grillotalpa

Grillotalpa

Il grillotalpa è un insetto appartenente al genere degli Ortotteri e alla famiglia dei Gryllotalpidae. A dispetto del nome, il grillotalpa non ha un bell’aspetto, ma fosse solo per questo si potrebbe anche soprassedere. Sfortunatamente, questo insetto infesta spesso i terreni degli orti, dei giardini e dei vivai, causando gravi danni alle piante. Non esistono specie escluse dai danni di questo insetto: ortaggi, piante a fiore e tuberi non resistono all’azione dannosa del grillotalpa, considerato uno dei più comuni e al tempo stesso temibili parassiti delle piante.

grillotalpa1


Caratteristiche

grillotalpa2 Il grillotalpa presenta una colorazione bruna o rossastra, con un corpo formato da testa, torace piuttosto lungo e slanciato e zampe anteriori più corte usate per scavare delle gallerie nel terreno. L’insetto, nella forma adulta, è lungo da 40 mm a cinque centimetri, è ovoviparo e depone uova sul terreno, nella tarda primavera. La capacità riproduttive del grillotalpa è molto elevata, con deposizione di circa trecento ovoteche all’anno. Le larve hanno la forma di neanide, molto simile all’insetto adulto, ma di dimensioni più piccole e con una colorazione più chiara tendente al giallo. Le neanidi svernano in estate e dopo un breve periodo di accudimento, da parte della madre, iniziano ad essere autonome e a scavare gallerie nel terreno. Il periodo che intercorre tra lo stadio di neanide e l’insetto adulto è di circa due anni.

  • Cicoria

    Cicoria pan di zucchero La cicoria è una pianta erbacea di tipo perenne presente in tutto il mondo che può arrivare ad un’altezza di un metro e mezzo. In Italia è molto diffusa ad esclusione delle zone tirreniche e meridiona...


Danni piante

Il grillotalpa, solitamente, infesta i terreni degli orti e dei giardini. Predilige aiuole non curate o tappeti erbosi. Il suolo è l’habitat ideale del grillotalpa che, in genere, vi trascorre tutta la vita, scavando fori e gallerie lunghe da venti centimetri a un metro. Durante questa attività “escavatoria”, il grillotalpa erode le radici delle piante e i tuberi. I principali danni alle specie vegetali avvengono proprio nelle radici, perché l’insetto non è perfettamente fitofago, anche se non disdegna di nutrirsi proprio delle radici delle piante a fiore, del pomodoro, della patata, delle carote, dei peperoni e delle bietole. L’apparato radicale, danneggiato dall’insetto, appare morsicato e le piante, specie quelle più giovani, non potendo assorbire le sostanze nutritive del terreno, finiscono per seccarsi irrimediabilmente.


Cause

Il grillotalpa è attirato dai terreni morbidi, umidi e poco curati. Una cattiva manutenzione del tappeto erboso e una scarsa cura delle aiuole possono attirare questo insetto spingendolo ad insediarsi stabilmente all’interno del suolo del nostro orto o giardino. Residui di foglie secche, bucce di patate, resti di carote o di altre piante a fiore ed orticole, vanno prontamente eliminati dal suolo, poiché attirano l’insetto facendogli credere di potersi nutrire delle loro radici. Dal suolo vanno rimossi anche resti di piante ricche di amido o di altre sostanze organiche che decomponendosi inumidiscono ulteriormente il terreno. Altri fattori che possono attirare il grillotalpa, una concimazione a base di compost poco maturo. Più un concime organico è umido e più si creano le condizioni per attirare l’insetto.


Lotta

La lotta al grillotalpa può essere attuata tramite rimedi chimici o biologici. I primi consistono nell’adozione di esche avvelenate, ovvero di esche impregnate di carbammati aromatici, composti altamente tossici non solo per l’insetto, ma anche per l’ambiente. In commercio esiste un composto per esche velenose, chiamato Methiocarb, proprio a base dei carbammati. Le esche andrebbero inserite nel terreno in modo da uccidere l’insetto durante la fase di scavo e di erosione delle radici. Purtroppo, i veleni sono tossici anche per il suolo, per le piante e per gli uccelli che si trovano a beccare le stesse esche. Per ridurre il rischio di tossicità su piante e suolo, le esche ( resti di carote, mele o patate) si possono inserire in un contenitore di plastica, magari una bottiglia vuota per l’acqua minerale, tagliata a metà e interrata con all’interno la sostanza impregnata di veleno. Le esche avvelenate vanno posizionate sul suolo nel periodo compreso tra aprile, maggio, ovvero quello in cui avviene la deposizione delle uova. La raccolta degli insetti morti va fatta durante le prime ore del mattino per evitare che gli uccelli muoiano nutrendosi proprio degli esemplari avvelenati. Altro valido metodo di lotta al grillotalpa, quello biologico. In natura esistono predatori naturali del grillotalpa: si tratta del gatto, del riccio, del toporagno, di alcune specie di uccelli rapaci, dei merli e dell’upupa.


grillotalpa: Lotta biodinamica

La biodinamica è una disciplina che propone rimedi naturali per risolvere diversi problemi comuni, come la cura delle malattie delle piante o altro. Questa disciplina suggerisce dei consigli anche per liberarsi del grillotalpa. Un rimedio biodinamico molto efficace contro il grillotalpa è quello di posizionare, lungo i bordi del terreno, una bottiglia di plastica tagliata a metà e riempita di pezzi di ortaggi o di birra. La trappola va coperta con una tegola per impedire che vi entri la pioggia e per creare oscurità. Dopo alcuni giorni, attirati dai residui organici della bottiglia, i grillotalpa vi finiranno dentro. A questo punto li si potrà bruciare, distribuendo sul terreno la cenere ottenuta. I resti degli insetti bruciati rappresentano delle tossine per i grillotalpa, che si terranno alla larga dalla zona “contaminata”.



commenti

Nome:

E-mail:

Commento:


19:22:16 -
Davide Semenza - commento su grillotalpa
Unaltro rimedio consiste nel distribuire dei mucchietti di letame prima delle gelate invernali, il grillotalpa va a scaldarsi e a nutrirsi all£interno. Dopo qualche giorno che il terreno gela distribuire il letame. In questo modo il grillotalpa non riesce più a scavare nel terreno e muore per il freddo, inoltre uccelli ed altre specie se ne possono nutrire. Io ho provato in 5 ettari di terreno, l£anno successivo ho avuto meno problemi. Davide.