Camelia - Camellia japonica

La Camelia

La Camelia è originaria delle zone tropicali asiatiche, è una pianta sempreverde con uno sviluppo di tipo arbustivo di forma arrotondata. In Italia, un tempo, era molto più coltivata, attualmente è diffusa soprattutto nella zona del Lago Maggiore, in Liguria e nell’Italia centro-sud e insulare. Il nome Camelia deriva da Kamel, un farmacista botanico che fu il primo ad importare questa pianta dal Giappone. Alcune piante di Camelia, in natura e in condizioni climatiche favorevoli, possono arrivare ad un’altezza di quindici metri. La Camelia viene spesso usata per decorare parchi e giardini, la specie più utilizzata per questo scopo è la Camellia Japonica che, come dice il nome stesso, ha origine in Corea e Giappone.

Essendo una pianta sempre verde, conserva le sue foglie durante tutto l’anno, esse hanno colore verde di gradazioni diverse a seconda della specie, disposte in modo alterno, lucide e con ghiandole aromatiche. Il periodo di fioritura è quello primaverile, i fiori possono essere di colore bianco, rosso, rosa, doppi, semplici, a peonia, ad anemone e doppio classico, alcuni sono caratterizzati da un intenso profumo ed altri ne sono privi. Il frutto della Camelia consiste in una capsula.

La Camelia produce un’enorme quantità di fiori e, se ci trovassimo di fronte ad una fioritura esagerata, sarebbe opportuno intervenire sfoltendo i fiori, avendone così una quantità minore ma di grandezza superiore.

La Camelia preferisce un clima temperato e ricco di umidità e, in questi luoghi, come in quelli in cui ha avuto la sua origine, questo arbusto è molto alto, ramificato e dalla corteccia si ricava un legno particolarmente duro.

camelia jurys yellow


Specie

camelia hybride rogers hallLa pianta della Camelia si divide in moltissime specie, ma quelle maggiormente coltivate sono: Camellia Japonica: come abbiamo detto nel paragrafo precedente, questa specie trae la sua originale in Asia, Giappone, Corea, ha un portamento di tipo arbustivo e può arrivare a sei metri di altezza, le foglie sono di forma ovale con margini dentellati, lucide e non cadono durante tutto il periodo dell’anno. I fiori di questa specie hanno una larghezza tra i sette e i quattordici centimetri, possono avere colore bianco, rosa, rosso in varie gradazioni, essi fioriscono dal mese di febbraio al mese di maggio. Questo tipo di Camelia non ama i climi freddi.

Camellia Sasanqua: questa specie ha origine in Cina, la sua fioritura va da novembre a marzo, i fiori sono di tipo semplice e di colore bianco, rosa o rosso.

Camellia Reticulata: anch’essa ha origine in Cina, i suoi fiori hanno una notevole grandezza e hanno colore rosa di diverse gradazioni.

In base ai lori fiori poi, possiamo citare alcune varietà:

A fiore bianco-puro: Alba imbricata, Alba di Casoretti, Alba plena, Ristori ecc.

A fiore bianco listato, screziato e macchiato rosa e rosso: Angela Cocchi, Camilla Galli, Conte di Fiandra, Dionisia Poniatowski, Elisa Casareto, Elvira Bianchi ecc.

A fiore rosa: Incarnata, Adele Palagi Medici, Tommaso Lazzarini ecc.

A fiore rosso o rosa scuro: Aurora di Guicciardini, Conte Covour, L’avvenire, Parmentieri ecc.

A fiore rosso o rosa listato, variegato o macchinato di bianco: Abate Bianchi, Bella Romana, Cardinale Antonelli, Danovaro, Emilia Perruzzi, Principessa Strozzi ecc.

  • Ficus benjamin

    pianta ficus benjamino Il ficus Benjamino trae la sua origine nelle zone tropicali dell’Asia ma è molto diffuso anche in India, Cina meridionale, Malaysia, Filippine, nord Australia e in alcune isole del Pacifico meridional...
  • Oleandro

    oleandro L’oleandro, o meglio Nerium Oleander, probabilmente trae la propria origine in Asia ma è stato naturalizzato e cresce in maniera spontanea nelle regioni del Mediterraneo dove viene coltivato principal...
  • Calla

    zantedeschia La calla è conosciuta anche con il nome di Arum d’Etiopia. E’ una pianta semiacquatica ma si sviluppa perfettamente anche in vaso o in piena terra.La calla è una pianta con fusto sotterraneo perenne...
  • alloro

    alloro L’alloro è stato introdotto in Europa dall’Asia Minore, dal Peloponneso, questa pianta si è diffusa in tutta Europa, soprattutto nei giardini dove è molto utile per formare dei boschetti, arrivando fi...


Terreno e Tecniche Colturali

camelia adolphe audusson 0630La pianta della Camelia preferisce una coltivazione all’aperto, può resistere anche a climi molto freddi, anche se sarebbe meglio non esporla mai a temperature inferiori ai 5-7°C. Anche se, come abbiamo detto, la Camelia non teme il freddo, nei mesi con temperature molto rigide, sarebbe opportuno posizionarle in un luogo riparato oppure proteggerla mettendo della paglia o foglie secche a copertura del terreno; appena la temperatura lo permette, riposizionare subito la Camelia all’aria aperta in una zona semiombreggiata e non al sole diretto, è una pianta che non ama assolutamente i luoghi chiusi. Il terreno preferito dalla Camelia è di tipo acido, sciolto e ricco di sostanza organica (il migliore dovrebbe essere composto da terra di Erica mista a terriccio di castagno, ma anche da torba, foglie in decomposizione, trucioli ecc.); come per molte altre piante, la Camelia necessita di un terreno ben drenato perché teme i ristagni idrici. Il rinvaso va fatto ogni anno tra settembre ed ottobre.

La Camelia si moltiplica per talea (tranne la specie Reticulata), seme, propaggine, margotta

Riguardo alla moltiplicazione per talea, in estate si prelevano le talee lunghe 8-15 centimetri con parte di corteccia, si tolgono le foglie più basse e se ne lasciano due o tre all’apice. A questo punto si pianteranno in un terriccio con torba e sabbia e si posizioneranno in un luogo con temperatura costante di circa 25-30°C. Aspettare fino a che le talee abbiano messo le radici (circa quattro mesi).

La tecnica di moltiplicazione per seme viene usata al fine di creare nuove coltivazioni, in quanto, come detto in altri articoli, essa non garantisce l’uguaglianza tra le nuove piante e la pianta madre.

Quando i frutti, cioè le capsule, avranno assunto un colore bruno-rossastro, nella stagione autunnale, si raccoglieranno i semi che andranno interrati in un substrato acido. La temperatura ottimale per questo tipo di moltiplicazione è di circa 20°C. Se partite dal seme per avere delle Camelie, dovrete essere molto pazienti, perché esso comincerà a dare i primi risultati non prima di quattro anni. Se si vuol utilizzare la tecnica della moltiplicazione per margotta, bisogna optare per dei rami di circa due anni, con un diametro di massimo un centimetro con una lunghezza di 30-40 centimetri: intorno al ramo, di solito inciso, si pone un contenitore di plastica con del terriccio umido affinché esso produca radici, dopodiché si rinvaserà in un terreno composto da torba e sabbia. A questo punto si metterà il vaso in un luogo protetto per un anno.


Concimazione ed Irrigazione

camelia jap Per far sì che produca germogli e fiori in primavera, sarà opportuno, alla fine della stagione invernale, apportare dell’humus o stallatico maturo ai piedi della pianta di Camelia, mentre nel periodo primaverile che va da marzo a settembre, il concime deve essere composto da azoto, fosforo, potassio; in questo caso può essere usato anche un concime di tipo liquido sciolto nell’acqua usata per innaffiare e somministrato ogni 20-25 giorni. Come già detto, la Camelia ha bisogno di un terreno costantemente umido ma non troppo, nel periodo primavera-estate apportare acqua in quantità non eccessiva per evitare i ristagni idrici e, una volta ogni quindici giorni circa, bagnare le foglie per pulirle; durante l’inverno è opportuno lasciare asciugare il terreno prima di procedere con una nuova innaffiatura. L’acqua che userete per irrigare dovrebbe essere priva o comunque povera di calcare.


Potatura

Questa operazione si deve effettuare dopo la fioritura della pianta, bisogna eliminare i rami secchi o deboli, sistemare gli apici vegetativi per garantire un migliore sviluppo alla Camelia. La potatura è molto importante perché questa pianta, in genere, si sviluppa e cresce in modo disordinato.


Proprietà

Nell’Asia tropicale, soprattutto nelle zone della Cina, India, Sri Lanka, Giappone e Kenya, dalle foglie giovani della Camellia Sinensis si ricava un tè molto tonificante. Si prepara un infuso di foglie e in alcuni casi, vi si aggiungono delle spezie. Si dice sia la bevanda più nota al mondo dopo l’acqua. Esistono vari tipi di questo tè: quello nero, verde, oolong, bianco, giallo e postfermentato. I nomi variano a seconda del diverso trattamento subito dalle foglie e dal grado di fermentazione: quello di tipo nero è fermentato, quello verde non fermentato, quello oolong semifermentato. Dopo l’essiccatura il tè può diventare aromatizzato, deteinato e pressato.

Le sostanze contenute nel tè sono: la caffeina che stimola il sistema nervoso, la teanina, la catechina che è un antiossidante, la teobromina e la teofillina e il fluoruro.

Il tè può avere diversi effetti a seconda della varietà e dal metodo di infusione. Se il periodo di infusione è breve l’effetto è stimolante, se questo è maggiore l’effetto sarà contrario.


Malattie e Parassiti

La Camelia è soggetta a diverse malattie e, molte volte, esse sono provocate anche dall’apporto errato di elementi necessari al regolare sviluppo.

Se le foglie sono fragili e di un verde sbiadito, è sintomo di una carenza di azoto.

Se notate che i fiori si sviluppano in modo lento, al contrario, significa che abbiamo apportato un’eccessiva quantità di concime azotato.

Se la Camelia sviluppa foglie che si staccano in maniera molto facile dalla pianta significa che è carente di fosforo.

Nel caso in cui i fiori fossero carenti di colore e molto sensibili al freddo ed agli attacchi di funghi, dovremmo intensificare l’apporto di potassio.

Se la pianta ingiallisce e non sviluppa radici è perché l’abbiamo posta in un terreno troppo ricco di calcare, in questo caso sarà opportuno rinvasarla in un terriccio adatto.

Troppa umidità, poca luce, temperature troppo alte o repentini cali di temperatura possono provocare la caduta di gemme e scurezza dei petali.

Se sulle foglie si formano macchie, la loro forma diventa irregolare e la parte superiore diventa argentata, questo sintomo è segno di un attacco del fungo Pestalozzia Guepini. In questo caso bisognerà togliere le foglie infestate ed usare prodotti a base di rame.

I due principali parassiti nemici di questa pianta sono la cocciniglia bruna o farinosa e il ragnetto rosso.

La prima si manifesta con la comparsa di piccole macchie a forma di scudo sulla pianta, si possono eliminare con un batuffolo con dell’alcool se la pianta è giovane, se è più grande ed adulta procedere con antiparassitari. Il secondo provoca l’opacizzazione delle foglie, le rende di colore bronzato e le infesta di ragnatele. In questo caso bisogna rendere l’ambiente più umido perché, come detto più volte, un’alta umidità sfavorisce il riprodursi di questo parassita.


Il fiore dell'amore

camelia Dirlo con un fiore? Perché no! Quale miglior regalo da fare a chi amiamo per stupire e far emozionare le persone a cui vogliamo bene? Nel linguaggio dei fiori la camelia è il fiore per eccellenza degli innamorati. E' un portafortuna, un pensiero di augurio, un dono romantico per la vostra metà!

In Oriente in particolar modo la camelia è il simbolo della devozione eterna tra gli innamorati e l'immagine legata al fiore è quella della danza del petalo del fiore e del calice che percorrono il ciclo della vita insieme. Attenzione però! La camelia, secondo un'antica leggenda, se portata tra i capelli della donna in procinto di diventar madre, ritarderebbe e prolungherebbe la gravidanza!



Guarda il Video
  • camelia japonica

    camelia japonica genere di oltre 80 specie di piccoli alberi ed arbusti sempreverdi, rustici, originari dell'India, della Cina e del Giap
    visita : camelia japonica
  • camelia pianta

    camelia pianta Le Camelie appartengono alle theacee, esistono circa una decina di specie, tra le quali soltanto alcune vengono coltivat
    visita : camelia pianta
  • camelia malattie

    camelia malattie La camelia è un arbusto presente in natura in oltre ottanta varietà, tutte però sono molto delicate e soggette a malatti
    visita : camelia malattie

commenti

Nome:

E-mail:

Commento:


14:09:32 -
rosina - commento su Camelia
La mia camelia ha perso le foglie perchè
14:01:17 -
Francia Marialuisa - commento su Camelia
Si possono clotivare camelie in pienaterra all£alititudine di 800 m.s.l.m. ( appennino tosco-emiliano)? Se sì, qual è la varietà più adatta per terreno neutro/acido ( presenza conifere) ,ben drenato? Dove si può acquistare? Grazie, e complimenti.
12:30:11 -
giuseppe - commento su Camelia
informazioni camellia