alchemilla

Caratteristiche

L’alchemilla, che viene spesso chiamata con il nome scientifico di “Alchemilla vulgaris”, è una pianta perenne erbacea, che fa parte delle grande famiglia delle Rosacee e si diffonde soprattutto nella parte centrale ed occidentale del continente europeo, in cui cresce in particolar modo all’interno dei boschi e dei prati di montagna.

Si tratta di una pianta caratterizzata da un fusto particolarmente eretto e da foglie che hanno una forma palmata e sono dentate, con un numero di lobi compreso tra sette ed undici, che permettono di considerare la foglia simile ad un ventaglio.

I fiori dell’alchemilla sono piuttosto piccoli e crescono nel corso del periodo compreso tra il mese di maggio e quello di settembre, quindi per tutta la stagione estiva.

Nella maggior parte dei casi, l’Alchemilla vulgaris si sviluppa allo stato spontaneo, anche se è diffusa, nello stesso modo, come pianta ornamentale e a scopo officinale, dato che presenta un gran numero di proprietà che si trovano all’interno delle sue foglie.

alchemilla


Coltivazione

alchemilla 2In primo luogo, è fondamentale posizionare la pianta in un luogo semi-ombreggiato, in cui può trovare un habitat simile a quello naturale.

Si tratta di una pianta erbacea che sopporta molto bene le basse temperature e le gelate che si verificano nel corso dell’inverno e, anche per tale ragione riesce a diffondersi alle nostre latitudini.

E’ meglio procedere con moderazione per quanto riguarda le irrigazioni, ma sempre tenendo in considerazione come il terreno debba conservarsi sempre umido, evitando i ristagni d’acqua.

Le concimazioni non rivestono un ruolo importanti e vi si deve ricorrere solamente in casi di estrema urgenza.


  • alchemia Nella nomenclatura botanica è conosciuta spesso con il nome scientifico di Alchemilla Vulgaris L..Questa particolare pianta, che viene comunemente chiamata con il nome di Erba Stella o di Erba Venta...
  • alchechengi L’Alchechengi (detto anche alchechengio) è una pianta perenne che presenta la particolarità di produrre delle bacche commestibili e fa parte famiglia delle Solanacee (la stessa del pomodoro e della pa...
  • alloro L’alloro, il cui nome scientifico è “Laurus nobilis” è una pianta aromatica sempreverde che fa parte della famiglia delle Lauracee e si diffonde piuttosto facilmente in tutte quelle zone caratterizzat...
  • aneto L'aneto è una pianta erbacea conosciuta anche con il nome di “Anethum graveolens” e appartiene alla famiglia delle Apiacee.Si tratta di un'erba aromatica annuale che presenta un aroma estremamente f...


Principi attivi

All’interno della pianta di alchemilla vulgaris i principali principi attivi sono tannini, ellagitannini, principi amari, fitosteroli, flavonoidi e saporine.

L’olio essenziale può essere utilizzato sia come astringente che come anti-diarroico, sedativo e per la cura delle infiammazioni e per la prevenzione di diverse infezioni.

In certi casi, l’olio essenziale di alchemilla vulgarsi può tornare molto utile per il mal di testa, oppure in alcune infiammazioni all’intestino o alle vie diuretiche, dato che riesce a porre rimedio ai problemi che si riferiscono all’irritabilità del colon e dell’intestino.


Proprietà

Prima di tutto, è necessario sottolineare come l’alchemilla vulgaris, nei tempi antichi, veniva utilizzata in modo particolare per la cura di emorragie esterne ed interne.

Al giorno d’oggi questa “leggenda” o meglio, modalità d’uso, è stata di gran lunga superata, anche se questa pianticella è sempre tenuta in grande considerazione per quanto riguarda la realizzazione di medicinali per combattere il mal di denti ed il mal di gola.

Nel momento in cui viene utilizzato sotto forma di decotto, invece, l’alchemilla vulgaris è indicata nella cura dei pruriti vaginali ed anali, dato che è in grado di svolgere un’ottima azione rinfrescante.

Inoltre, l’alchemilla vulgaris si può spesso trovare anche in campo culinario, dato che le sue foglie sono commestibili e vengono utilizzate, in molti casi, per l’arricchimento delle insalate.

Le parti che vengono utilizzate della pianta sono le foglie ed il busto: la più importante azione benefica che viene svolta da questa particolare pianta è indubbiamente quella astringente, dato che viene spesso sfruttata per la realizzazione di prodotti per la cura della persona e per l’estetica.

L’alchemilla vulgaris può essere spesso utilizzata per il trattamento della diarrea e per diversi tipi di infiammazioni intestinali, nonostante la sua più importante diffusione si è avuta per merito delle sue proprietà antivirali, antibatteriche e astringenti.

L’olio essenziale di alchemilla vulgaris risulta come uno tra i pochi che permette di svolgere un’azione benefica nella cura della dismenorrea e per la prevenzione della sindrome pre-mestruale.


alchemilla: Utilizzo

Per quanto concerne i problemi di natura mestruale, invece, questa pianta è in grado di svolgere un’ottima azione antiemorragica: ecco spiegato il motivo per cui si adatta molto bene alla terapia della dismenorrea e al trattamento emorragico.

Per quanto riguarda l’anti-viralità, questa pianta è piuttosto diffusa per via di essere particolarmente attiva nei confronti del virus di Herpes Zoster: in ogni caso, è consigliata enorme prudenza nel suo utilizzo, dato che alcune fonti hanno deciso di inserire l’alchemilla vulgaris nella lista delle piante di cui è necessario controllare la cancerogenicità.

Questa particolare pianta viene utilizzata anche in molte occasioni nella forma di decotto esterno, soprattutto per la cura di stati influenzali, tosse, infiammazioni della bocca e della gola e quelle di natura reumatica; inoltre, svolge anche un’interessante ed efficace azione benefica per la cura delle piccole ferite e delle infiammazioni degli occhi.

In commercio possiamo trovare dei prodotti che si basano sull’estratto di alchemilla vulgaris, soprattutto in gocce, anche se di solito i decotti e gli infusi sono i rimedi più diffusi in circolazione.



commenti

Nome:

E-mail:

Commento: