicurare che siano presenti le radici e gli steli o fusti. Nella peonia ingrossata, la divisione dei cespi va fatta entro l’autunno dissotterrando le radici e tagliandole con una lama affilata, pulita e disinfettata. Il metodo che consente di creare delle nuove varietà di peonie è la semina. Questo metodo, però, non è facilmente praticabile perché i semi attecchiscono dopo circa due anni, mentre per la prima fioritura occorrono addirittura otto anni dalla semina. La peonia teme i ristagni idrici e gli eccessi di umidità. Questi due fattori possono infatti causare lo sviluppo di gravissime malattie fungine, tra cui la botrite, la muffa grigia e il cladosporium. Queste malattie possono attaccare le radici, i fusti o gli steli, le foglie e boccioli. Per evitarle si consiglia di non eccedere con le concimazioni e con le annaffiature, specie in caso di stagione troppo umida. In caso di clima con eccesso di umidità conviene anche usare dei prodotti antifungini. Durante la stagione più umida, ovvero l’autunno, è necessario tagliare i fusti della pianta a qualche centimetro dal suolo. Questa tecnica previene molte malattie fungine. La peonia può essere attaccata anche dai nematodi, vermi in grado di causare gravi danni estetici a questa pianta.

      La peonia è una pianta davvero unica nel suo genere. Basta pensare che la chioma delle varietà erbacee muore e si rinnova completamente durante l’inverno. Con questa pianta si possono anche creare delle deliziose composizioni floreali. Quando si tagliano i fiori bisogna ricordarsi di lasciare almeno due foglie alla base del fusto per non compromettere lo sviluppo della pianta. Per far durare a lungo i fiori recisi, invece, conviene tagliarli quando i boccioli sono ancora morbidi. Il taglio dei fiori già aperti, invece, fa durare molto poco la composizione. La peonia è anche una delle piante che fiorisce più precocemente rispetto alle altre. La fioritura normale avviene dopo due o tre anni, ma quando accade, i fiori non durano molto e iniziano a sembrare appassiti già all’inizio dell’autunno. Con i giusti accorgimenti, però, e con le corrette tecniche colturali, la peonia è in grado di regalarci delle stupende fioriture e delle composizioni invidiabili. La pianta si può anche ammirare in vaso o a pieno campo. In tutti i casi, la sua bellezza è innegabile e vale davvero la pena coltivarla.

      • peonia Ben note per i loro splendidi fiori, le peonie producono anche un bel fogliame e degli arbusti vigorosi e ampi, molto ad
        visita : peonia