Asparago

Caratteristiche

L’asparago è una pianta erbacea perenne che può contare su un rizoma sotterraneo che in orticoltura viene chiamato con il nome di zampa.

Da questa particolare zampa, praticamente ogni anno, spuntano dei germogli, i cosiddetti turioni, che rappresentano la parte commestibile.

La raccolta dei turioni deve essere effettuata immediatamente dopo che spuntano dal terreno, quindi prima che si verifichi il loro sviluppo aereo, dato che in caso contrario lignificano e si trasformano in steli, provvisti quindi di foglie, fiori e frutti.

Si tratta di una pianta dioica a fiori maschili e femminili; inoltre, la coltura dell’asparago è poliennale, visto che richiede un buon numero di anni prima che dia i suoi frutti, ma che può avere una durata di circa quindici anni di produzione.

L’asparago fa parte della famiglia delle Liliacee (nome scientifico Asparagus officinalis) e pare che si originario della Mesopotamia antica e dei luoghi circostanti i fiumi del Tigri e dell’Eufrate.

asparago


Curiosità

asparago 2L’asparago era già particolarmente diffuso al tempo degli antichi Egizi, che diffuso la coltivazione in tutto il bacino del Mediterraneo.

I primi documenti che testimoniano l’uso di tale ortaggio risalgono al 300 a.C., in cui Teofrasto scrisse la “Storia delle piante”, mentre un secolo dopo, Catone, ne parlò dettagliatamente dal punto di vista agronomico.

Gli antichi Romani diedero il nome di asparago a questa pianta principalmente per due motivi: innanzitutto, per il fatto che la parte che si può mangiare è solamente quella compresa nella apicale del germoglio e, in secondo luogo, perché si pensava che l’asparago avesse delle proprietà benefiche e curative, addirittura in grado di rigenerare il corpo umano e di ridargli una nuova linfa.

  • asparago

    asparago L’asparago è una pianta perenne. In tempi antichi veniva coltivato nel Medio Oriente, in Egitto e in Grecia, pare che in Europa la coltivazione sia iniziata verso il 1400 dove i maggiori produttori so...
  • Asparago selvatico

    Asparago selvatico L'asparago selvatico, appartenente alla famiglia delle Liliacee, è una pianta molto diffusa, che cresce anche in modo spontaneo lungo litorali marini o le rive dei fiumi La sua coltivazione è finalizz...
  • coclearia

    coclearia La coclearia è una pianta che fa parte della grande famiglia delle Crucifere.Si tratta di una pianta erbacea biennale o perenne, che si sviluppa spontaneamente, ma che può anche essere coltivata e r...
  • crescione

    crescione Il crescione, il cui nome scientifico è “Nasturtium officinalis”, ma viene chiamato anche crescione d'acqua, è una pianta erbacea perenne, che presenta un aspetto liscio e lucente ed è conosciuta fin ...


Raccolta

Le radici si devono raccogliere nel momento in cui la pianta è a riposo, ovvero in autunno o nel corso della stagione primaverile.

E’ molto importante fare grande attenzione all’eliminazione della terra intorno alla pianta, in maniera tale da poter arrivare fino alle radici e poi reciderle con il coltello.

E’ altrettanto fondamentale non raccogliere un numero di radici superiore ad un quarto, in modo tale che la pianta possa continuare tranquillamente a vegetare.

Le radici che sono state raccolte devono essere successivamente lavate, tagliate a pezzi con una lunghezza di almeno cinque centimetri e poi si spaccano in due per il lungo.


Proprietà

Gli asparagi si caratterizzano per essere degli ortaggi particolarmente costosi e per avere un’alta percentuale di scarto (che può arrivare fino al 45%); in più sono estremamente ricchi di fibra, vitamine A, B1, B6 e C, oltre alla presenza di acido folico, amminoacidi, carotenoidi e anche Sali minerali, come ad esempio calcio, fosforo e potassio.

Gli asparagi non contengono una quantità elevata di calorie ed è proprio per tale ragione che vengono spesso consigliati nelle diete dimagranti.

Gli asparagi presentano delle proprietà depurative e diuretiche, ma possono vantare anche un’ottima ricchezza di acido urico e, per tale ragione, è sconsigliato il consumo a chi soffre di cistite, gotta ed infiammazioni ai reni.

Gli asparagi riescono a svolgere, inoltre, una tipica funzione stimolante dell’appetito, riducendo il ristagno dei liquidi che si trovano all’interno dei tessuti, soprattutto per via della presenza di purine (che dopo la loro scissione creano l’acido urico) e sono anche particolarmente consigliati per chi ha intenzione di eliminare la cellulite.

In ogni caso, è importante tenere bene a mente che lo stimolo diuretico che viene svolto da parte degli asparagi può essere particolarmente irritante per i reni e, quindi, è meglio non utilizzarlo se si soffre di insufficienza renale e nefrite.

Gli asparagi presentano al loro interno, inoltre, asparagina o acido aspartico, che permette di dare all’urine il suo tipico odore: proprio per tale ragione, la comparsa dell’odore di asparagi nell’urina si può associare esattamente alla buona efficienza del sistema renale.

Dato che presentano una buona quantità di potassio, gli asparagi si caratterizzano per essere un ottimo alimento anche per il cuore e per i muscoli più in generale.


Asparago: Utilizzo

In commercio possiamo trovare un gran numero di varietà di asparagi e si differenziano in relazione alle loro cime, che presentano una colorazione bianca, verde e violacea.

Nel caso in cui voleste avere la sicurezza di comprare degli asparagi che siano assolutamente freschi, è sempre meglio fare molta attenzione alle loro cime: nel momento in cui si dimostrano perfettamente chiuse e compatte, allora vuol dire che quegli asparagi sono davvero freschi, mentre in caso contrario, è meglio non provvedere al loro acquisto.

Gli asparagi sono estremamente ricchi di fibra in confronto a tanti altri ortaggi e, quindi, rappresentano un alimento che può svolgere un’ottima funzione di supporto nelle diete dimagranti, dato che la loro assunzine permette di incrementare, molto rapidamente, il senso di sazietà.

L’assunzione alimentare più adatta dell’asparago è indubbiamente quella di grattugiare le punte dei germogli crude e poi di consumarle mischiate con insalate varie, ma è particolarmente efficace anche il succo estratto tramite centrifuga elettrica.


Guarda il Video

commenti

Nome:

E-mail:

Commento: