Serre per orto

Funzioni e posizione

Le serre per orto sono apprestamenti o strutture utilizzate in agricoltura per proteggere e/o coltivare colture riparate e confinate, isolate dall’esterno e dalle avversità climatiche migliorando l’ambiente di sviluppo durante il ciclo colturale, sfruttando e ottimizzando la trasmissione della radiazione solare diretta. Oltre a riparare le piante dall’eccessiva temperatura, dall’intensità luminosa e dagli agenti atmosferici estremi (brina, gelo, grandine, pioggia, vento), le serre per orto rappresentano una soluzione strategica su qualunque tipo di terreno per sviluppare colture protette ordinarie di ortive in qualunque momento dell’anno, indipendentemente dal clima e dalla stagionalità del raccolto, oppure nel periodo di tardo inverno - inizio primavera fino al trapianto in campo aperto nel momento più opportuno. Infatti, condizionando la climatizzazione interna e il periodo stagionale di normale raccolta, in questi manufatti protettivi si possono effettuare anche pratiche agrarie di produzione anticipata (precoce) o ritardata (tardiva) di orticole (coltivazioni forzate o semiforzate). Le ortive in serra sono coltivate nel terriccio (direttamente o fuori suolo, in contenitori in basso o su bancale), mentre in idroponica o idrocoltura, in un materiale inerte e poroso (pomice, torba, perlite, ecc.) con apporto di nutrienti tramite microirrigazione o subirrigazione; il substrato è sostituito da un liquido anche nutritivo nella coltura galleggiante (Floating system), a ciclo chiuso nel Nutrient Film Technique (NFT); nell’aeroponica, le piante sorrette da elementi di plastica forata con le radici sospese nell'oscurità sono nebulizzate con soluzioni di fertilizzanti minerali.

Determinante per l’efficienza delle serre è la loro posizione in modo tale che l’esposizione sfrutti il massimo di luce diretta del sole – fattore rilevante in particolare nei periodi più freddi – e, quindi, preferibilmente a distanza dall’ombra che si allunga da impedimenti vari (costruzioni, alberi, siepi, ecc.). Per l’effetto serra, attraverso i rivestimenti trasparenti della struttura penetra la luce solare visibile (radiazioni a onde corte), i raggi infrarossi (a onda lunga) vengono assorbiti e rimangono intrappolati all’interno, mantenendo così riscaldata l’aria dell’ambiente e l’incremento di temperatura entro la protezione di tetto e pareti. Questo meccanismo di riscaldamento primario si interrompe aprendo una finestra che, smettendo la funzione di barriera al flusso d'aria, assume automaticamente quella di sistema di raffreddamento della temperatura interna. A partire dalla mattina, i raggi solari vengono assorbiti dalla copertura e dalle piante coltivate dentro alla serra massimizzando lo sviluppo vegetale, così che la posizione migliore per una serra indipendente risulta l’essere a est-ovest e a sud-ovest o a sud in quella addossata. Le serre fredde sfruttano soltanto i raggi solari, mentre le temperate vengono mantenute di notte a temperatura costante tra i 10°-14° C e le calde tra i 16°-20° C.

350 x 200 x 200cm Serra da Giardino Orto A Tunnel in metallo e PE Greenhouse Plante 7m² GWP35L

Prezzo: in offerta su Amazon a: 92,95€
(Risparmi 4€)


Tipologie e materiali

Oltre allo spazio disponibile nell’orto e alla considerazione della resa del raccolto, determinati requisiti (stabilità, resistenza meccanica, tipo di servizio, durabilità, funzioni, ecc.) delle numerose tipologie di costruzioni straordinarie di serre commercializzate a struttura standardizzata o in versione kit fai-da-te, destinate a un orto a indirizzo produttivo famigliare o professionale, richiedono preventive necessarie valutazioni imprescindibili a qualunque progettazione e acquisto.

Miniserre a tunnel (larghezza 2-4,5 m., altezza circa 2 m.) con struttura portante a semicerchio per lo più di metallo e copertura in film plastico rappresentano funzionali protezioni stagionali per file di piante dall’inizio della coltivazione o da fine inverno all’autunno seguente.

Coperture imbullonate per l’orto quale soluzione di facile montaggio e rapido smontaggio sono le serre mobili a tunnel praticabile a volta semicircolare o ellittica di diverse altezze, con telaio ad archetti in acciaio (in due parti separate agganciate tra di loro) sormontato da un telo di copertura in polietilene flessibile o in cloruro di polivinile (PVC) con filtro raggi UV o da un doppio telo di PE con camera d’aria a bassa pressione per garantire maggiore coibentazione.

Sfrutta uno spazio limitato, è di comodo accesso e con disponibilità ravvicinata delle forniture (energia elettrica, acqua, calore), la serra a muro addossata a una parete esterna della propria abitazione, che ne aumenta la stabilità, ne riduce le perdite di calore e i costi di riscaldamento.

Le strutture praticabili indipendenti lasciano entrare più luce solare, ma restano esposte al vento e soggette a dispersioni termiche. A unica campata, accoppiate o gemellate modulari a campata doppia senza parete divisoria o multiple a batteria, diverse sono le caratteristiche costruttive: serre tunnel a singolo arco (o a mansarda) continuo fino a terra o con pareti laterali verticali e tetto curvilineo o gotico, con copertura, testate e pareti laterali in film o lastre di materiale plastico, oppure modelli tradizionali a uno o più elementi a falde piane a padiglione o a venlo (copertura a trave orizzontale a piccoli spioventi) in vetro o plastica a film o in lastra.


  • gazebo in legno per giardino Il giardino è identificato come uno spazio verde, dove stare prevalentemente a contatto con la natura ma per renderlo effettivamente sfruttabile per l’intera giornata è necessario che siano presenti a...
  • eleagnus L’insieme dei fattori climatici – irraggiamento solare, temperatura, precipitazioni, vento, umidità atmosferica, evapo-traspirazione (combinazione di evaporazione dal suolo e traspirazione da alberi e...
  • moscabianca2 Anche se in gergo “mosca bianca” indica una persona fuori dal comune e con qualità positive, in fitopatologia si riferisce a uno dei più temibili parassiti delle piante, o almeno, di molte specie di p...
  • serre2-1 Le serre sono delle strutture coperte adibite alla coltivazione, conservazione ed essiccazione di piante e fiori. Le suddette strutture trovano spazio nelle coltivazioni su larga scala, ma anche nei v...

Serra per piante, con tetto arrotondato, di dimensioni 600 x 300 x 200 cm, colore verde

Prezzo: in offerta su Amazon a: 159,95€
(Risparmi 20€)


Serre per orto: Struttura e impianti

In aggiunta a una fondazione di ancoraggio permanente al terreno (serre fisse) o temporaneo (serre mobili), rimovibili e reimpiegabili allo stesso scopo, gli elementi strutturali essenziali delle serre per orto consistono in pavimentazione interna, struttura portante o autoportante con copertura montata e fissata, aperture di ventilazione (parete e/o tetto), porta d’accesso (persone, mezzi), varie attrezzature, componenti e impianti. Una serie di sistemi tecnologici sono destinati al controllo delle condizioni interne di climatizzazione sia passiva diretta (illuminazione naturale, aperture per ricambio aria, ecc.), sia attiva (temperatura, umidità relativa, concentrazione di anidride carbonica, ventilazione, luce, ecc.) e/o di eventuali altre esigenze (irrigazione e/o fertirrigazione, disinfezione, movimentazione, automatismi, ecc.).

Le serre ordinarie da orto poggiano su una fondazione in muratura (calcestruzzo, piattaforma a mattonelle autobloccanti da esterni), su un cordolo a perimetro del terreno o su un supporto mobile fissato al suolo. La struttura portante è per lo più con telaio in tubolare inalterabile di alluminio o acciaio zincato (antiruggine, resistente alla corrosione) essendo il ferro meno robusto e il legno facile a rotture, modificazioni, richiede manutenzione, ecc. Copertura e pareti incolori, ad alta trasparenza e di lunga durata, sono a lastre di vetro e fibra di vetro lucido o translucido, a singola o doppia parete, a elevata resilienza e resistenza meccanica, fissate alla struttura portante con giunture (giunti, coprigiunti, guarnizioni, bulloni in alluminio, acciaio, gomma), oppure in materia plastica rigida o semi-rigida, liscia o ondulata di resina, vetroresina, poliestere, policarbonato (PC) alveolare protetto dai raggi UV (coibente, resistente, leggero), o in film flessibili di polietilene (PE) o in etil vinile acetato (EVA) anche sovrapposti (maggior tenuta meccanica e termica), cloruro di polivinile (PVC) anche antigoccia, oltre a speciali termici di PE a bassa densità lineare (PEBD). Il vetro è assolutamente trasparente, a isolamento termico, insensibile all’irraggiamento solare e alla combustione, inalterabile da umidità e acidi, ma più fragile, pesante e costoso, mentre in genere le plastiche si deteriorano e sono a durata più limitata.

A seconda delle dimensioni della serra standardizzata, per lo più nella testata è inserita la porta d’accesso (a battente, scorrevole o ribaltabile per macchine agricole), singola o doppia, a chiusura in plastica o ermetica, oppure testate e fiancate apribili con manovelle. Le strutture più ampie montano finestre sul tetto ad apertura manuale o automatica, una o più laterali, singole o doppie, a gravità, vasistas, avvolgimento film plastico o automatizzate e accessori vari (banco lavoro, bancali di coltivazione in metallo o muratura, passerelle, mensole, ecc.). Adeguate aperture verso l’esterno servono per effettuare ricambi di aria a effetto ventilante, raffreddare la temperatura surriscaldata dal calore del sole, diminuire l’umidità dell’aria per evitare la formazione di condensa interna (condizione ideale per il proliferare di malattie fungine che si propagherebbero velocemente al chiuso) durante l’inverno e mantenere costante il livello di anidride all’interno della serra. Un naturale ricambio d’aria può avvenire tramite apposite feritoie di lato al tetto, ventole di scarico e griglie di aspirazione motorizzate, ventilatori installati in parallelo o in serie agli angoli diagonalmente opposti e lungo i lati. Mantenendo l'aria forzatamente in circolo durante l'inverno, le serre riscaldate rimangono a temperatura interna uniforme, altrimenti il flusso di calore salirebbe verso l’alto, lasciando al freddo dalle piante a terra.

Il fabbisogno termico di una serra – dipendente dalla temperatura richiesta dalle piante coltivate, dall'ubicazione e dalla tipologia costruttiva – può richiedere un impianto di riscaldamento (energia elettrica, gas, ecc.) per mantenere il grado di calore desiderato. In estate, le coltivazioni in serra vanno invece protette dal calore e dall'intensità della luce con il ricambio d'aria a ventilazione naturale e/o forzata, un sistema di raffreddamento evaporativo e ombreggianti esterni (schermi di copertura avvolgibili in legno o alluminio, reti di materiale plastico, ecc.), interni (teli plastici, cannicciati, ecc.) o tinteggianti temporanei specifici.

Nelle serre ad alto contenuto tecnologico, una serie di strutture, di attrezzature e di impianti di controllo a gestione automatizzata regolano e programmano il sistema di illuminazione addizionale artificiale (lampade a fluorescenza, a mercurio, a vapori di sodio, ioduri metallici, ecc.) di servizio e d’emergenza, le temperature di riscaldamento – tramite termosifoni, generatori di aria calda, stufe (gas, gasolio, elettricità), fonti alternative, ecc. – e di raffrescamento (finestrature, ombreggiamento, teloni scorrevoli), il condizionamento (a pompa di calore, evaporazione sollecitata da ventilatori Cooling System, ecc.), la carbonicazione (arricchimento di CO2 potenziante il processo di fotosintesi clorofilliana), l'umidità relativa (irrigazioni per aspersione, micronebulizzazione Fog System), e di movimentazione (bancali scorrevoli e/o estraibili, ecc.).

L’installazione di impianti fotovoltaici integrati nella copertura delle serre si sta sviluppando nell’orto-vivaismo in ambiente protetto per rendere indipendente la struttura a livello energetico senza compromettere la produttività delle colture. I pannelli fotovoltaici al silicio sulle falde esposte a sud di serre fisse (anche preesistenti, senza manomettere la struttura a supporto), oltretutto sostituiscono in modo efficiente gli schermi oscuranti. In questo settore di impresa, la gestione, gli impianti e il controllo richiedono, infatti, un ragguardevole il dispendio energetico per la produzione e la post-raccolta, ma contributi e incentivi statali e regionali o nazionali sono destinati allo sviluppo agricolo.


Guarda il Video

commenti

Nome:

E-mail:

Commento: