Significato Ibisco

vedi anche: ibiscus

Simbologia

Lo splendido fiore di ibisco nativo dell’Asia e delle isole del Pacifico, introdotto in Europa nel ‘700 e negli Usa un secolo dopo, è ormai reperibile in quasi tutto il globo con denominazioni e significati diversi a seconda dell’area geografica. L'ibisco – ‘Fiore di un'ora’, ‘Acetosa di Guinea’, ‘Rosa della Cina’, ‘Zinger rosso’, ‘Rosa malva’, ecc. – è ovunque considerato testimonianza di una ‘bella estate’, altrimenti non fiorirebbe. Di conseguenza, il dono di fiori di ibisco augura di trascorrere piacevolmente i mesi estivi. In Europa, deriva dall'era vittoriana (1837-1901) l’attuale significato dell'ibisco di ‘bellezza delicata’ attribuito a questo fiore per la sua durata soltanto dal mattino e al tardo pomeriggio. Nel Nord America, è simbolico di avvenenza, fecondità, devozione della ‘sposa perfetta’. Nella lingua giapponese, ‘hanakotoba’ significa ‘dolce’: il fiore di ibisco dà il benarrivato amichevole a qualunque visitatore.

Comunemente diffuso nelle isole del Pacifico, il fiore di ibisco è il simbolo dello Stato delle Hawaii dal 1923. E’ tradizione donarlo in ghirlande a collana alle autorità statali e ai turisti in segno di benvenuto ospitale e, secondo un’antica credenza popolare, incita a cogliere le opportunità. Le donne hawaiane portano questo fiore tipico tra i capelli dietro l’orecchio sinistro, per mostrare il loro status di single, o dietro al destro, se impegnate, oppure dietro a entrambe le orecchie, quando vorrebbero un nuovo amore pur essendo già accompagnate. In Cina, l’alberello di ibisco (‘Hibiscus rosa-sinensis’) incarna la ricchezza e la fama, mentre il fiore delicato rappresenta la ragazza non sposata. In Corea del Sud, dove il fiore di ibisco (‘Hibiscus syriacus’, ‘Mugunghwa’) è l’emblema nazionale, identifica l’immortalità, nonostante la sua delicatezza, l’amore perpetuo nei matrimoni e l’invincibilità militare in guerra. Nel culto indù, è offerto alla dea Kali e a Ganesha. Introdotto sulla penisola malese nel XII secolo, l'ibisco cinese (‘Bunga Raya’, ‘fiore della festa’) è il simbolo della nazione (dal 1960), coniato e stampato su monete e banconote che, con i petali rossi, rappresenta la vita, il coraggio e la rapida crescita del Paese.


Tatoo

Il fiore colorato e luminoso di ibisco è il tatuaggio tribale più rappresentativo delle isole Hawaii: simbolo di grande potere e rispetto, in bianco equivale a purezza e illuminazione interiore, in viola a ricchezza. Da migliaia di anni, l’arte tradizionale tatoo polinesiana riprende gli elementi naturali (acqua, animali, fiori, ecc.) hawaiani; si è diffusa ovunque con interpretazioni moderne appassionando i giovani, soprattutto le ragazze. Ogni membro delle tribù hawaiane era tatuato in segno di appartenenza con la tecnica tradizionale ‘Kakau’ a inchiostro nero (succo di canna da zucchero con noci kukui) per ottenere felicità e benessere dagli dei. Oggi i tatuaggi esotici del fiore di ibisco, appariscente e dai colori vivaci, soprattutto giallo (tra i disponibili rosso, arancio, rosa, bianco, verde, lavanda, blu, viola), sono richiesti per la bellezza della forma semplice (cinque petali liberi uniti alla base a tromba), di grande versatilità su diverse parti del corpo maschile e su fondoschiena, ombelico, anca e polso femminili. Questo tipo di tatuaggio è prediletto dai nativi o dai discendenti hawaiani per rispetto verso la loro patria, ma anche da appartenenti ad entrambi i sessi di qualunque nazionalità in segno di lealtà, devozione e fedeltà al proprio partner (tatuando il suo nome attorno al fiore); in ricordo di un amore finito o del primo in assoluto, dei momenti indimenticabili trascorsi alle Hawaii, dello stile di vita rilassato di quel popolo, oppure come sinonimo della vita troppo breve come quella del fiore di ibisco. Tra i fiori tatuati a gruppi si inseriscono foglie, steli, o altre parti della pianta per conferire un aspetto più naturale, senza mai aggiungere elementi di altre specie vegetali, semmai personaggi di fantasia come fatine e angeli. A detta dei tatuatori, figure in stile tribale hawaiano, come danzatrici di hula oppure onde oceaniche, rendono più originale il tatuaggio di un singolo fiore di ibisco sul corpo maschile.

  • Campanella

    leucojum aestivum gravetye La campanella è una graziosa pianta erbacea appartenente al genere Leucojum. Questo genere non presenta molte specie, infatti ne conta circa 10-20 , tra cui le più note sono Leucojum aestivum, Leucoj
  • Fiore di mandorlo

    "fiore di mandorlo" I fiori di mandorlo sono i primi a sbocciare in primavera, talvolta nel tardo inverno, e per questo simboleggiano la speranza, oltre che il ritorno in vita della natura ma, sfiorendo nell’arco di un b
  • Fiore di ciliegio

    "fiore di ciliegio" Regalare un ramo di ciliegio fiorito indicava un ammirevole comportamento educato, secondo il significato ottocentesco anglosassone dell’epoca vittoriana mentre, in Cina, si riferisce ancora alla bell
  • Malva

    malva La malva, il cui nome scientifico è Malva sylvestris, è una pianta erbacea cespugliosa appartenente alla famiglia delle Malvacee. E’ coltivata come pianta ornamentale e per le sue straordinarie propri


Karkadè

Il delizioso tè senza caffeina di fiori di ibisco, color rosso rubino, ottimo caldo o freddo, dal sapore intenso di frutti di bosco e limone, è noto come ‘Karkadè’ in Italia, in Egitto e in Sudan. Già sorseggiato dai faraoni egiziani per rinvigorirsi dal caldo del deserto e ritenuto un afrodisiaco, si è diffuso come ‘Roselle’ o ‘Bissap’ in Africa occidentale, ‘Flor de Giamaica’ in Messico, ‘Gongura’ in India e in Brasile, e a livello internazionale. Andrebbe preparato in una pentola rivestita di smalto per non distruggere i sali minerali, le vitamine (soprattutto vitamina C), i flavonoidi e le proantocianidine (agenti antiossidanti naturali) contenuti. Ne sono state provate le proprietà diuretiche e il ruolo sul controllo della pressione arteriosa. In Messico è assunto dalle persone con problemi renali, ma anche come infuso aggiungendo molto zucchero. In Giamaica e in molte isole dei Caraibi, una bevanda rinfrescante ottenuta miscelando fiori di ibisco con altre erbe, radici, spezie, è tradizionalmente servita fredda con zucchero di canna nel periodo natalizio; l’ibisco viene anche mescolato al rum o al vino giamaicano. In Senegal, la diffusissima bevanda nazionale di ‘bissap’ è preparata con il succo di fiori rossi di ibisco (‘Hibiscus sabdariffa’ o ‘roselle’), adatti per preparare marmellate e sciroppi, mentre i calici verdi si consumano come spinaci piccanti nel ‘thiéboudieune’, piatto tradizionale di riso con pesce. Lo sciroppo di ibisco, che deriva dai nativi australiani, viene servito con acqua frizzante e con un fiore fresco come decorazione, oppure con vodka in proporzione doppia, ghiaccio, con o senza un limone. In Malesia, è in commercio un drink a base di succo di fiore di ibisco, fiore utilizzato come colorante alimentare in gelatine con l’addensante agar-agar, ananas a fette e verdure cotte. Alcune specie di ibisco sono, infatti, una fonte naturale del colorante alimentare E163 in sostituzione del rosso sintetico E 127. Il fiore essiccato di ibisco, consumato come una prelibatezza in Messico, è anche candito e inserito come guarnizione. Nelle isole del Pacifico e nei Caraibi, i fiori di ibisco vengono conditi in insalata, utilizzati per preparare marmellate ed essiccati per tisane.

Tra i malesi, il decotto di radici di ibisco era un rimedio tradizionale in caso di febbre e un collirio per occhi irritati; i fiori servivano da esorcismo contro le epidemie e le malattie. L’infuso di petali era utilizzato come espettorante nella bronchite; dopo essere stato esposto alla rugiada, era consigliato in caso di gonorrea. Si usava anche il decotto di fiori bianchi e rossi come antidoto al veleno. Il succo di fiori bianchi di ibisco era assunto in presenza di difterite. Le foglie venivano applicate in impacco per alleviare mal di testa, foruncoli, piaghe, gonfiori; i petali di ibisco rosa erano utilizzati per calmare le infiammazioni cutanee. In India si impiegava il calice dei fiori gialli per le proprietà lenitive e protettive; anticamente rientrava in preparazioni di profumi e balsami rinfrescanti. Nelle Filippine, invece, la poltiglia di boccioli veniva applicata sui rigonfiamenti tumorali. Fiori rossi di ibisco si mescolavano a semi di papaya ad uso abortivo in Olanda, dove le ostetriche aiutavano le partorienti con la mucillagine e il succo delle foglie di ‘Hibiscus tiliaceus’. All’ibisco venivano riconosciute proprietà medicamentose dalla fitoterapia cinese e indiana. La medicina ayurvedica utilizzava i petali di ibisco, soprattutto della varietà a fiori bianchi e a fiori rossi, insieme ad altre erbe, per preparare un olio medicato per prevenire la caduta e l’ingrigirsi dei capelli, stimolarne la ricrescita e, in generale, per risolvere la forfora e altri problemi al cuoio capelluto; foglie e fiori ridotti in poltiglia con poca acqua diventavano un impasto schiumoso adoperato come shampoo condizionante; estratti di foglie e di fiori di ibisco erano un emmenagogo efficace per regolare il ciclo mestruale; con le radici si trattavano le malattie veneree e si preparavano miscele contro la tosse. Gli antichi testi ayurvedici riconoscevano ai petali di ibisco anche proprietà anticoncezionali.


Significato Ibisco: Altri usi

ibiscus Per tradizione indiana, con fiori e foglie cotti nel burro chiarificato si ottiene una tintura per annerire le sopracciglia e truccare il contorno degli occhi. In India e in Cina, i capelli sono trattati con un olio contenente fiore e foglie di ibisco come stimolante, antiforfora, lucidante, e con aceto e fiori, quali emollienti e condizionanti naturali. L’infuso dei petali di ibisco è uno shampoo delicato e ammorbidente per bambini in Polinesia, nel sud-est asiatico, nel centro e nel Sudamerica. I fiori erano adoperati per lucidare le scarpe in Giamaica, in Indonesia e in alcune nazioni africane, dove l’ibisco era denominato, infatti, il ‘fiore delle scarpe’.

Dalla corteccia dell’ibisco (‘Hibiscus canabinus’) si ricavano delle forti fibre che, nelle aree calde subtropicali, possono raggiungere fino a 3 metri di lunghezza e che sono impiegate per produrre tessuti grezzi, reti, carta e, in Polinesia, gonnelline di paglia e parrucche. Nelle Filippine, i bambini immergono gli steli di papaia nel succo appiccicoso di fiori e foglie di ibisco (‘gumamela’) pressati come cannucce per soffiare le bolle.

L’uso ornamentale delle piante di ibisco è diffuso per allestire siepi e file divisorie a fiori colorati lungo strade, autostrade e giardini: le varietà più comuni a questo scopo sono l'ibisco cinese, soprannominato la ‘Regina degli arbusti tropicali’, nelle aree tropicali e subtropicali, e l'Hibiscus syriacus (‘Rosa di Althea’ o ‘Rosa di Sharon’) nelle zone temperate.


Guarda il Video
    tattoo fiori
    tattoo fiori

    Il loto è una delle piante acquatiche più belle ed ammirate e non solo per il suo effetto ornamentale, ma anche per il significato che ricopre in molte culture e religioni orientali. Appartenente al g ...

    visita : tattoo fiori
    ibisco fiore
    ibisco fiore

    Dotato di una bellezza straordinaria e di colori accesi e ricercati, l'ibisco è stato introdotto in Europa soltanto nel 1700 e negli Usa, addirittura il secolo successivo. Attualmente si può reperire ...

    visita : ibisco fiore
    tatuaggi fiori significato
    tatuaggi fiori significato

    La calla è un fiore annoverato a pieno titolo tra quelli che esprimono in sé diversi linguaggi e significati. Fiore celebrato dal cinema, dalla mitologia e dalla fotografia, la calla racchiude signifi ...

    visita : tatuaggi fiori significato
    ibisco rosso
    ibisco rosso

    Salve, ho parecchi ibisco comuni e li ho messi fuori in giardino un mese fà. ora su alcuni le foglie si sono ingiallite e hanno dei puntini verdi, non so se è una malattia o cosa, mi sapete dare una ...

    visita : ibisco rosso

commenti

Nome:

E-mail:

Commento:


12:14:34 -
alfredo - commento su Significato Ibisco
fantastico
12:13:53 -
alfredo - commento su Significato Ibisco
fantastico
13:10:14 -
Linda - commento su Significato Ibisco
vorrei sapere se per fare l£infuso (carcade) vanno bene i fiorni di qualsiasi varieta o se alcuni possono essere nocivi. grazie.